• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Lo riconoscete?

Lo riconoscete?

Nuovo viaggio alla scoperta di calciatori dimenticati dal grande pubblico


Lo riconoscete?

20/03/2013 18:21

LO RICONOSCETE CALCIATORI DIMENTICATI / ROMA - La rubrica di Calciomercato.it vi racconta le storie di calciatori che, pur avendo lasciato un segno più o meno profondo nella storia di questo sport, per un motivo o per l'altro sono finiti nel dimenticatoio, lontani dai riflettori degli stadi e dalle luci della ribalta.

E' il turno di un difensore che ha militato per molti anni in Serie B, sfiorando il grande salto nel 1997-98, stagione passata alla Roma dopo un biennio strepitoso nel Lecce. I problemi fisici lo hanno però falcidiato, facendogli rischiare il ritiro a 27 anni: è Cristian Servidei.

Nato a Bagnacavallo nel 1972, Servidei ha mosso i primi e gli ultimi passi calcistici nella SPAL, dove ha giocato dal 1989 al 1993, nel 2001-02 e dal 2006 al 2009, anno del ritiro. Nel mezzo diverse soddisfazioni in cadetteria: matura nel Venezia tra il 1993 e il 1995, e dopo una fugace apparizione nel Padova trova la sua miglior dimensione a Lecce, protagonista di un biennio tra i migliori della società, quello '95-'97. Quest'ultimo è l'anno, come detto, dal giallorosso al... giallorosso: "Il momento più bello è stato arrivare alla Roma", ha ammesso lo stesso Servidei anni dopo. Ma l'esperienza non è delle migliori: tra acciacchi e infortuni gioca appena 6 volte, e viene ceduto nel 1998 alla Ternana. Si riprende, ma ormai il treno è passato: torna alla SPAL nel 2001, poi tenta le esperienze con Pistoiese e Castel San Pietro, quindi fa per la seconda volta tappa a Venezia e per la terza nella SPAL. Si ritira nel 2009, ammettendo il rimpianto per quella schiena e quelle gambe così fragili: un fisico precario che non gli ha comunque impedito di giocare a buoni livelli per quasi vent'anni.




Commenta con Facebook