• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > Guglielmo Micciche' su salvezza Palermo, rissa e Silvestre

Guglielmo Micciche' su salvezza Palermo, rissa e Silvestre

Il vicepresidente della formazione rosanero in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it


Guglielmo Micciche' (Getty Images)
Giorgio Elia

22/04/2013 12:49

PALERMO ESCLUSIVO GUGLIELMO MICCICHE'/PALERMO - "Quello raccolto ieri nel derby è un punto molto importante non solo sotto il profilo della classifica, ma anche per quanto concerne il morale della squadra. Abbiamo interrotto una striscia negativa nei derby disputati al Massimino, regalando una gioia a una tifoseria che ha riservato un'accoglienza commuovente alla squadra ieri al ritorno in città. E' sicuramente un risultato che ci regala ulteriore slancio anche per come è maturato allo scadere, in una stagione ricca di punti persi in extremis. Mi auguro che questo possa essere un chiaro segnale del fatto che finalmente la fortuna ha deciso di baciare questa squadra, dopo averle voltato le spalle per buona parte di questa stagione". Questo il pensiero del vicepresidente del Palermo Guglielmo Miccichè in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it, il giorno dopo il derby pareggiato allo scadere sul campo del Catania.

Un risultato importante pero' macchiato da quella scena nel finale, con il pericolo di perdere Barreto almeno per il prossimo impegno.
"In piena euforia per il pareggio agguantato non ho ben capito cosa sia avvenuto in quel parapiglia finale. Sicuramente è stato un episodio spiacevole l'augurio è che a farne le spese per quella bagarre non sia anche il nostro Barreto".

Il Sannino-bis va a gonfie vele con una media vicina ai due punti a partita: quanto rammarico per quell'esonero dopo appena tre giornate?
"Nella mia vita sono abituato a non guardarmi mai indietro, ma mi sembra che ci sia stata un'ammissione pubblica delle nostre colpe per quanto avvenuto in questa stagione. Non c'è dubbio che con Sannino questa squadra ha ritrovato carattere e capacità di ottenere risultati positivi, con i meriti che vanno riconosciuti al lavoro del tecnico che ha permesso a questa realtà di poter ancora sperare nel mantenimento della categoria. La scena poi alla quale abbiamo assistito ieri sera al nostro ritorno in città ci ha caricati ulteriormente, consapevoli di ciò che possiamo regalare all'intera città e non solo alla sua tifoseria in caso di salvezza".

Una mano ieri è arrivata anche dal Chievo di Corini, vittorioso sul campo del Siena.
"Un risultato inaspettato, cosi come quello del Pescara in casa della Roma. Faccio veramente difficoltà a seguire l'intera lotta alla salvezza e i possibili incroci, considerato che ogni giornata ci regala risultati sulla carta imprevedibili. Per l'euforia e la voglia di non mollare vista ieri a Catania però credo che questo Palermo possa ancora essere artefice del proprio destino, senza dover far dipendere la propria sorte dal cammino dei suoi avversari. Un possibile coinvolgimento del Torino? Affrontare in sequenza la Juve nel derby e il Milan non è sicuramente facile, ma per pensare a un eventuale coinvolgimento dei granata nel discorso salvezza la nostra squadra deve pensare a fare il maggior numero di punti possibili in queste cinque uscite".

Un Palermo preso per mano da un super Ilicic, al record di reti dal suo arrivo in Italia.
"E' sicuramente il giocatore che ci sta regalando l'apporto più importante, con le sue reti che stanno avendo un peso importantissimo. Nella rinascita dello sloveno si vede la mano di Sannino, un tecnico che ha saputo toccare le corde giuste per farlo rendere nel migliore dei modi. Per capacità realizzativa e per abilità tecniche mi ricorda il miglior Pastore. Difficile trattenerlo a fine stagione? Sicuramente le ultime prestazioni oltre a far bene alla squadra sono tornate utili anche al diretto interessato, sempre più in grado di affermarsi come uno dei migliori giocatori del panorama calcistico non solo italiano. I discorsi relativi al mercato verranno comunque affrontati al termine della stagione".

Ieri Hernandez - con il suo assist per Ilicic - si e' rivelato decisivo, in attesa del ritorno di Miccoli domenica contro l'Inter.
"Fabrizio si è sottoposto a delle cure specifiche nel corso dell'intera settimana, per poter ritrovare la forma migliore per la partita contro l'Inter. Già da domani dovrebbe tornare a lavorare con i compagni, con la sua presenza contro i nerazzurri che non dovrebbe dunque esser in dubbio. Abel sta crescendo dal punto di vista della condizione fisica, con il suo colpo di testa ieri nell'azione del pari di Ilicic che è risultato determinante. Questa gruppo sta facendo un grande lavoro distinguendosi per impegno e sacrificio, ma non c'è dubbio che ci sia bisogno anche di forze fresche. Proprio per questo motivo Abel può risultare una risorsa importantissima in queste ultime uscite".

E contro i rosanero gli uomini di Stramaccioni saranno ancora in emergenza.
"Affrontare un avversario rabberciato non ci dispiacerebbe, ma sono convinto che quella che arriverà a Palermo sarà un'Inter molto motivata. La vittoria di ieri contro il Parma li rilancia nella corsa alla qualificazione in Europa League, aspetto che mi porta a pensare che la squadra di Stramaccioni verrà da noi a giocarsi al meglio le sue carte. La salvezza può sempre passare dal Barbera, anche se credo che la nostra squadra debba giocare queste ultime partite con l'idea di portare a casa il maggior numero di punti possibili".

Un'occasione per sondare la voglia da parte dei nerazzurri di mantenere l'impegno legato al riscatto di Silvestre.
"Sicuramente l'Inter ha un impegno nei confronti del Palermo in merito alla situazione di Silvestre. Saranno tante le situazioni che dovranno esser gestite nei prossimi mesi, ma di questi aspetti ci occuperemo in un secondo momento. La speranza e di dover affrontare ogni situazione, con l'impegno di dover allestire una squadra pronta ad affrontare un nuovo campionato nella massima serie".

 




Commenta con Facebook