• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI FENERBAHCE-LAZIO

PAGELLE E TABELLINO DI FENERBAHCE-LAZIO

Un rigore trasformato da Webo e il gol di Kuyt stendono una Lazio rimasta in dieci nella ripresa.


Sow ed Hernanes (Getty Images)
Federico Giuliani

04/04/2013 23:20

PAGELLE E TABELLINO DI FENERBAHCE LAZIO/ ISTANBUL (Turchia) –  La Lazio perde a Istanbul. I biancocelesti, dopo aver disputato un buon primo tempo, crollano nella ripresa. Determinante l'espulsione di Onazi per somma di cartellini. Con l'uomo in meno, il Fenerbahce passa in vantaggio su calcio di rigore per fallo di mano di Radu: Webò trasforma senza problemi. Nel finale Kuyt raddoppia per i turchi. Nella Lazio buona partita in difesa di Cana; fra i padroni di casa determinante l'ingresso di Erkin.

FENERBAHCE

Demirel 6 – Pochissimo lavoro da fare. Nel primo tempo giusto un’ordinaria parata su un colpo di testa di Ederson. Nella ripresa osserva finire fuori il tentativo di Candreva. Ordinaria amministrazione in una serata tranquilla.

Gonul 6,5 – Inizio compassato per poi crescere vistosamente soprattutto nella ripresa. Buone sortite e interessanti discese. Se ci fosse stata anche la precsione nei cross sarebbe risultato uno dei migliori in campo.

Yobo 6 – Non corre rischi di alcun tipo. Tiene Kozak anticipandolo senza troppi problemi. Palloni alti non ne arrivano quindi l’attaccante della Lazio è innocuo.

Korkmaz 5,5 – Si complica la vita da solo. Nel primo tempo rischia il rigore su Candreva: intervento in ritardo sul laziale. Quando viene attaccato spesso e volentieri soffre e si dimostra impacciato. Il punto debole dei turchi.

Ziegler 5,5 – Praticamente non si vede mai. In difesa da un contributo minimo mentre in zona offensiva è quasi nullo. L’impegno c’è ma non è utile alla causa e anzi, da l’impressione di essere molto fragile.

Raul Meireles 6,5 – L’inizio è da dimenticare: troppi falli inutile. Nella ripresa, quando la Lazio è in inferiorità prende per mano i suoi e va vicino al gol. Prima colpisce il palo con un tiro da fuori poi trova Marchetti sulla sua strada. Nel secondo tempo è uno dei migliori in campo.

Topal 6 – Le azioni turche si sviluppano spesso e volentieri a partire dai suoi piedi. Imposta e difende con gli stessi buoni risultati. Dal 70’ Erkin 7 – Entra per dare più offensività e fluidità alla manovra. Si guadagna il calcio di rigore e propizia il raddoppio con un siluro da calcio di punizione.

Sow 5,5  – Si mangia almeno due gol facili facili. Prima colpisce il palo poi a distanza di pochi secondi liscia una conclusione a distanza ravvicinata. I movimenti sarebbero anche buoni ma il tutto è vanificato dalla scarsa vena realizzativa. Dall’85’ Topuz sv – Pochi minuti per poter dimostrare qualcosa.

Cristian 5,5 – Naviga fra le linee e cerca l’effetto sorpresa. Dopo la partenza di Alex è lui il faro del Fenerbahce. I compagni lo cercano ma lui non è in serata di grazia. Dal 75’ Ucan 6 – Il giovane ha talento e si vede. Distribuisce palloni interessanti.

Kuyt 6,5 – Schierato largo a destra, l’olandese ex Liverpool si accentra spesso per cercare di creare problemi alla retroguardia laziale grazie alla sua imprevidibilità. L’apporto è costante anche se pecca di concretezza negli ultimi venti metri. Si riscatta nei minuti finali con un gol in extremis.

Webò 6 – Attacante mobile dei turchi. Con Ciani non può giocarsela di fisico quindi prova a mettere tutto sul piano della rapidità. Scambi stretti e tocchi di prima per favorire l’inserimento dei compagni. La sensazione è che sia troppo precipitoso nelle decisioni. Segna però con freddezza il rigore che consente ai suoi di segnare un gol importante.

All. Kocaman 6,5 – Porta a casa una convincente vittoria in vista della gara di ritorno. Inserisce Erkin, decisivo ai fini del risultato.

LAZIO

Marchetti 6 – Nel primo tempo un solo intervento ma decisivo. Al 16’ si allunga deviando sul palo una conclusione ravvicinata di Sow. Nella ripresa vince la sfida personale con Raul Meireles. Salva ancora su Sow al 70’. Sfortunato sulla punizione di Erkin: Kuyt anticipa tutti, lui compreso.

Ciani 6 – L’unica sua pecca è la rapidità. Nonostante questo ci mette sempre il fisico e riesce a mettere in mostra una prestazione molto maschia.

