Breaking News
© Getty Images

PAGELLE E TABELLINO DI INTER-LAZIO: Anderson ritrovato, Miranda in affanno

La Lazio elimina a domicilio l’Inter grazie alle reti di Anderson e Biglia. Nerazzurri in dieci per l’espulsione di Miranda

PAGELLE E TABELLINO DI INTER-LAZIO PROMOSSI E BOCCIATI – La rete di F.Anderson mette in discesa una partita comunque equilibrata e spettacolare. Biglia ritorna al gol su rigore dopo il fallo con rosso di Miranda. Parità numerica dopo l’espulsione di Radu. Palacio è inadeguato e Candreva sottotono contro i suoi ex compagni.

 

 

INTER

Handanovic 6 – Superato dal colpo di testa imparabile di F. Anderson ma è strepitoso sempre sul brasiliano a metà primo tempo. Nonostante la fame di pararigori non può nulla contro un affamato Biglia.

D'Ambrosio 5,5 – Lulic lo costringere a stare sulle sue e lo impegna molto limitando anche il suo lavoro di raccordo con Candreva.

Murillo 5,5 – Buon primo tempo ma anche lui soffre la mancanza di schermo difensivo e le praterie lasciate agli attaccanti della Lazio.

Miranda 4,5 – Parte bene con una chiusura sontuosa su F. Anderson poi però la sua prestazione non decolla soffrendo le ripartenze avversarie. A campo aperto la sua velocità non è adeguata ed infatti commette il fallo da rigore con annessa espulsione.

Ansaldi 5 – Si perde F. Anderson sul gol e non riesce a recuperare la posizione lasciando il contropiede agli avversari. Dal 58’ Medel 6 – Entra per tamponare l’emergenza difensiva dopo l’espulsione di Miranda. La Lazio spinge meno e non ha tanto lavoro.

Brozovic 6,5 – Pressing approssimativo con tanto campo da coprire. E’ pericoloso come sempre dal limite e alla fine trova il gol che riapre il match per le speranze dei nerazzuri.

Kondogbia 5,5 – Un palo ad inizio partita che fa ben sperare ma durante il match commette alcuni errori gravi che lanciano i contropiede avversari.

Candreva 5 – Il grande ex non infierisce contro i suo ex compagni giocando una gara sottotono. Lui che è il giocatore con più cross in Europa stasera non ne fa uno. E’ costretto più a correre all’indietro che in avanti.

Banega 5 – Brutta partita, sottotono e sempre fuori tempo. L’aggressività della Lazio e gli spazi ampi lo mandano in difficoltà. Dal 46’ Joao Mario 5 – Il portoghese entra per dare maggiore geometria e più incisività ma il pallone perso che porta al rigore e all’espulsione di Miranda è suo.  

Perisic 6 – Parte con il piede sull’acceleratore e mette in difficoltà la retroguardia biancoceleste. Poi come spesso gli capita si prende una pausa prima di dare tutto dopo lo 0-2 subito. E’ tra i più pericolosi.   

Palacio 5,5 – Non è Icardi e si vede ma soprattutto non è una vera punta. E’ generoso con tagli continui ma difficilmente va al tiro. Dal 46’ Icardi 6 – Il capitano entra in campo e suona l a carica per tentare la rimonta.

All. Pioli 5,5 – E’ una squadra in fiducia con tanta energia ma in vista della grande sfida alla Juventus di domenica prossima, lascia fuori Gagliardini e Icardi. Mosse apparentemente sbagliate ma è la retroguardia (titolare) a non offrire le giuste garanzie. Ansaldi fa fatica a rientrare e Miranda è in serata no. Sono questi i campanelli d’allarme piuttosto che l’eliminazione dalla coppa per mano della sua ex squadra.

 

LAZIO

Marchetti 6 – Sul gol subito si fa trovare leggermente fuori dai pali. Pecca di ottimismo e Brozovic lo punisce con una parabola beffarda. Bravo in altre occasioni.

Patric 6,5 – Buona spinta e molto attento tatticamente contro un avversario temibile come Perisic. Tecnicamente ha delle lacune ma fisicamente regge bene.

De Vrij 7 – Fa da scudiero a Marchetti e ripulisce l’area sempre con classe ed eleganza. Nell’assalto finale si esalta fermando spesso e volentieri le iniziative nerazzure.

Hoedt 6,5 – Qualche intervento esuberante ma l’ Olandensone gioca una buona gara sfiorando anche il gol. Finisce sfinito, continuamente messo sotto pressione.  

Radu 5 – Controlla il suo ex compagno Candreva che non è proprio in serata ma l’errore su Icardi costringe la Lazio alla ritirata. Un giocatore con la sua esperienza non può permettersi queste ingenuità.  

Parolo 6,5 – Inzaghi non rinuncia mai al suo motorino instancabile ma è pur vero che il nazionale italiano sta attraversando un momento di conflittualità con il gol. Anche stasera un paio di occasioni facili sbagliate. Per il resto prezioso.

