• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > VIDEO - Calcio, non solo Vucinic: una carrellata di esultanze 'particolari'

VIDEO - Calcio, non solo Vucinic: una carrellata di esultanze 'particolari'

Da Fowler a Lucarelli: i calciatori non peccano certo di fantasia per esprimere la gioia dopo un gol


Pesca Grossa (Youtube)
Bruno De Santis

06/04/2013 21:50

CALCIO ESULTANZE PARTICOLARI / ROMA - Il gol è una gioia difficile da trattenere: se Balotelli è l'eccezione che conferma la regola, con le sue non esultanze, Mirko Vucinic esplode tutto il suo entusiamo rimanendo in mutande. L'attaccante della Juventus ha ripetuto stasera dopo il primo gol con il Pescara lo stesso streaptease già sfoggiato con le maglie di Lecce, Roma e Montenegro. Il bianconero non è però certo l'unico che colora una rete con un'esultanza particolare: è entrata nella storia del calcio la culla di Bebeto con la rete dedicata al figlio durante una partita dei mondiali del 1994, così come non possono non essere menzionati il ciuccio di Totti e la linguaccia di Del Piero, ma c'è chi è andato oltre. 

Come Fowler attaccante del Liverpool che negli anni novanta dopo un gol all'Everton ha sniffato la linea di fondo campo, beccandosi quattro giornate di squalifica. Nessuna punizione invece per Lee Bradbury, attaccante del Bournemouth, che dopo un gol ha simulato una rissa mettendo a tappeto suoi compagni di squadra, nè per i calciatori dellStjarnan che sono conosciuti per i loro modi bizzarri di esultare dopo un gol come quando hanno simulato una battuta di pesca con foto annessa. 

In Italia, è nella storia del nostro campionato il trenino del Bari, ma da menzionare c'è anche il 'sciuscià' Moriero che dopo ogni gol del 'Fenomeno' Ronaldo gli lustrava le scarpe e le capriole di Martins. Davvero 'sui generis', infine, l'esultanza di Cristiano Lucarelli che dopo un gol con il suo amato Livorno, ha gettato per terra la maglia simulando un rapporto sessuale. 



\r\n\r\n

Commenta con Facebook