• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Extra Calcio > Cronaca, sparatoria davanti a Palazzo Chigi: feriti due carabinieri, non sono in pericolo di vita

Cronaca, sparatoria davanti a Palazzo Chigi: feriti due carabinieri, non sono in pericolo di vita

Un uomo in giacca e cravatta ha aperto il fuoco contro le forze dell'ordine. In corso al Quirinale il giuramento dei nuovi ministri


Palazzo Chigi (Getty Images)
Stefano D'Alessio (@SDAlessio)

28/04/2013 12:02

PALAZZO CHIGI SPARATORIA GIURAMENTO GOVERNO LETTA / ROMA - Choc a Roma poco prima di mezzogiorno, mentre i nuovi ministri del governo Letta giuravano di fronte al presidente Napolitano al Quirinale: a pochi metri di distanza, davanti a Palazzo Chigi, un uomo in giacca e cravatta ha aperto il fuoco contro i carabinieri.

Due appartenenti alle forze dell'ordine, un brigadiere (Giuseppe Giangrande, 50 anni) e un carabiniere scelto (Francesco Negri, 30 anni), sono rimasti feriti: uno al collo, uno alla gamba. Secondo quanto si apprende non sarebbero in pericolo di vita anche se la prognosi è ancora riservata. Attualmente, Giangrande è ricoverato al policlinico Umberto I, Negri all'ospedale San Giovanni assieme all'attentatore.

L'autore della sparatoria, anch'esso infatti rimasto ferito nel corso della colluttazione, è stato fermato. Secondo le prime ricostruzioni, si tratta di Luigi Preiti, cittadino italiano originario di Rosarno (Calabria) di 49 anni. Il fratello dell'attentatore, intercettato dai cronisti, ha confidato: "Siamo allibiti, non lo vediamo da agosto. E' in crisi economica e si è lasciato con la moglie, ma non è affetto da turbe psichiche".

Nel corso della sparatoria, sarebbe rimasta ferita lievemente anche una donna incinta presente in piazza. A causa della sparatoria, il Consiglio dei Ministri è stato anticipato alle 13.

Il ministro degli Interni, Angelino Alfano, ha aggiunto in conferenza stampa: "L'uomo ha minacciato il suicidio ma non ha potuto metterlo in pratica per l'esaurimento del caricatore. Secondo i primi accertamenti, si tratta di un gesto isolato. La situazione dell'ordine pubblico nel paese non desta preoccupazioni".

Seguiranno aggiornamenti.




Commenta con Facebook