Biglia 6,5 – Perde un pallone sanguinoso al limite dell’area non da lui, sul quale Kondogbia colpisce il palo. Poi con la consueta classe si riprende e conduce l’orchestra con ritrovata maestria. Si ripresenta dal dischetto e con freddezza ritrova il gol.

Murgia 7 – Parte titolare per la prima volta in uno degli stadi più prestigiosi del mondo. Il ragazzo si esalta e gioca una gara ricca d’iniziativa e cercando pure alcune giocate interessanti. Suo il lancio per Immobile dal quale scaturisce il rigore poi trasformato da Biglia. Dal 78’ Wallace s.v.   

Felipe Anderson 7 – Già domenica contro il Chievo si erano riviste alcune sue giocate di alta scuola e stasera conferma la buona forma ritrovata contro una delle sue vittime preferite. I due errori però a tu per tu con Handanovic non fanno lievitare il voto. Dal 74’ Milinkovic-Savic 6 – Anche se non al meglio, la sua fisicità è importante per controllare il risultato.  

Immobile 6,5 – Anche per lui molti errori imperdonabili. Per sua fortuna la Lazio compie comunque il colpo grosso al Meazza e come al solito è prezioso per il gioco offensivo di Inzaghi.  

Lulic 6,5 – Ha visto ed ha letto perfettamente lo scatto di F. Anderson per l’assist vincente sul primo gol. Costringe D’Ambrosio a difendere ma finisce in calando. Dal 75’ Lukaku 6 – entra per difendere il fortino e riesce nel suo intendo.

All. S. Inzaghi 7 – Dopo l’incredibile sconfitta di domenica contro il Chievo arriva la pronta risposta in Coppa Italia battendo l’Inter a Milano. Ritrova F.Anderson e Biglia sognando il derby in semifinale.  

 

Arbitro: Guida 6 – Gara viva sul piano dell’agonismo ma i primi cartellini arrivano solo alla fine del primo tempo. Primo episodio al 42’ quando Parolo contrasta in area Candreva che però era già in caduta. Il laziale rischia molto: il rigore poteva starci. Due minuti dopo ancora proteste nerazzurre per un fallo di Hoedt su Palacio. I padroni di casa protestano per il rigore ma Guida giudica correttamente perché il fallo fuori area. Sul rigore concesso alla Lazio, Miranda è ingenuo, il rosso è giusto a termini di regolamento. Corretto anche il doppio giallo per Radu.    

 

TABELLINO

INTER-LAZIO 1-2

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, Murillo, Miranda, Ansaldi (dal 58’ Medel); Brozovic, Kondogbia; Candreva, Banega (dal 46’ Joao Mario), Perisic; Palacio (dal 46’ Icardi). A disp.: Carrizo, Andreolli, Gagliardini, Biabiany, Santon, Eder, Nagatomo,Barbosa, Pinamonti. All.: Pioli

LAZIO (4-3-3): Marchetti; Patric, De Vrij, Hoedt, Radu; Parolo, Biglia, Murgia (dal 78’ Wallace); Felipe Anderson (dal 74’ Milinkovic-Savic), Immobile, Lulic (dal 74’ Lukaku). A disp.: Strakosha, Vargic, Basta, Bastos, Folorunsho, Luis Alberto, Djordjevic, Rossi.?All.: S. Inzaghi

Arbitro: Guida di Torre Annunziata

 

Marcatori: 20’ F. Anderson (L), 56’ Biglia (rig.) (L), 84’ Brozovic (I)

 

Ammoniti: 44’ D’Ambrosio (I), 44’ Radu (L), 45’ Lulic (L), 52’ Parolo (L), 77’ Radu (L), 79’ Patric (L)

 

Espulsi: 54’ Miranda (I), 77’ Radu (L)

Coppa Italia   Inter   Lazio
Coppa Italia, Inter-Lazio 1-2: Inzaghi vola in semifinale con Anderson e Biglia
Coppa Italia, Inter-Lazio 1-2: Inzaghi vola in semifinale con Anderson e Biglia
Biancocelesti avanti: affronteranno la vincente di Roma-Cesena
Coppa Italia   Genoa   Inter
Coppa Italia, Lazio-Genoa 4-2: poker biancoceleste. Ora c'è l'Inter ai quarti
Coppa Italia, Lazio-Genoa 4-2: poker biancoceleste. Ora c'è l'Inter ai quarti
La squadra di Inzaghi strappa il pass per i quarti di finale
Coppa Italia   Inter   Bologna
Coppa Italia, Inter-Bologna 3-2: successo ai supplementari, Candreva decisivo
Coppa Italia, Inter-Bologna 3-2: successo ai supplementari, Candreva decisivo
I nerazzurri accedono ai quarti di finale della competizione