app_download

Milan-Catania, vergogna a 'San Siro': cori contro Zanetti e carabinieri

La Curva Sud rossonera ha intonato canti contro la bandiera dell'Inter e le forze dell'ordine

Javier Zanetti (Getty Images)
Javier Zanetti (Getty Images)
lascia il tuo
commento
Share
Milan | 29/04/2013 - 08:23
LEGGI ANCHE
24/04/2014 - 00:41
Milan, offerta-choc per Berlusconi: spuntano due imprenditori
23/04/2014 - 20:53
Milan, El Shaarawy: "Sono stati mesi difficili. Voglio tornare al piu' presto"
23/04/2014 - 16:12
Milan, Muntari: "Seguiamo mister Seedorf, la fortuna sta girando"
23/04/2014 - 08:36
Milan, Jefferson 'bacchetta' Seedorf: "Un seccatore perbene"
Stefano D'Alessio (@SDAlessio)

MILAN CATANIA CORI CONTRO ZANETTI E CARABINIERI / MILANO - La nota stonata della vittoria del Milan sul Catania nel posticipo di ieri sera è rappresentata dai cori intonati dalla Curva Sud rossonera.

Nel primo tempo i tifosi milanisti hanno intonato gli ormai soliti canti contro i carabinieri (ancor più di cattivo gusto ieri dal momento che poche ore prima due carabinieri sono rimasti feriti davanti a Palazzo Chigi per mano di un uomo che ha sparato contro di loro da distanza ravvicinata).

Al 28', poi, si è alzato alto il coro: "Salta con noi, Javier Zanetti". Chiaro il riferimento all'infortunio del pomeriggio occorso alla bandiera nerazzurra.

 


LASCIA IL TUO COMMENTO 1493 visite

Se un commento pubblico riceve 20 volte “il pollice verso” cioe’ giudizi negativi, verra’ automaticamente cancellato.
I commenti inseriti dagli utenti registrati non possono ricevere giudizi negativi.
Il tuo attuale indirizzo IP (84.33.193.133) è stato memorizzato.
Ti informiamo che un eventuale utilizzo improprio dello spazio "commenti", potrà identificare chi farà abuso dell' apposito spazio.
SONDAGGIO | Tutti i Sondaggi

Benfica-Juventus, come finira' stasera?

(Getty Images)

Nella Tela del Ragno: Haris Tabakovic, il futuro della Svizzera?

NELLA TELA DEL RAGNO HARIS TABAKOVIC YOUNG BOYS WIL ATTACCANTE SVIZZERA / ROMA - Torniamo in Svizzera e continuiamo a parlare di attaccanti. Oggi (...)