• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Alessio Tacchinardi su Inter-Juventus

Alessio Tacchinardi su Inter-Juventus

L'ex centrocampista bianconero e' intervenuto in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it


Sergente bianconero (Getty Images)
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

30/03/2013 10:26

INTER-JUVENTUS ESCLUSIVO TACCHINARDI / ROMA - La partita con la 'P' maiuscola. Non ha usato mezze misure Antonio Conte per presentare il Derby d'Italia di 'San Siro' al cospetto dell'Inter di Stramaccioni. Non sarà una Juventus distratta dall'Europa, l'incrocio meneghino vale una 'finale'. Testa, cuore e gambe sull'ostacolo nerazzurro: il Bayern può aspettare. La 'Signora' vuole blindare lo scudetto ma occhio all'orgoglio della 'Beneamata', assetata di punti Champions e già letale a Pirlo & soci nell'incrocio d'andata.

SANA RIVALITA' - Un duello da sempre infuocato, bollente, che non ha lesinato negli anni polemiche e punture al vetriolo. Alessio Tacchinardi, intervenuto in esclusiva a Calciomercato.it, analizza la sfida della 30a giornata del massimo campionato: "Sarà sicuramente una bella partita, molto intensa e vibrante. Inter-Juventus non è mai una gara banale, conosciamo tutti la grande rivalità che c'è tra queste due squadre - ha esordito l'ex centrocampista ai nostri microfoni -. La Juve non penserà al Bayern Monaco, Conte non è un tipo da fare calcoli. Questa match è molto stimolante: i bianconeri daranno il massimo per arrivare sulle ali dell'entusiasmo alla sfida di Monaco. L'Inter avrà la smania di fare bene, vorranno dimostrare di essere all'altezza di questa Juve. I nerazzurri devono assolutamente vincere per non perdere definitivamente il treno Champions. Tra queste due squadre dovrebbe regnare una sana rivalità, bisognerebbe abbassare i toni in certe circostanze. Dovremmo importare in Italia la cultura inglese. In tal senso, mi sono piaciute le parole di Moratti che si è complimentato con la Juve".

CARTE VINCENTI - Conte dovrà rinunciare all'influenzato Vucinic in attacco. Ma le alternative non mancano al trainer leccese: "Credo che Matri possa essere un giocatore importante nelle file bianconere. Non è andato in Nazionale, si è potuto allenare bene durante queste due settimane. Avrà tanta voglia di fare, sarà un'arma preziosa per Conte - ha spiegato Tacchinardi a Calciomercato.it -. Nell'Inter l'ago della bilancia sarà Cassano, con le sue intuizioni può mettere in difficoltà la difesa juventina. Cassano rimane un fuoriclasse, come pochi in circolazione. Gli impegni con le varie nazionali, comunque, potrebbero influenzare le scelte dei due allenatori".

POG-PLAYER - E' sicuramente il reparto di centrocampo il punto di forza della Juventus. Conte, dallo scorso agosto, può contare su un asso in più nel motore: "Pogba è un giocare incredibile, fantastico. Gioca con una personalità da veterano, è già un top-player nel suo ruolo. Per quello che ha fatto vedere in questa prima stagione in Italia, è da considerarsi ormai come un titolare - ha chiosato l'ex mediano bianconero a Calciomercato.it -. E' al pari di Pirlo, Vidal e Marchisio: Conte ha a sua disposizione un poker d'assi davvero invidiabile in mediana. Pogba potrebbe giocare, come potrebbe partire dalla panchina; possibile che Conte lo faccia riposare, ha giocato due partite impegnative con la Francia. Non mi sorprenderebbe di vederlo titolare martedì contro il Bayern".

MAI DIRE MAI - Conte pronto ad allenare Inter o Milan. Hanno destato non poco scalpore le dichiarazioni della vigilia in conferenza stampa del tecnico bianconero: "E' molto legato a questa società, ha la Juventus nel dna. Però è un professionista e deve ambire a nuove esperienze, a nuove sfide. Ha grande personalità e maturità, dice sempre quello che pensa: stimo molto Antonio, soprattutto come persona. Questa sua juventinità gli dà qualcosa in più, però le sue affermazioni non le trovo scandalose - ha concluso Tacchinardi in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it -. Ognuno fa il suo lavoro, e Conte lo fa sia con passione che con professionalità. Inter e Milan sono due grandi club, molto stimolanti per un tecnico: in futuro, se qualora gli si presentasse l'occasione, Antonio farebbe bene ad accettare".




Commenta con Facebook