• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, il ritorno alla vita di Natalino: "La societa' mi e' stata molto vicina"

Inter, il ritorno alla vita di Natalino: "La societa' mi e' stata molto vicina"

L'ex difensore dell'Inter sottoposto a intervento chirurgico al cuore



22/03/2013 09:43

INTER NATALINO BENITEZ CRISI CARDIACA MORATTI / MILANO - É tornato finalmente a vivere Felice Natalino, 21enne ex difensore dell'Inter strappato al grande calcio da problemi al cuore. Lo scorso mese di febbraio il giovane nerazzurro è stato colpito da una crisi cardiaca improvvisa; immediato il ricovero in ospedale a Catanzaro e il successivo trasporto d'urgenza in aereo a Milano, dove è stato sottoposto a intervento chirurgico. "I problemi con l'aritmia li ho sempre avuti ma nel maggio scorso, mentre ero al Crotone, si sono evidenziati nuovamente. - le parole del difensore a 'La Gazzetta dello Sport' - Dovevo sostenere la visita medica per l'idoneità sportiva, mi trovavo a Roma a Villa Stuart e l'ho fatta lì. Gli esami hanno palesato un problema di aritmia cardiaca. I medici del Coni mi hanno fermato dopo aver visionato le carte degli esami; quindi ho effettuato altri accertamenti a giugno prima dell'idoneità che hanno portato allo stop. L'Inter mi è stata molto vicina, ringrazio la società, hanno fatto tutto loro per gli accertamenti clinici prima dell'operazione. Moratti mi ha mandato i saluti dopo l'intervento, ho ricevuto le telefonate di Cordoba e Zanetti, Ausilio mi chiamava spesso. La serie A era il sogno da bambino, c'ero quasi riuscito, nel piccolo posso dire di esserci riuscito lo stesso. L'esordio col Parma a San Siro, il tecnico era Benitez, una sensazione unica: all'epoca avevo 18 anni, c'era mio padre in tribuna, tutto da incorniciare. In Champions invece, perdevamo due a zero a Brema, c'era meno tensione agonistica, ma entrare al posto di Zanetti è stato indimenticabile".

M.D.F.




Commenta con Facebook