Cana 6,5 – Determinante la scivolata che intercetta l’assist di Sow per Webò nel primo tempo. Sempre attento nelle chiusure e mai in ritardo. Riesce a dare sicurezza a un reparto che sbaglia poco o nulla. Vista la prestazione di questa sera chissà che Petkovic non lo riproponga in questa posizione anche in futuro.

Radu 5 – Questa sera capitano della squadra. Partita onesta nel primo tempo. Ordinato, non si fa mai scappare Kuyt, cliente di tutto rispetto. Nella ripresa provoca in modo banale il calcio di rigore che consente al Fenerbahce di passare in vantaggio.

Gonzalez 5,5 – Nei primi minuti fatica a trovare la giusta posizione ma dopo essersi ambientato entra in partita. Corre e raddoppia spesso su Sow. Crolla inesorabilmente nella ripresa.

Onazi 4,5 – Più appannato del solito. Con un Hernanes a corrente alternata ne risente anche il giovane centrocampista della Lazio. Si prende due ammonizioni evitabilissimi. Risultato? Viene espulso a inizio ripresa e lascia i suoi in dieci per tutto il secondo tempo.

Candreva 5,5 – Il suo allenatore lo vorrebbe più alto ma l’istinto gli dice di sacrificarsi per aiutare Gonzalez a contenere le sortite turche. I primi 45’ li spreca; nella ripresa mostra segni di miglioramento e addirittura sfiora il gol con un bel contropiede. Nella gara di ritorno dovrà dare di più.

Hernanes 5 – Il Profeta predica nel deserto. Guardato a vista dai centrocampisti del Fnerbahce, il brasiliano non riesce mai a farsi vedere. Non un lancio, non una verticalizzazione, praticamente è costretto dai turchi a non giocare. Inghiottito dalla gabbia preparata da Kocaman. Dall’85’ Mauri sv – Importante rientro in vista dei prossimi impegni.

Lulic 5 – La rapidità non gli manca ma un suo grave errore poteva costare carissimo alla Lazio. Disimpegno molle che favorisce un tiro ravvicinato dei turchi: per sua fortuna il tentativo turco finisce sul palo. Dopo l’errore non si vede più.

Ederson 6 - Reattivo fin dall’inizio è anche l’unico a impensierire Demirel con un colpo di testa. Determinato e rapido, per poco non si guadagna un calcio di rigore. Unico neo nella ripresa: perde un pallone al limite dell’area che poteva costare carissimo. Esce per un problema fisico. Dal 61’ Ledesma 5,5 – Risparmiato in vista del derby di lunedì, viene gettato nella mischia per cercare di soprrerire all’inferiorità numerica. Ci mette la solita esperienza anche se si nota pochissime volte.

Kozak 5,5 – Era isolato a cose normali, figurarsi in inferiorità numerica. Il gigante biancoceleste non demorde e cerca di far valere il suo poderoso fisico. Tiene palla e torna a dare una mano ma gioca troppo lontano dall’area di rigore, suo terreno di caccia. Dal 71’ Klose 5,5 – Il suo ingresso dovrebbe intimorire la retrogurdia turca ma ha poco tempo per incidere vista la scarsità di rifornimenti.

All. Petkovic 6 – Il primo tempo è molto buono. In uno stadio infernale la sua Lazio non subisce. Nella ripresa viene tradito dall’espulsione di Onazi e in dieci uomini diventa difficile resistere anche per uno stratega come lui.

 

Arbitro: Collum 5- Decisamente troppo indulgente. Nella prima mezz’ora tollera ogni intervento poi inizia ad ammonire per ogni contrasto. Giusta l’espulsione di Onazi ma manca un probabile rigore alla Lazio per atterramento di Ederson nel primo tempo. Generoso ma giusto quello concesso al Fnerbahce.

 

TABELLINO

FENERBAHCE-LAZIO 2-0

FENERBAHCE (4-2-3-1): Demirel; Gonul, Yobo, Korkmaz, Ziegler; Raul Meireles, Topal (dal 70’Erkin); Sow (dall’85’ Topuz), Cristian (dal 75’Ucan), Kuyt; Webò. All. Kocaman.

LAZIO (3-5-2): Marchetti; Ciani, Cana, Radu; Gonzalez, Onazi, Candreva, Hernanes (dall’85’Mauri), Lulic; Ederson (dal 61’Ledesma), Kozak (dal 71’Klose). All. Petkovic.

Arbitro: Collum

Ammoniti: 31’Onazi (L), 45’Korkmaz (F), 50’Ederson (L), 52’Marchetti (L), 77’Radu (L), 78’Webò (F), 89’Mauri (L), 90’Meireles (F)

Espulsi: 46’Onazi (L)

Marcatori: 77’Webò (Rig.) (F), 89’Kuyt

 

 




Commenta con Facebook

.
.