• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Marcello Carli su Salary Cap e Saponara

Marcello Carli su Salary Cap e Saponara

Calciomercato.it ha intervistato in esclusiva il dirigente dei toscani, Marcello Carli


Riccardo Saponara (Getty Images)
Eleonora Trotta Twitter: @eleonora_trotta

27/03/2013 13:28

SALARY CUP DS EMPOLI MARCELLO CARLI / ROMA - L'introduzione del Salary cap per la Serie B ha spaccato il mondo del calcio. Addetti ai lavori e dirigenti continuano infatti ad interrogarsi sulla validità di un tetto per gli stipendi per i nuovi calciatori (150.000 lordi per la parte fissa e altrettanti per i bonus), comunicato ieri dal presidente della serie cadetta Andrea Abodi e che entrerà in vigore dal prossimo 1 luglio. Per testare gli umori dell'Empoli, una delle società modello, Calciomercato.it ha contatto così il ds del club toscano Marcello Carli: "Per noi cambia poco visto che già avevamo intrapresa questa linea da tempo. L'idea sicuramente è buona però penso che non dovrebbe essere imposta. Ogni club dovrebbe infatti darsi un regolamento interno e fare i conti con quello che ha. Da un lato, se un presidente paga tutto quello che deve, dovrebbe fare quello che vuole con i suoi soldi". Resta tuttavia un rischio segnalato da più parti: "Non vorrei che questa direttiva spingesse qualcuno a fare delle furbate e a dare i soldi in maniera scorretta...".

SAPONARA - La filosofia e le strategie dell'Empoli, hanno permesso alla società di crescere talenti del calibro di Saponara. Il giovane di casa e dell'Under 21 che a fine stagione si trasferirà al Milan: "Riccardo sta facendo un campionato straordinario - puntualizza Carli a Calciomercato.it-. E' un ragazzo serio, maturo che ha vissuto questi mesi con grande professionalità. Il passaggio alla formazione rossonera formalizzato a gennaio gli ha cambiato la vita, ma eravamo sicuri che avrebbe continuato a giocare con la massima dedizione perché è molto attaccato alla squadra, mister e compagni. Ha avuto solo dei problemi fisici alla schiena ma all'occorrenza ha stretto i denti".

 




Commenta con Facebook