• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > Davide Lanzafame su Perinetti e Catania-Palermo

Davide Lanzafame su Perinetti e Catania-Palermo

Il centrocampista piemontese doppio ex del confronto tra le due compagini siciliane, in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it


Lanzafame con la maglia del Catania (Getty Images)
Giorgio Elia

19/04/2013 12:34

CATANIA-PALERMO ESCLUSIVO LANZAFAME/PALERMO - "Prevedo un derby molto tattico nel quale la paura di perdere potrebbe esser decisiva. A Catania arriva un Palermo in corsa per la salvezza, ma che potrebbe pagare la pressione legata alla necessità di fare risultato a tutti i costi. La stagione disputata dalla squadra di Maran non mi ha sorpreso perché conosco il valore di quel gruppo e da giocatore ancora di proprietà del club di Pulvirenti, tifo per una loro vittoria nel derby". Questo il pensiero di Davide Lanzafame in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it, doppio ex di turno della sfida in programma domenica allo stadio 'Massimino' tra Catania e Palermo.

Diversi avvicendamenti in panchina ma anche due direttore a Palermo, con Perinetti tornato in sella dopo le dimissioni di Lo Monaco.
"Dal punto di vista manageriale possono essere considerati due ottimi dirigenti. Lo Monaco mi aveva portato a Catania credendo nelle mie qualità, anche se poi sinceramente mi sarei aspettato uno scenario diverso in rossazzurro. Con il direttore ho comunque mantenuto un discreto rapporto. Perinetti mi prese dalla formazione Primavera della Juventus portandomi a Bari, per quella che è stata sicuramente una parentesi importante della mia carriera. Ultimamente non mi aspettavo certe dichiarazioni da parte sua sul mio conto ("Lanzafame è arrivato troppo giovane al calcio che conta e non ha saputo confermarsi", ndc), considerata quella che è la sua conoscenza della mia persona e tutti i miei trascorsi. Non credo di aver meritato certe parole, mi auguro di poter mettere a tacere certe voci e di riuscire a rifarmi nell'immediato futuro. Al di là di questo auguro un futuro roseo ad entrambi i dirigenti".

Nel Palermo mancherà Miccoli, mentre il Catania ritrova il trio Barrientos-Gomez-Bergessio.
"Custodisco nel profondo del cuore il mio ricordo di Fabrizio, un ragazzo fantastico dal quale ho imparato veramente tanto. Oltre a essere un grandissimo atleta è una persona eccezionale, motivo per il quale senza dubbio la sua assenza può pesare per il Palermo. Se dovessi fare una classifica dei giocatori più forti con i quali ho avuto modo di giocare, Miccoli avrebbe di diritto un posto sul podio. Gli argentini del reparto offensivo del Catania compongono un trio formidabile. Ho sempre consigliato a Bergessio di faticare di meno in ripiegamento per esser ancor più letale sotto porta, ma lui è una punta generosa che non riesce a non spendersi al massimo per la squadra. Se il Catania si trova oggi a pochi punti da un piazzamento in Europa, gran parte del merito è proprio suo".

Il Catania sente profumo d'Europa mentre dall'altra parte il Palermo prova a mantenere la categoria.
"Non credo sia cosi facile per il Catania riuscire a raggiungere la qualificazione in Europa. Essendo legato al gruppo e alla tifoseria, auguro ai miei ex compagni di tagliare un traguardo che segnerebbe la storia del club. Per il Palermo credo che il risultato del derby possa esser determinante. Dopo lo scontro del 'Massimino' infatti mancherebbero cinque giornata e in caso di sconfitta domenica e di vittoria del Siena contro il Chievo, le porte della massima serie potrebbero chiudersi forse in maniera definitiva".

Il campionato contraddistinto dal dominio Juve e dal bel gioco della Fiorentina, formazioni guidate da Conte e Montella due tuoi vecchi allenatori.
"Conte ha un carisma e una preparazione eccezionale. A mio avviso il suo futuro sarà contraddistinto da una lunga militanza alla guida della Juve. Nonostante non abbia trovato tanto spazio al Catania nella passata stagione, ho un'ottima considerazione di Montella e del suo modo di vedere il calcio. Personalmente penso sia il tecnico giovane più forte e preparato che sia in circolazione".




Commenta con Facebook