• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Juventus-Milan, Allegri: "Adesso guardiamoci le spalle. El Shaarawy? E' normale che..."

Juventus-Milan, Allegri: "Adesso guardiamoci le spalle. El Shaarawy? E' normale che..."

Il tecnico ha commentato la sconfitta contro i bianconeri


Max Allegri (Getty Images)

21/04/2013 22:56

JUVENTUS MILAN ALLEGRI / TORINO - Massimiliano Allegri ha analizzato così la sconfitta per 1-0 rimediata dalla Juventus nel posticipo di stasera: "Dispiace aver perso Abbiati e Ambrosini per infortunio anche perchè sono rimasto solo con un cambio. Abbiamo concesso poco o niente alla Juve così come noi abbiamo avuto pochissime occasioni. Dispiace per la prima sconfitta del girone di ritorno, potevamo sicuramente fare meglio ma adesso rimbocchiamoci le mani e cerchiamo di star sopra alle inseguitrici. Commettere errori come in occasione del rigore è imponderabile - le parole del tecnico a 'Sky' - La Fiorentina fa paura? Non abbiamo sfruttato il doppio vantaggio contro di loro e dato il calendario era prevedibile poterceli ritrovare a ridosso. Ma non dobbiamo aver assolutamente paura, perchè le nostre prestazioni sono buone, anche stasera contro i primi della classe. Nel girone di ritorno siamo in media scudetto, quindi la proiezione sarebbe quella di lottare per il titolo l'anno prossimo ma non tutti gli anni sono uguali. Adesso bisogna pensare ad arrivare terzi che sarebbe un grande traguardo visto come eravamo partiti. El Shaarawy? Ha fatto un buon primo tempo rispetto alle ultime prestazione, poi gli spazi si sono fatti più stretti e, raddoppiato, ha avuto maggiori difficoltà. Ma per un ragazzo di 20 anni alla prima stagione da titolare è normale. Certo, niente alibi, nel momento di difficoltà della stagione il ragazzo deve crescere".

 




Commenta con Facebook