• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-INTER

Cavani incontenibile: che tripletta! Ranocchia il peggiore in campo


Secondo posto in cassaforte (Getty Images)
AntonioPapa

05/05/2013 23:24

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-INTER / NAPOLI – Tutto secondo i piani per il Napoli, che non prende sottogamba l'impegno contro una rimaneggiatissima Inter e porta a casa la vittoria che vale la Champions. Sugli scudi sempre i soliti noti, con un Pandev ancora una volta straordinario e Cavani... beh, Cavani è Cavani. Per Stramaccioni una sconfitta onorevole, tutto considerato, con la stellina Kovacic che regala momenti di ottimo calcio. 

 

NAPOLI

De Sanctis 6,5 – Intuisce il rigore di Alvarez, si fa trovare pronto nell’altro paio di occasioni che gli si presentano.

Gamberini 6,5 – Sicuro nel tenere a bada qualsiasi pericolo venga dalla sua parte, è costretto poi a uscire per infortunio. Fino a quel momento era stato uno dei migliori del reparto arretrato. (Dal 17’ st Rolando 6 – Pochi minuti per far vedere cosa sa fare, mostra un paio di disimpegni eleganti).

Cannavaro 6,5 – Guida come di consueto una difesa che concede molto poco agli spuntati avversari.

Britos 5,5 – Puntuale nelle chiusure, molto meno quando deve liberarsi del pallone. Ogni suo disimpegno è fonte di ansie per i tifosi. Fosse meno lezioso sarebbe un buon difensore.

Maggio 5,5 – Parte bene con un paio di affondi incoraggianti, poi si perde in quell’apatia che ha caratterizzato praticamente tutta la sua stagione. Non crea più superiorità offensiva, si limita a chiudere in diagonale e a tentare cross che quasi mai vanno a buon fine.

Behrami 7 – Sarebbe capace di far giocare bene qualsiasi compagno giostri al suo fianco. Quantità industriale di palloni recuperati, la cosa bella è che difficilmente ne butta via uno, perché conosce i suoi limiti e fa sempre l’essenziale.

Dzemaili  7 – Ormai il piede è caldo e armato, prova la conclusione appena ha lo spazio e mette sempre in difficoltà Handanovic. Nella sua prestazione anche alcuni pregevoli disimpegni. È davvero un altro Dzemaili. (Dal 20’ st Armero 6,5 - Altri 25 minuti di altissimo profilo conditi dalla splendida progressione a fine partita, che non trova la deviazione di Maggio. Uno degli acquisti più azzeccati della gestione Bigon).

Zuniga 7 – Veloce come un fulmine, va a prendersi di prepotenza il rigore bruciando Jonathan sullo scatto. In coppia con Hamsik poi è una delizia per gli occhi.

Hamsik 6,5 – Pennella palloni interessanti, si sovrappone bene con Zuniga e prova a più riprese la conclusione, con scarsa fortuna. Avrebbe meritato il gol, sarebbe stata la ciliegina sulla torta per i numerosi supporters accorsi al San Paolo.

Pandev 7 – E’ la sua partita e lo sa bene, non ha alcuna intenzione di sfigurare davanti agli ex compagni (e all’ex presidente) e si prende la scena in silenzio, come sa fare lui. Incursioni pericolose con tanti spazi aperti per i compagni.  E poi l’assist a Cavani, quelle palle filtranti che sa dare soltanto un calciatore di queste qualità. (Dal 40’ st Insigne sv)

Cavani 8 – Cento gol. Anzi, centouno. In tre anni. Anzi, in due anni e sette mesi. Trentatrè il primo anno, trentatre il secondo, trentacinque in questa stagione che ancora non è terminata. Fanno bene i tifosi a strapparsi i capelli se va via. Non è Maradona e non lo diventerà, però ha una cosa in comune col D10S: uno così difficilmente lo rivedremo.  

All. Mazzarri 6,5 – Ha fatto bene ieri a tenere alta la guardia: l’Inter non avrebbe fatto da sparring partner e infatti ci prova a più riprese, sebbene subisca l’iniziativa degli azzurri. Ringrazia ancora una volta i suoi uomini più in forma, da Cavani a Pandev passando per Dzemaili. Ed è finalmente Champions.

