• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI PESCARA-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI PESCARA-NAPOLI

Primo tempo di studio, poi i partnopei dilagano


Dzemaili (Getty Images)
Antonio Papa

27/04/2013 22:53

PAGELLE E TABELLINO DI PESCARA-NAPOLI / PESCARA - Vittoria senza se e senza ma per il Napoli, che si prende un primo tempo di studio prima di andare a piazzare la stoccata vincente con Inler e dilagare poi fino a fine gara. Partita mai in discussione, gestita con sapienza tattica e superiorità tecnica. Tre punti senza discussioni, così come un secondo posto che sembra essere sempre più al sicuro. 

PESCARA 
Pelizzoli 6,5 - Una paratissima su colpo di testa di Insigne, altri interventi prodigiosi prima che la partita si sblocchi; sui due gol poi non può nulla. Esce per un infortunio muscolare e lascia a Perin l'incombenza di prendere il terzo. (Dal 63' Perin 6 - Sfido chiunque di voi a prendere il siluro di Dzemaili, l'unica vera occasione in cui potrebbe dire la sua).
Zanon 5,5 - Ha di fronte prima Zuniga poi Armero e riesce ad affondare solo a sprazzi. 
Cosic 5 - Pandev lo scherza in occasione del suo gol, gli gira intorno come fosse una bella statuina. 
Capuano 5 - E' un obiettivo del Napoli da anni, forse però Bigon farà bene a non affidarsi a questa prestazione per valutarlo. 
Balzano 5 - Dalla sua parte insistono e infieriscono gli avversari, subisce tantissimo l'iniziativa di Maggio. 
Rizzo 5 - Il Napoli domina in lungo e in largo, i due centrali abruzzesi soffrono maledettamente la verve degli svizzeri in azzurro. 
Togni 5 - Nonostante il cognome "circense" non riesce a domare il leone Inler. Ok, era pessima, ma rende bene l'idea di come siano andate le cose. 
Sculli 4,5 - I fasti di Genova sono un ricordo sempre più lontano, in campo praticamente cammina e risulta assolutamente anonimo. (Dal 71' Cascione sv)
Di Francesco 6,5 - Il ragazzo ha personalità e la mette in mostra soprattutto nel primo tempo, specialmente con una conclusione notevole che mette in difficoltà De Sanctis. Nella ripresa si eclissa insieme alla squadra, ma non gli si può chiedere la luna. 
Caprari 5,5 - L'azione più pericolosa del Pescara porta la sua firma, per il resto non eccelle ma almeno regala un sussulto ai tifosi. Non gli va bene come contro la Roma, potrebbe fare sicuramente di più. (Dal 15' st Celik 5,5 - Non cambia la partita, e dire che ne avrebbe le doti). 
Sforzini 5 - Non pervenuto. Cannavaro lo annulla e non gli fa toccare un pallone. Un momento di gloria solo su un colpo di testa che sfiora la traversa. 
All. Bucchi 5 - Poverino, si è ritrovato fra le mani una squadra che ha ormai gettato tutte le armi e lo espone a figure barbine ogni settimana. Se a fine stagione il suo score segnasse un solo punto in undici partite non ve la prendete con lui. Da rivedere senza l'ingrato compito di traghettatore dalla A alla B.

NAPOLI 
De Sanctis 6,5 - Giusto un paio di interventi degni di nota, ma sono quelli che servono per mantenere la porta inviolata. 
Campagnaro 6,5 - La solita propositività offensiva che libera tanto spazio anche per le scorribande di Maggio. Sicuro in fase difensiva.
Cannavaro 6,5 - Presidia il centro della difesa senza patemi, tiene a bada il non irresistibile Sforzini. 
Britos 6 - In una partita di relativa tranquillità riesce a farsi ammonire e a rischiare il gol su una percussione di Caprari. Niente di drammatico comunque.
Maggio 7 - Cavalca da purosangue e si ritaglia un ottimo spazio sulla destra: una delle sue percussioni vale il gol del raddoppio ad opera di Pandev. (Dal 77' Mesto sv)
Dzemaili 7,5 - Un primo tempo di grandissimo spessore tecnico-tattico, poi la ciliegina sulla torta del grandissimo gol che mette il punto al match. Qualunque cosa gli sia accaduta da Torino in poi gli ha cambiato la vita.  
Inler 7 - La panchina gli ha fatto bene. Scarno ai limiti dell'essenziale, quand'è largo a destra scodella palloni pericolosissimi al centro che però non trovano fortuna. Allora decide di pensarci lui e sblocca il risultato con un missile da 20 metri. Gli fa bene anche il Pescara: tre gol in due partite contro i delfini. 
Zuniga 6,5 - La partita si gioca soprattutto dall'altro lato, comunque si disimpegna bene ogni volta che viene chiamato in causa. (Dal 62' Armero 6 - Mette lo zampino nel gol di Dzemaili con un velo prezioso che libera lo svizzero al tiro. In realtà sembra più che cicchi il pallone, ma vabbè). 
Hamsik 6,5 - Esalta il pubblico con una rasoiata a metà primo tempo, con palla che esce di poco a lato. Poi continua a dispensare gioco come sa fare lui, con personalità sempre crescente. E' ormai pronto per diventare leader incontrastato di questa squadra. 
Pandev 6,5 - Dovrebbero creare un copyright al suo gol tipico. Stoppa, si gira su se stesso e trafigge Pelizzoli con un preciso diagonale. Il tutto nel giro di un metro quadrato. Anche se, a onor del vero, la marcatura era parecchio debole. (Dal 79' Calaiò sv)
Insigne 6,5 - Il gol lo segna pure, ma parte in fuorigioco chilometrico e l'arbitro giustamente annulla. Poi continua a provarci con scarsa fortuna: clamoroso un colpo di testa da pochi metri neutralizzato alla grande da Pelizzoli. 
All. Mazzarri 6,5 - Vittoria doveva essere e vittoria è stata, ma che fatica! Primo tempo chiusissimo, gli serve un bolide del "reietto" Inler per sbloccarla. Da lì poi è tutta in discesa. Non era esattamente una passeggiata, invece il Napoli ha fatto altri tre passi verso il secondo posto. 

Arbitro Romeo 5,5 - Inizialmente convalida incredibilmente un gol a Insigne che era in fuorigioco di due metri, poi ricondotto a più miti consigli dal guardalinee annulla evitando una figuraccia. Per il resto è ordinaria amministrazione. 

PESCARA-NAPOLI 0-3

Pescara (4-2-3-1): Pelizzoli (63' Perin); Zanon, Cosic, Capuano, Balzano; Rizzo, Togni; Caprari (61' Celik), Sculli (71' Cascione), Di Francesco; Sforzini. A disp.: Zauri, Bocchetti, Bianchi Arce, Bjarnason, Blasi, Modesto, Caraglio, Abbruscato, Vukusic. All.: Bucchi.

Napoli (4-3-1-2): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Britos; Maggio (73' Mesto), Inler, Dzemaili, Zuniga (62' Armero); Hamsik; Insigne, Pandev (79' Calaiò). A disp.: Rosati, Colombo, Grava, Rolando, Gamberini, Donadel, El Kaddouri. All.: Mazzarri.

Arbitro: Romeo

Marcatori: 1' st Inler, 13' st Pandev, 37' st Dzemaili

 




Commenta con Facebook