• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > LA TATTICA DEL MERCATO: Inter e Juventus, duello per Sanchez

LA TATTICA DEL MERCATO: Inter e Juventus, duello per Sanchez

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato


Alexis Sanchez (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

20/03/2013 17:08

 

TATTICA MERCATO BARCELLONA INTER JUVENTUS SANCHEZ BRANCA MAROTTA / ROMA - Nonostante siamo solo al 20 marzo, con il campionato e le coppe europee ancora da terminare, il calciomercato sta già entrando nel vivo. In questi giorni, infatti, le società cominciano a lavorare in vista della finestra estiva di mercato, programmando così con buon anticipo le mosse future. Un nome caldissimo in questo senso, è quello di Alexis Sanchez, seconda punta del Barcellona, che interessa moltissimo all'Inter, ma anche allaJuventus. Proprio per questo motivo il suo agente, Felicevich, sarà a Milano tra dieci giorni per assistere al 'Derby d'Italia' e per effettuare dei colloqui con gli uomini mercato delle due formazioni.

BIOGRAFIA - Alexis Alejandro Sanchez nasce a Tocopilla, in Cile, il 19 dicembre del 1988. A 16 anni, nel 2004, entra nel settore giovanile del Cobreloa. Con la compagine cilena esordisce tra i professionisti nel 2005, collezionando in tutto 46 presenze e 12 reti che gli valgono la chiamata dall'Europa. L'Udinese infatti è da sempre attenta al mercato sudamericano e nel 2006 lo acquista. Il giovane Sanchez tuttavia non è ancora pronto per il calcio italiano e così la società friulana decide di fargli fare le ossa con una serie di prestiti. Nel 2006/07 gioca al Colo-Colo (vincendo due campionati), principale squadra cilena, mentre l'anno successivo lo passa tra le fila del River Plate in Argentina, dove vince il torneo Clausura. Nel 2008 torna all'Udinese dove viene utilizzato con molta continuità dall'allenatore Pasquale Marino. Nel 2009/2010 forma insieme a Simone Pepe e ad Antonio Di Natale uno dei tridenti migliori dell'intera Serie A. La definitiva consacrazione arriva però la stagione successiva, sotto la gestione tecnica di Francesco Guidolin. Il tecnico veneto infatti gli ritaglia un modulo su misura, inventandolo seconda punta alle spalle di Di NataleSanchezdisputa una stagione straordinaria da 33 presenze e 12 reti. Nell'estate del 2011 lo acquista addirittura ilBarcellona di Josep Guardiola per la cifra di circa 37 milioni di euro (bonus compresi). In 'Blaugrana' però il cileno fatica ad affermarsi per la presenza di tanti campioni. In due stagioni finora ha collezionato 74 presenze segnando 19 reti, vincendo però una Coppa del Re, una Supercoppa di Spagna, una Supercoppa Europea ed un Mondiale per Club. Le qualità tecniche del ragazzo di Cobreloa gli hanno permesso di conquistare la nazionale del suo paese sin da giovanissimo. Sanchez infatti ha conquistato il terzo posto al mondiale under-20 del 2007 ed ha esordito con la selezione maggiore nel 2006 sotto la guida di NelsonAcosta, diventando una pedina fondamentale anche per Marcelo Bielsa, Claudio Borghi e Jorge Sampaoli. Con la 'Roja' ha preso parte al mondiale sudafricano del 2010 e alla Coppa America dell'anno successivo.

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE - Alexis Sanchez è uno dei talenti più cristallini espressi dal calcio cileno negli ultimi anni. Alto 1,70 per 73 kg, fisico compatto ma atletico, destro naturale. 'El Nino Maravilla'(questo uno dei suoi soprannomi) è un attaccante completo, che però preferisce il ruolo di seconda punta o trequartista avanzato. Grazie alle sue caratteristiche però, può svolgere anche il ruolo di esterno d'attacco oppure di prima punta. Giocatore molto dotato tecnicamente e dai mezzi fisici davvero importanti, riesce e combinare le due cose dando il meglio di sé partendo in progressione ed utilizzando il dribbling (celebre il suo 'paso doble-triplo') per puntare la porta o per servire la punta centrale che assiste. Molto bravo sia in fase di finalizzazione che come assist-man, Sanchez è dotato di una intelligenza tattica davvero notevole ed è un calciatore molto duttile. Da il meglio di se potendo giocare in contropiede, usando la progressione, mentre con le difese schierate trova qualche difficoltà in più. Si tratta comunque di un giocatore estremamente efficace che ha dimostrato di essere adatto al calcio italiano.

E' UN AFFARE PER L'INTER E PER LA JUVENTUS? - Sicuramente Sanchez sarebbe un giocatore prezioso, sia per il futuro dell'Inter che per quello della Juventus. Andando ad analizzare il modo di interpretare il calcio diAndrea Stramaccioni, il 'Nino Maravilla' sarebbe perfetto per il gioco nerazzurro fatto di contropiedi fulminanti, dove andrebbe a formare con Palacio una coppia formidabile per velocità, tecnica e rapidità d'esecuzione. Nel 3-5-2 di Antonio Conte invece sarebbe più sacrificato, dovendo attaccare difese schierate e dovendo giocare nello stretto. Tuttavia formerebbe un reparto offensivo davvero invidiabile con Mirko Vucinice con il nuovo acquisto Fernando Llorente. Infine c'è una considerazione economica da fare che avvantaggia sia l'Inter che la Juventus. Come detto in precedenza infatti, Sanchez è stato pagato ben 37 milioni di euro ed in 'Blaugrana', non ha risposto alle aspettative, finendo nella lista dei cedibili di Tito Vilanova. In considerazione di tutto questo, riportare in Italia un giocatore ancora così giovane e che fece così bene con la maglia dell'Udinese, oltretutto ad un prezzo vantaggioso, potrebbe essere davvero un affare da non lasciarsi sfuggire. 

 

 




Commenta con Facebook