• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Inter-Juventus, Conte: "Domani e' la Partita con la P maiuscola. A Totti e Cassano dico...&

Inter-Juventus, Conte: "Domani e' la Partita con la P maiuscola. A Totti e Cassano dico..."

Il tecnico bianconero ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del derby d'Italia


Antonio Conte (Getty Images)
Maurizio Russo

29/03/2013 10:15

INTER-JUVENTUS, CONFERENZA CONTE / TORINO - E' la vigilia del derby d'Italia. La partita più attesa del campionato che mette di fronte le due squadre più scudettate della Serie A e le più rivali: Inter e Juventus. Queste le parole in conferenza stampa di Antonio Conte: "La partita con la P maiuscola è quella di domani e non quella con il Bayern Monaco. Abbiamo un obiettivo da centrare che è lo scudetto e c'è una tradizione da rispettare: vogliamo vincere. Cercherò di mettere in campo la miglior formazione possibile, tenendo conto di chi è andato in giro per il mondo con le Nazionali e chi è rimasto qui ad allenarsi. Sia noi che l'Inter scenderemo in campo per ottenere i tre punti, perchè il pareggio non serve nè a noi nè a loro: mi aspetto una partita molto aperta sotto tutti i punti di vista. Pogba? Ho visto la partita contro la Spagna e l'espulsione era ingiusta".

TOTTI E CASSANO - Nei giorni scorsi Totti ha dichiarato che l'organico della Roma non è inferiore a quello della Juventus: "Faccio gli auguri a questo grande campione, è un esempio da seguire e spero che possa tornare in Nazionale. Già dal prossimo anno dovremo fare attenzione alla Roma - prosegue Conte prima di rispondere alla solita domanda sui 'soldatini' di Cassano - Sono situazioni brevi che si aprono e chiudono subito: è un giocatore che stimo molto e sto dimostrando il suo valore. Domani conta il campo, non le altre sciocchezze".

SCUDETTO, CHAMPIONS, INTER - "Non possiamo fare calcoli: nella mia carriera ho vinto scudetti che sembravano persi e perso scudetti che sembravano vinti. Confermarsi in Italia sarebbe già una grande cosa, poi c'è la Champions che è un sogno e i sogni hanno una bassa percentuale di realizzarsi. Domani affrontiamo una squadra che ha dimostrato che nella singola partita può battere chiunque: ci ha tolto l'imbattibilità in casa, ha sfiorato l'impresa con il Tottenham, ha vinto un derby e l'altro l'ha perso (in realtà l'ha pareggiato, ndr). E' una squadra con dei campioni e se potessi gli toglierei Zanetti che è l'anima e il cuore di questa squadra, mi sarebbe piaciuto allenarlo - conclude il tecnico bianconero - Galliani chiede irregolarità del campionato per Is Arenas? Sono considerazioni da dirigente, chiedete a Marotta... Come stanno i Nazionali? Bene, solo Vucinic ha un po' di febbre".




Commenta con Facebook