• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, 20 anni Totti: "Nessuno come me, avrei meritato il Pallone d'oro"

Roma, 20 anni Totti: "Nessuno come me, avrei meritato il Pallone d'oro"

Il capitano giallorosso si concede in esclusiva a 'La Gazzetta dello Sport'


Francesco Totti (Getty Images)
Andrea Branco

28/03/2013 08:21

ROMA INTERVISTA TOTTI GAZZETTA DELLO SPORT / ROMA - "Quando Boskov si voltò per chiamarmi, pensavo parlasse a Muzzi. Fu lui a dirmi: 'Guarda che vuole te'". Francesco Totti ricorda con queste parole il giorno del suo esordio sui campi della Serie A, esordio datato 28 marzo 1993. Sono passati esattamente vent'anni da quello storico giorno e 'La Gazzetta dello Sport' ha scelto di dedicare al capitano della Roma l'apertura di giornale con una lunga intervista.

OLTRE PIOLA - "Se avessi giocato sempre centravanti avrei segnato almeno 300 gol: avrei già superato Piola. Adesso spero di non avere problemi fisici e continuare così. Anche se fra un anno mi scade il contratto. Quale calciatore italiano ritengo più forte di me? Nessuno, perché i numeri parlano chiaro".

MESSI E RONALDO - "Messi è ineguagliabile. Il più forte avversario è stato Ronaldo. Come compagni scelgo Batistuta e, come feeling in campo, Cassano".

SPECIAL LIPPI - "Il carisma che trasmetteva lui nessuno lo aveva. Anche Capello però è stato un grande, così come Spalletti. Ancora ci sentiamo. Peccato che ancora mi dica che sono stato io a mandarlo via dalla Roma, invece era lui che voleva lo Zenit... Con chi mi piacerebbe lavorare? Mourinho".

PALLONE D'ORO - "Quando lo avrei meritato? Nel 2000: se avessimo vinto l'Europeo avrei dovuto ottenerlo, anche perché avevo iniziato la stagione dello scudetto".

SCUDETTO E MONDIALE - "Cosa preferisco rivincere tra scudetto e un mondiale? Tutti e due no? Intanto dico scudetto, poi ho un mese prima del Mondiale, così ci posso pensare".

BRASILE 2014 - "So che un Mondiale è il massimo, soprattutto in Brasile dove il calcio è tutto. Ma se le cose dovessero andare male, saprebbero con chi prendersela. Direbbero: 'Hanno portato un vecchio, uno che ha rovinato il gruppo'".

 




Commenta con Facebook