• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Lo riconoscete?

Lo riconoscete?

Nuovo viaggio alla scoperta di calciatori dimenticati dal grande pubblico


Lo riconoscete?

28/03/2013 15:47

LO RICONOSCETE CALCIATORI DIMENTICATI / ROMA - La rubrica di Calciomercato.it vi racconta le storie di calciatori che, pur avendo lasciato un segno più o meno profondo nella storia di questo sport, per un motivo o per l'altro sono finiti nel dimenticatoio, lontani dai riflettori degli stadi e dalle luci della ribalta.

Il protagonista di oggi ha formato un tandem d'attacco con nientemeno che Claudio Caniggia. Un binomio di lusso, specialmente considerando che venne instaurato all'Atalanta, tra il 1988 e il 1991. Questa fu la sua unica parentesi in Italia, in una carriera spesa per gran parte in Brasile e per una stagione in Giappone: stiamo parlando di Evair.

Nato in Brasile nel 1965, Evair ha giocato come attaccante tra il 1985 e il 2003. I primi passi li ha mossi nel Guaranì, dove dopo un biennio è stato tesserato prontamente dalla società bergamasca, che ha contribuito alla sua fama. In nerazzurro vive tre stagioni importanti, segnando sia al Milan che alla Juventus fuori casa, ma la 'saudade' è forte e decide di tornare in patria, sponda Palmeiras, nel 1991: qui vive altri tre anni importanti, ma la tentazione dell'estero lo coglie nuovamente...

Nel 1995 vola in Giappone, negli Yokohama Fluegels: in 59 presenze gonfia la rete 35 volte, vincendo il campionato nipponico. Ma è ancora 'saudade': torna in Brasile definitivamente nel 1997, con la maglia del Vasco da Gama, dove vince il terzo titolo brasiliano dopo i due sollevati ai tempi del Palmeiras. Di qui in avanti indossa le casacche di Portuguesa, Palmeiras (nuovamente), San Paolo, Coritiba, Goias e Figueirense. E va a segno praticamente sempre, con costanza sino al giorno in cui appende gli scarpini al chiodo, dieci anni fa. Un talento prelibato, di cui in Italia abbiamo avuto soltanto un... 'assaggio'.




Commenta con Facebook