• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI ATALANTA-BOLOGNA

PAGELLE E TABELLINO DI ATALANTA-BOLOGNA

A Bergamo il pareggio accontenta entrambe le formazioni


Curci (Getty Images)
Lorenzo Cristofaro

27/04/2013 21:17

PAGELLE E TABELLINO DI ATALANTA-BOLOGNA / BERGAMO – Il risultato più accreditato ad inizio gara era il pareggio e l'esito finale ha rispecchiato pienamente le idee dei bookmakers. In verità però l’Atalanta ha fatto la partita imponendo il proprio gioco dopo un primo quarto d’ora di sbandamento totale nel quale il Bologna sembrava aver trovato il bandolo della matassa. Decisivi sono stati i ripetuti errori sotto porta di Marko Livaja che nella ripresa non ha mai concretizzato gli assist al bacio di German Denis. Male, nonostante il goal, un impalpabile Luigi Giorgi che non è mai entrato fortemente nel vivo del gioco. Tra gli ospiti promossi Alessandro Diamanti e Alberto Gilardino che confezionano la rete del pareggio con un’azione in verticale ottimamente congeniata e coadiuvata da un pizzico di fortuna che non guasta mai. Bocciati invece Archimede Morleo e Panagiotis Kone che non confermano quanto di buono fatto vedere nelle giornate precedenti.

 

ATALANTA

 

Consigli 6- Viene chiamato in causa di rado ma la sua performance è complessivamente sufficiente.

Ferri 6,5 – Si propone spesso sulla fascia di sua competenza mettendo in grandissima difficoltà Morleo. Tuttavia non è sempre preciso nell’imbeccare il reparto avanzato.

Stendardo 6 – Partita di grande sostanza per lui, sbaglia poco o nulla.

Lucchini 5,5- Il poco movimento di Gilardino ne agevola il compito, è impeccabile in quasi tutti gli interventi difensivi. Tuttavia sbaglia l’intervento difensivo sul goal del pareggio di Gilardino.

Del Grosso 6 – Adempie in pieno al compito assegnatogli da Colantuono: controllare e limitare le incursioni di Kone. Alla mezzora inoltre è costretto ad uscire dal campo per infortunio. Dal 29’ Brivio 6,5- Sostituisce degnamente chi gli ha lasciato la posizione in campo, in più si esibisce in alcune escursioni nella metà campo rossoblu che non sortiscono però gli effetti sperati.

Giorgi 6- Prima della rete realizzata non è mai pericoloso, si dimostra poco vispo e a tratti macchinoso. Dal 78’ Radovanovic sv

Biondini 5,5 –Fa tanta densità in mezzo al campo agevolando le iniziative del suo playmaker.

Cigarini 6 – Decisamente il giocatore con il tasso qualitativo più elevato tra i suoi. Si da molto da fare per servire assist importanti agli attaccanti ma l’estremo tatticismo emerso nella gara odierna non lo ha decisamente aiutato.

Maxi Moralez 6,5 – Vuole dimostrare di essere all’altezza della situazione dopo una serie di prestazioni non congeniali ad un calciatore col suo talento. Inizialmente appare abbastanza imballato poi col passare dei minuti incrementa il numero dei giri del proprio motore finendo per disputare una buona gara.

Livaja 5 – Fa perennemente a sportellate con Sorensen, il quale lo sovrasta nella maggioranza delle circostanze. Ha delle occasioni ghiotte nella ripresa che non è in grado di tramutare in goal. Dal 65’ Parra sv

Denis 7- Nel primo tempo viene lasciato troppo spesso solo in balia dei centrali avversari che ne limitano i movimenti fino ad annientarlo completamente. Nella seconda frazione invece si traveste da uomo assist e offre a Livaja dei palloni molto interessanti che il talentino croato non riesce a trasformare in oro.

All. Colantuono 6- L’assenza di Bonaventura si fa sentire e come ma la scelta di inserire al suo posto Maxi Moralez regala al tecnico romano un’ottima alternativa per il futuro.

 

BOLOGNA

Curci 7,5 – Straordinario. Non ci sono altri termini per descrivere il suo comportamento in campo. Nella seconda frazione esibisce tutto il suo repertorio impedendo che due conclusioni molto pericolose di Brivio e Maxi Moralez e un’incornata di Denis potessero gonfiare la rete.