 

INTER

Handanovic 6 – Incolpevole sui due gol, quando può ci mette il guantone per sventare il pericolo. Conta almeno un paio di ottimi interventi.

Ranocchia 5 – Distratto sul primo gol, si lascia infilare in più di un’occasione dagli scatenati Hamsik e Zuniga. Non era al meglio e si vede. Un intervento da cartellino arancione poco prima di lasciare il campo. 

Chivu 5 – Con Pandev c’è una pluriennale amicizia ma non per questo c’è meno rivalità. Scontri duri ma leali con il macedone, che però prevale spesso e volentieri. Condivide con Ranocchia la responsabilità sul primo gol. (Dal 37' st Schelotto sv)

Juan Jesus 6 – Sfiora la rete ad inizio match, poi si tiene ben saldo nelle retrovie per contrastare gli avversari sul centro-sinistra. Il meno peggio della difesa. 

Jonathan 5 – Ingenuo sul fallo a Zuniga, che pure si incunea a velocità doppia. Il confronto diretto lo vede uscire sicuramente sconfitto.

Benassi 5,5, – Preso nel mezzo della premiata ditta Zuniga-Hamsik, perde spesso la bussola e rischia il cartellino con interventi troppo irruenti. (Dal 1’ st Cambiasso 5,5 - Non mette e non toglie nulla al lavoro a centrocampo. Gli svizzeri azzurri ne fanno polpette).

Kovacic 6 – Il talento ce l’ha e lo mette in mostra quando può, anche se a sprazzi. Pregevole il pallone servito ad Alvarez che si procura poi il rigore.

Kuzmanovic 6 – Le prende e le dà, vorrebbe dare una mano anche in fase offensiva ma difficilmente ci riesce visto il traffico a metà campo. Comunque non sfigura. 

Pereira 5,5 – Potrebbe spingere di più sulla fascia presidiata da Maggio, invece si limita a fare il compitino senza mai strafare. 

Alvarez 6 – Trasforma bene il rigore procurato, poi cerca di pungere ma non ci riesce molto. Non gli si poteva chiedere la luna. 

Guarin 5,5 – Chissà se avrebbe mai pensato di finire a fare la punta in carriera. Si ritrova là davanti e fa il possibile senza grossi risultati. Ma non è certo colpa sua. 

All. Stramaccioni 6 – Sufficienza che tiene conto di una situazione davvero paradossale nella quale paga soprattutto un incomprensibile mercato di gennaio da parte della società. Anzi, per gli uomini che ha a disposizione sta facendo anche troppo.

Arbitro Giannoccaro 6 – Mettiamola così: se è rigore quello per il Napoli è rigore anche quello per l’Inter, e viceversa. Sostanzialmente decide bene in entrambi i casi, soprattutto è lodevole la coerenza nel prendere la stessa decisione.

 

TABELLINO

NAPOLI-INTER 3-1

NAPOLI (3-4-1-2): De Sanctis; Gamberini (Dal 17’ st Rolando), Cannavaro, Britos; Maggio, Behrami, Dzemaili (Dal 20’ st Armero), Zuniga; Hamsik; Pandev (Dal 40’ st Insigne), Cavani. A disp. Rosati, Colombo, Grava, Mesto, Donadel, Inler, El Kaddouri, Calaiò. All. Mazzarri.

INTER (3-5-2): Handanovic; Ranocchia (Dal 37 st Schelotto), Chivu, Juan Jesus; Jonathan, Benassi (Dal 1’ st Cambiasso), Kovacic, Kuzmanovic (Dal 38' st Pasa), Pereira; Alvarez, Guarin. A disp. Carrizo, Belec, Rocchi, Forte, Garritano, Ferrara, Spendholfer. All. Stramaccioni

Marcatori: 3’ Cavani (N), 22’ rig. Alvarez (I), 33’ rig. Cavani (N), 33' st Cavani (N)

Ammoniti: Jonathan, Juan Jesus, Ranocchia (I)




Commenta con Facebook