Breaking News
© Getty Images

Croazia-Italia, Conte: "Dimostrato personalità e coraggio. L'arbitro sul loro gol..."

Il Ct Azzurro analizza a fine gara il pareggio di Spalato

CROAZIA ITALIA CONTE / SPALATO (Croazia) - L'Italia esce imbattuta dalla trasferta di Spalato contro la Croazia. Un pareggio che, vista anche la mancata vittoria della Norvegia contro l'Azerbaigian, avvicina gli Azzurri di Antonio Conte verso Francia 2016: "Penso sia stata una buona partita, abbiamo giocato con personalità e coraggio. Sono contento, però sappiamo che c'è ancora tanto da lavorare - ha detto il Ct della Nazionale a 'Rai Sport' - I giovani crescono e fanno esperienza: questo è importante. Sul gol loro siamo stati ingenui, eravamo convinti che la rete di El Shaarawy fosse regolare. Poi loro hanno segnato sul proseguimento dell'azione: è stata una doppia beffa. L'arbitro, secondo me, avrebbe dovuto trovare il modo di fermare il gioco. Oggi abbiamo dimostrato più personalità, coraggio e voglia di giocare rispetto alla gara di Milano: per quello che abbiamo creato, meritavamo qualcosa in più".

MODULO - "Il 4-3-3 è un  tipo di sistema che mi consente di valorizzare al meglio quello che offre il campionato italiano. Abbiamo avuto pochi giorni per provarlo in allenamento, ma i ragazzi si sono applicati e si sono adattati subito bene. Il vecchio sistema con la presenza degli juventini riesce automatico, ma andremo avanti anche con questo modulo perchè ci può dare delle soddisfazioni".

Italia  
Italia, Balotelli presto di nuovo in azzurro?
Italia, Balotelli presto di nuovo in azzurro?
Il ct Ventura e Oriali sugli spalti per Nizza-Psg
Italia   Roma  
Italia, i convocati di Ventura: presente anche Emerson Palmieri
Italia, i convocati di Ventura: presente anche Emerson Palmieri
Il ct ha chiamato per il raduno di Coverciano i giocatori emergenti del momento
Italia   Genoa  
Genoa, Izzo sulla possibile pesantissima squalifica: "Sto vivendo un incubo"
Genoa, Izzo sulla possibile pesantissima squalifica: "Sto vivendo un incubo"
Il 25enne difensore napoletano rischia 6 anni di squalifica più la preclusione e un'ammenda di 20 mila euro.