• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > Mercato Real Madrid, Mourinho: "Resto per darvi altre chiacchiere. Klopp e Alvarez parlano trop

Mercato Real Madrid, Mourinho: "Resto per darvi altre chiacchiere. Klopp e Alvarez parlano troppo..."

L'allenatore delle merengues parla in conferenza stampa del suo futuro e torna sulle parole del presidente del Canillas


Jose' Mourinho (Getty Images)
Antonio Papa

19/04/2013 12:30

CALCIOMERCATO REAL MADRID MOURINHO / MADRID (Spagna) - Voci, voci, voci. Il presente di Josè Mourinho è condizionato inesorabilmente dalle voci sul suo futuro: per uno come lui a settembre si inizia già a parlare della prossima stagione. Figurarsi ora, che il suo addio al Real Madrid si fa sempre più probabile. Impossibile non parlarne nella conferenza stampa pre-partita, anche se lui riesce a sviare i discorsi come pochi: "Continuo a fare il mio lavoro nel miglior modo possibile - afferma Mourinho - e credo che ci sto riuscendo. Se ora non avessimo obiettivi capirei che si parli di cose che con il calcio non c'entrano niente, ma siamo in ballo per una finale di Coppa (del Re, ndr) molto speciale e per le semifinale di Champions. Mi sembra che abbiamo abbastanza argomenti su cui focalizzarci".

CASILLAS Y CANILLAS - Dopo uno spunto sulla formazione di domani ("Casillas parte dalla panchina, giocherà Diego"), Mou si concentra sulle frasi di Alvarez, presidente del Canillas, la Primavera del Real, il quale aveva svelato un retroscena sul suo futuro: "Parlare del Canillas è come parlare di una seconda casa - continua il tecnico - per me e per mio figlio. Ma il loro presidente ha un difetto: gli piace troppo parlare con la stampa. Posso smentire le sue parole ed assicurarvi che anche l'anno prossimo sarò qui a darvi altro materiale per chiacchierare. Non sono infelice a Madrid, non sono triste. Mi potranno piacere di più alcune cose e altre meno, ma questo succede dappertutto. La situazione perfetta non esiste, ma sono sicuro che alla fine troveremo una soluzione che possa soddisfare tutti al meglio".

LA BORDATA A KLOPP - Parlando del sorteggio di Champions, lo Special One non ha rinunciato allo sfizio di punzecchiare il suo prossimo avversario, Jurgen Klopp e il suo Borussia Dortmund: "Nei sorteggi precedenti ero nervosissimo perché non sapevo chi ci sarebbe capitato, e infatti abbiamo beccato Manchester United e Galatasaray che erano due squadre difficilissime. Per la semifinale ero tranquillo, tanto in ogni caso sarebbe stata un'avversaria complicate. Ok, però non voglio dire nulla su questo argomento, basta. Da quando ci hanno accoppiati col Borussia Klopp non fa altro che parlare, parla tutti i giorni. Io non ho aperto bocca. Preferisco parlare della prossima partita".

 

 

 

 

 




Commenta con Facebook