• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Fabio Andreotti su Lorenzo Insigne

Fabio Andreotti su Lorenzo Insigne

Calciomercato.it ha intervistato il procuratore dell'attaccante partenopeo


Lorenzo Insigne (Getty Images)
Maurizio Russo

22/04/2013 11:34

CALCIOMERCATO NAPOLI ESCLUSIVO AGENTE INSIGNE / NAPOLI - Il gol di Lorenzo Insigne in pieno recupero, sommato alla sconfitta del Milan, vale quasi come un'ipoteca per il secondo posto del Napoli, perché avvicina moltissimo gli azzurri alla prossima Champions League senza dover passare per i preliminari. "E' stato un gol molto importante per consolidare la seconda posizione e so che il presidente De Laurentiis era molto contento della rete e della prestazione di Insigne, ma i festeggiamenti sono durati poco perché stamattina ha dovuto prendere il treno per rispondere alla chiamata della Nazionale Under 21 - ha detto in esclusiva a Calciomercato.it il procuratore dell'attaccante partenopeo classe 1991 Fabio Andreotti - Dodicesimo uomo del Napoli? No, io non lo defineri così, bensì uno dei titolari viste le presenze ed il minutaggio che gli è stato concesso anche in Europa League. Per ora ha fatto 5 gol e 6 assist, un buon bottino alla sua prima stagione in Serie A: Lorenzo si sente parte di questo progetto". Ed il fatto che Mazzarri, spesso tacciato di dare poco spazio ai giovani, punti su Insigne è un altro punto a suo favore.

Eppure per Insigne si sente spesso parlare di un futuro lontano da Napoli. "Colgo l'occasione per fare chiarezza su alcune dichiarazioni mal interpretate - prosegue Andreotti a Calciomercato.it - L'anno prossimo sarà molto importante per Lorenzo, anche perché il suo obiettivo è quello di tornare in Nazionale sperando in una convocazione per i Mondiali. Quindi non può più essere considerato un giovane, una terza scelta: vuole solo partire alla pari con gli altri e questo non significa che vuole il posto da titolare, né che vuole andare via, né è una critica a Mazzarri, ma solo una considerazione oggettiva. Se fosse per Insigne, lui resterebbe a Napoli tutta la vita".




Commenta con Facebook