• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-ATALANTA

PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-ATALANTA

Parolo-Biabiany e il Parma centra la matematica salvezza. Nell'Atalanta si salva soltanto Stendardo


Biabiany (Getty Images)
Valerio Pantone

05/05/2013 17:41

PAGELLE E TABELLINO PARMA-ATALANTA/ PARMA – Dopo cinque giornate il Parma ritrova la vittoria al Tardini contro l’Atalanta e conquista la matematica salvezza. Partita equilibrata fino al gol del vantaggio di Parolo; nella ripresa, infatti, il raddoppio di Biabiany spegne le speranze dei bergamaschi, ancora alla ricerca degli ultimi punti della tranquillità. Da sottolineare nei ducali le prestazioni di Paletta, Belfodil ed Ampuero, oltre a quelle dei due marcatori. Male, invece, quasi tutta l’Atalanta, in particolare Maxi Moralez, Cigarini e Biondini. Si salva soltanto Stendardo.

 PARMA

Mirante 5,5 – Un’uscita avventata per poco non propizia il pareggio dell’Atalanta. Poco reattivo, in generale, sui palloni vaganti in area di rigore.

Benalouane 6 – La presenza sulla fascia di Bonaventura gli procura non pochi grattacapi. Il francese, alla fine, se la cava in qualche modo, nonostante un nervosismo a tratti fuori luogo.  

Paletta 7 – Come sempre una sicurezza per il reparto arretrato del Parma. Si rende protagonista di alcune chiusure provvedenziali, guadagnandosi la palma di migliore in campo.

A.Lucarelli 6,5 – Non perde mai di vista Denis, garantendo una buona affidabilità in coppia con Paletta.

Gobbi 6 – Spinge poco sulla fascia a causa delle continue percussioni di Ampuero e Belfodil. Molto attento in fase difensiva.

Parolo 6,5 – Sempre pericoloso negli inserimenti da dietro, premia la sua buona prestazione realizzando il terzo centro stagionale. Il modo migliore per festeggiare le cento presenze in Serie A, raggiunte la scorsa settimana.

Marchionni 6,5 – Conquista tanti palloni in mezzo al campo riuscendo spesso ad avviare con successo la manovra della squadra. Svolge il cosidetto lavoro oscuro, preziosissimo per i piani tattici di Donadoni.

Ampuero 6,5 – Sicuramente meglio rispetto all’esordio contro la Roma, il giovane centrocampista peruviano appare più a suo agio quando è chiamato ad allargarsi sulla fascia. Generoso anche in fase di interdizione, mostra notevoli margini di miglioramento. Dal 76’ Strasser s.v.

Biabiany 6,5 – Dopo un primo tempo deludente, durante il quale accentra troppo il suo raggio d’azione, sale in cattedra nella ripresa quando sfrutta i maggiori spazi concessi dall’Atalanta e soprattutto realizza la rete del 2-0. Dal 90’ Boniperti s.v.

Amauri 6 – Stretto nella morsa dei due difensori atalantini, appena si presenta l’occasione trova comunque il modo di rendersi pericoloso: soltanto una grande parata di Consigli gli nega la gioia del gol.

Belfodil 6,5 – Parte da sinistra ma non disdegna di svariare su tutto il fronte d’attacco con giocate interessanti. Da una di queste nasce l’azione del vantaggio di Parolo. Dal 76’ Rosi 6 – Entra a risultato già archiviato, trovando anche il tempo per firmare la rete del 3-0, ma l’arbitro glielo annulla.

All. Donadoni 6,5 – Serviva una vittoria per la matematica salvezza, e vittoria è stata. Oltre ai tre punti però l’allenatore gialloblu può sorridere per le prestazioni di Ampuero e del ritrovato Belfodil, due giocatori rilanciati dal tecnico anche in previsione futura.

ATALANTA

Consigli 6 – Autore di una parata straordinaria su un colpo di testa a botta sicura di Amauri, può fare ben poco in occasione dei due gol dei padroni di casa.