Garics 5,5- Da ex sente molto la partita e si vede dal nervosismo che emerge durante tutto l’arco della gara. Riceve un cartellino giallo al 15’ e rischia seriamente di essere espulso alla metà della prima frazione. Viene graziato dall’arbitro che decide di non stravolgere completamente il match

Sorensen 6 –. Limita agevolmente i movimenti in verticale di Livaja inducendolo all’errore spesso e volentieri. Merita indubbiamente la sufficienza.

Antonsson 6 – Autore di una discreta gara, mette tutta la sua esperienza a disposizione degli altri e comanda il reparto difensivo.

Morleo 5 – In fase di non possesso soffre maledettamente le incursioni della coppia Ferri-Maxi Moralez. Il primo in particolare, ogni qualvolta si prodiga per eseguire delle sovrapposizioni ha la meglio sul suo diretto avversario.

Perez 6,5 - Molto bravo a limitare le iniziative di Cigarini. Pur essendo assai falloso, dimostra ancora una volta di essere uno dei migliori interpreti in Italia per quanto concerne la copertura dello spazio davanti alla linea difensiva e la fase di riconquista. Dal 58’ Guarente 6- Crea una diga davanti alla difesa, non ha colpe sull’azione del momentaneo vantaggio nerazzurro.

Taider 5,5 – Dovrebbe illuminare i suoi ma ottiene il risultato contrario. Si preoccupa soltanto di mitigare le azioni degli attaccanti atalantini nel momento in cui effettuano dei movimenti a rientrare con l’obiettivo di aiutare i centrocampisti nella costruzione della manovra.

Kone 5 – Da lui ci si aspetta decisamente di più. Una gara totalmente evanescente per il giocatore greco che nelle precedenti uscite sembrava aver trovato una condizione ottimale. Dal 75’ Moscardelli 6,5- Aumenta il peso specifico in avanti e si fa vedere con una stoccata dai 20 metri ben neutralizzata da Consigli. Alla fine della gara è chiamato ad indossare i guantoni per un grave infortunio occorso a Curci.

Diamanti 6,5– Già dal principio si evince la sua voglia di strafare, di dimostrare concretamente il suo valore. Ispira la maggioranza delle trame offensive dei suoi cercandosi continuamente la posizione migliore per mettere in difficoltà la difesa avversaria. In occasione del pareggio emiliano imbecca Gilardino con una strepitosa pennellata.

Pasquato 5- Si muove molto alla ricerca della sponda del centravanti e di palloni giocabili in avanti, tuttavia non è mai pericoloso. Dal 62’ Christodoulopoulos 5,5- Si da molto da fare sulla fascia sinistra ma è regolarmente impreciso.

Gilardino 7- Combatte in maniera indefessa contro la coriacea difesa bergamasca spuntandola in rarissime occasioni. Ha una grande occasione nella prima frazione di gara che non riesce a sfruttare come vorrebbe. Poi nella ripresa dimostra di essere un bomber di razza realizzando uno dei suoi goal tipici.

All. Pioli 6 - Schiera la sua squadra con un modulo nettamente offensivo che ovviamente espone i suoi ad innumerevoli rischi. Ciò nonostante ottiene un prezioso pareggio per la salvezza.

 

Arbitro: Gavillucci 6,5 – Dirige una gara poco maschia. Nel complesso amministra egregiamente il match assumendosi la decisione di sorvolare su un brutto fallo di Garics che già ammonito avrebbe potuto abbandonare il campo con largo anticipo.

 

TABELLINO

ATALANTA-BOLOGNA 1-1

Atalanta (4-4-2): Consigli; Ferri, Stendardo, Lucchini, Del Grosso (dal 29’ Del Grosso); Giorgi (dal 78’ Radovanovic), Biondini, Cigarini, Maxi Moralez; Livaja (dal 65’ Parra), Denis All.: Colantuono

Bologna (4-2-3-1): Curci; Garics, Sorensen, Antonsson, Morleo; Perez (dal 58’ Guarente), Taider, Kone (dal 75’ Moscardelli), Diamanti, Pasquato (dal 62’ Christodoulopoulos); Gilardino. All.: Pioli

Arbitro: C.Gavillucci di Latina

Marcatori: 67’ Giorgi (A), 76’ Gilardino (B)

Ammoniti: 15’ Garics (B), 61’ Livaja (A), 84’ Morleo (B)

Espulsi: Nessuno

 

 

 




Commenta con Facebook