• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > Palermo, Zamparini e la sudditanza psicologica: "Strane le lamentele di Milan e Inter"

Palermo, Zamparini e la sudditanza psicologica: "Strane le lamentele di Milan e Inter"

Il presidente rosanero ha anche ribadito che il tecnico verra' riconfermato anche in caso di retrocessione


Maurizio Zamparini (Getty Images)
Stefano D'Alessio (@SDAlessio)

09/04/2013 17:02

CALCIOMERCATO PALERMO ZAMPARINI SANNINO GASPERINI SALVEZZA STADIO / ROMA - Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, è stato intervistato da 'RadioSportiva'. Queste le sue parole:

ALLENATORE - "Sannino da quando è arrivato ha dato spirito nuovo e motivazioni che mancavano alla squadra. Quello che non ci credeva, e che lo trasmetteva alla squadra, era Gasperini. Adesso è cambiato tutto. Mandare via Sannino non è stata la scelta giusta, ma è stata anche una stagione di quelle tragiche: quando perdi otto partite all´ultimo minuto vuol dire che anche la sfortuna ti gira contro. Adesso il Palermo se la giocherà fino alla fine. Il mister sarà certamente riconfermato: ha anche grande esperienza di B, anche se spero non serva".

SALVEZZA - "Rispetto al Siena siamo una squadra più tecnica, mentre il Genoa ha giocatori di grande livello, ma forse vive un momento sfortunato come abbiamo vissuto noi. Ci sono squadre che hanno fatto un punto in quattro partite e questo può succedere anche a quelle che ci sono davanti, che non sono così superiori a noi".

POLEMICHE ARBITRALI - "Io trovo strano che parlino di errori arbitrali Milan e Inter quando la sudditanza psicologica non ha mai favorito il Palermo ma proprio le grandi squadre. Anche a Aronica ho detto: a Napoli non ti fischiano certi rigori, a Palermo sì. Certi club sono più protetti ma questo fa parte del calcio. Io, comunque, ho visto più danneggiato il Milan a Firenze che l´Inter. Non penso che Moratti abbia parlato di malafede. Quello che è tragico è la volontà di non farsi aiutare dalla tecnologia. Poi, bisogna ripensare serenamente a quei quattro uomini che sono collegati con l´arbitro e che vanno a incidere sulle sue decisioni. Il giudice di fondo ha aumentato la possibilità di errore dell´arbitro, che in certe situazioni deve decidere da solo".

CONTESTAZIONI SUGLI SPALTI - "Negli stadi in cui vado mi trattano sempre bene perchè non rappresento il potere. Io, però, non vado spesso perchè soffro di stress. Galliani rappresenta il potere nel calcio e quindi sa che va incontro a contestazioni, pur essendo una cosa sbagliata e da condannare. Queste cose succedono solo in Italia".

NUOVO STADIO - "Lo stadio lo faremo senz´altro perchè è una ricchezza: la Regione Sicilia ha fatto la legge per permetterci di farlo, mentre in Italia abbiamo una politica disastrata, con una legge ferma da quattro anni in Parlamento e mai varata che avrebbe permesso a tutti di beneficiarne".




Commenta con Facebook