Ferri 5 – Fatica a contenere le accelerazioni di Belfodil anche perchè poco aiutato dai suoi compagni di squadra. Dal 60’ De Luca 6 – Prova a muoversi alle spalle di Denis, ma la squadra non appare avere la forza per reagire.

Stendardo 6 – Attento nel controllare i movimenti di Amauri, si conferma il punto di riferimento essenziale della retroguardia nerazzurra, nonostante la sconfitta.

Lucchini 6 – Ha il compito di occuparsi della marcatura su Amauri. Dopo meno di mezz’ora è però costretto ad abbandonare anzitempo il campo per un problema muscolare. Dal 26’ Contini 5,5 – Non commette particolari sbavature, anche se soffre e non poco i continui movimenti degli attaccanti ducali.

Brivio 5 – Ordinato nella prima frazione, va in difficoltà molto nel secondo tempo per colpa delle frequenti scorribande di Biabiany.

Raimondi 5,5 – Puntuale nella spinta sull’out di destra, non crea quasi mai la superiorità numerica in attacco complice anche la sua natura da difensore.

Cigarini 5 – Il pomeriggio da dimenticare della squadra di Colantuono coincide anche con la prestazione incolore del suo regista. Troppo lento nell’impostazione della manovra ed impreciso nei passaggi. Dal 71’ Carmona 6 – Cerca di mettere un pò di ordine in mezzo al campo, ma la squadra ha già gettato la spugna diversi minuti prima.

Biondini 5 – Fa poco filtro a centrocampo venendo spesso sovrastato dal dinamismo dei mediani del Parma.

Bonaventura 5,5 – Sembra l’unico in grado di accendere in qualsiasi momento la partita dell’Atalanta. I suoi compagni però non lo mettono nelle condizioni di esprimersi al meglio.

Maxi Moralez 5 – Rispolverato titolare da Colantuono per la squalifica di Livaja, conferma la sua stagione in anonimato. Poco lucido negli ultimi 25 metri, non riesce mai a far cambiare marcia all’undici bergamasco.

Denis 5,5 – Molto mobile nel primo tempo, cala decisamente nella ripresa anche perchè poco supportato dal resto della squadra. Sfiduciato.

All. Colantuono 5,5 – Nonostante la classifica può far dormire sonni tranquilli all’Atalanta, sicuramente anche il tecnico nerazzurro si sarebbe aspettato una prestazione migliore della sua squadra. Il tandem Denis-Moralez non è lo stesso dello scorso anno e soprattutto è mancata la convinzione necessaria per dare del filo da torcere al Parma.

Arbitro Giacomelli – Qualche indecisione, non decisiva a fini del risultato, per il fischietto triestino che comunque si guadagna la sufficienza. Al settimo del primo minuto sospetto contatto in area di rigore dell’Atalanta tra Lucchini e Paletta, ma l’arbitro preferisce far proseguire. Nel finale di partita, poi, resta il giallo per il gol annullato al parmense Rosi, per una presunta posizione di fuorigioco.

TABELLINO

PARMA-ATALANTA 2-0

PARMA (4-3-3): Mirante; Benalouane, Paletta, Lucarelli, Gobbi; Parolo, Marchionni, Ampuero (dal 76’ Strasser); Biabiany, Amauri, Belfodil (dal 76’ Rosi). A disp.: Pavarini, Bajza, Morrone, Galloppa, Valdes, Santacroce, Palladino, Boniperti, Coda, Ninis. All.: Donadoni.

ATALANTA (4-4-1-1): Consigli; Ferri (dal 60’ De Luca), Lucchini (dal 26’ Contini), Stendardo, Brivio; Raimondi, Cigarini (dal 71’ Carmona), Biondini, Bonaventura; Moralez; Denis. A disp.: Polito, Frezzolini, Capelli, Scaloni, Bellini, Radovanovic, Canini, Giorgi. All.: Colantuono.

Arbitro: Piero Giacomelli di Trieste

Marcatori: 44’ Parolo (P), 58’ Biabiany (P)

Ammoniti: 19’ Ampuero (P), 36’ Parolo (P), 42’ Lucarelli (P),51’ Ferri (A), 58’ Biabiany (P)

 




Commenta con Facebook