• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > 'ITALIANS' - Le pagelle degli 'Italiani' all'estero: Di Vaio, prima soddisfazion

'ITALIANS' - Le pagelle degli 'Italiani' all'estero: Di Vaio, prima soddisfazione. Che errori per Del Piero e Seedorf

Tutti i voti degli ex giocatori del nostro campionato che hanno salutato l'Italia nelle ultime sessioni di mercato


Marco Di Vaio (Getty Images)
Hervé Sacchi

18/03/2013 14:57

ITALIANS VOTI PAGELLE ITALIANI ESTERO EX GIOCATORI SERIE A / ROMA - Poco male. Questo il sunto del pari in rimonta subito dal Psg, ad opera del Saint-Etienne. I parigini, in vantaggio con Pastore Ibrahimovic, si sono fatti annullare il vantaggio grazie ad un'autorete di Alex ed al gol di Clerc. Visti i passi falsi di Lione e Marsiglia, non c'è da disperarsi. Una vittoria avrebbe avvicinato ancor di più il titolo, ma il Psg resta la squadra maggiormente attrezzata fra le candidate al titolo. 

Le conferme di giornata arrivano da Coutinho, ancora tra i migliori nonostante la sconfitta del suo Liverpool, e da Pellé, decisivo nella vittoria contro l'Utrecht. Si rivedono i "turchi" Sneijder Felipe Melo, capaci di dare seguito all'entusiasmo generato dalla vittoria in Champions League sullo Schalke 04. Ritrovano il gol CastaignosAcquafresca e Pato mentre Di Vaio segna la sua prima rete in Mls

Settimana da dimenticare, invece, per due giocatori esperti come Del Piero Seedorf. L'ex bianconero si è fatto respingere un rigore nel match contro il Melbourne, mentre l'olandese ha mancato il più facile dei gol nel match contro il Quissama.

 

Zlatan Ibrahimovic (Paris Saint-Germain): 6,5 - Nei primi venti minuti, fa quasi tutto lui. Prima l'assist aPastore, poi il gol su rigore, sembrano mettere in cassaforte la vittoria. Il ritorno del Saint-Etienne, tuttavia, rovina i piani. Lo svedese, a 20' dalla fine, avrebbe la possibilità di timbrare ancora una volta il cartellino ma il tiro-partita finisce lontano dalla porta. Complessivamente, non ha lesinato sull'impegno. INDOMABILE

Thiago Silva (Paris Saint-Germain): 6,5 - Copre bene la sua zona di competenza, azzardando un po' troppo nei disimpegni. La sua classe, tuttavia, permette di rassicurare tifosi e compagni. Senza colpe, nei gol subiti. ESENTE

Marco Verratti (Paris Saint-Germain): s.v. - Non convocato.

Ezequiel Lavezzi (Paris Saint Germain): 5,5 - Conquista il rigore trasformato, successivamente, da Ibra. L'impegno non manca, ma paventa una mancanza di incisività rispetto alla prima parte e mezza di stagione. CALANTE

Gaston Ramirez (Southampton): 5,5 - Propone un ritmo tutt'altro che frenetico. Si accende ad intermittenza, come fosse Natale. Da lui ci si aspetta, invece, una luce sempre accesa. Pur lavorando a mezzo servizio, la sua squadra riesce ad ottenere la vittoria contro il Liverpool. CADENZATO

Matija Nastasic (Man. City): 6 - Giornata impegnativa per lui. Compie un lavoro egregio, anche se non riesce a limitare in maniera assoluta gli attacchi dell'Everton. Il suo lo fa, e lo fa bene. CONVINCENTE

Maicon (Man. City): - Non convocato.

Julio Cesar (Qpr): 5 - Un ritorno non certamente coi fiocchi, dopo l'infortunio. Manca negli episodi importanti, traducibili coi gol di Weimann Benteke. Una giornata di stop in più gli avrebbe ancora fatto comodo. FRETTOLOSO 

Fabio Borini (Liverpool): - Infortunato. 

Philippe Coutinho (Liverpool) 6,5 - Segna un gol di fatto inutile, ma la stima che si sta ritagliando tra addetti ai lavori e tifosi non è mai stata così alta in tutta la sua carriera. Da quando è arrivato, ha mantenuto alta l'asticella del rendimento. Mostra tranquillità, sbagliando pochissimo. CERTEZZA

 Urby Emanuelson (Fulham): 5 - Dice di voler riconquistare la fiducia del Milan ma, si sa, tra il dire e il fare ci sono di mezzo partite come quella offerta contro il Tottenham. ABULICO

Milos Krasic (Fenerbahce): - Non convocato.  

Reto Ziegler (Fenerbahce): - Non convocato. 

Wesley Sneijder (Galatasaray): 6,5 - Il passaggio del turno in Champions League ha fatto bene alla squadra di Terim. Le mancanze di gioco e di organizzazione tattica, assodate nelle ultime settimane, sembrano essersi ridimensionate. Grandi meriti vanno anche all'olandese, autore fra l'altro del primo gol contro ilKayserispor, il quale ha saputo entrare caparbiamente nei meccanismi di squadra. INTELLIGENTE

Felipe Melo (Galatasaray) 6,5 - L'entusiasmo per la qualificazione ha coinvolto anche il brasiliano che, nel recente passato, sembrava quasi dissociarsi dal gruppo. Nell'ultimo turno, ha offerto una prestazione positiva in entrambe le fasi di gioco, proponendo anche un valido assist a Yilmaz. RIGENERATO

Graziano Pellé (Feyenoord) 7 - La corsa al titolo è aperta più che mai. Pellé ricorda, ancora una volta, che ilFeyenoord c'è. Il centravanti salentino va a segno da cinque gare consecutive. Contro l'Utrecht (2-1), apre le marcature, dando il suo notevole, e sempre costante, contributo. PROLIFICO 

Luc Castaignos (Twente): 6,5 - La cura Schreuder inizia a fare finalmente effetto. Il Twente torna alla vittoria e, contestualmente, Castaignos torna al gol. Entrato nella ripresa, prima si procura il calcio di rigore trasformato da Tadic e, poi, mette il sigillo alla vittoria (3-0 contro il Groningen). Ha fatto la differenza in attacco, dando profondità alla squadra e rendendosi più volte pericoloso. Dopo decine di gare pessime, ha dato un taglio al passato. RISOLLEVATO  

Mark van Bommel (PSV Eindhoven): 6 - Pochi pericoli dalle sue parti. Amministra con decisione. PRESENTE

Gennaro Gattuso (Sion) 6  - Da allenatore, cambia modulo alla sua squadra. Contro gli Young Boys di Zurigo, opta per una difesa a tre, proponendo un assetto piuttosto offensivo. Esce con uno 0-0 prezioso, visto il rigore parato da Vanins. Deve ancora trovare il giusto meccanismo per far girare la sua squadra al meglio. Da giocatore, spende energie fino al minuto 88. STAKANOVISTA

Jose Angel (Real Sociedad): 6 - Ritorna in campo dopo diversi turni in panchina. Entrato nella ripresa, partecipa alla facile vittoria maturata contro il Valladolid (4-1). 

Samuele Longo (Espanyol): - In panchina.

Dorlan Pabon (Real Betis) 6 - Ripresosi dall'infortunio, viene schierato titolare contro il Valencia. L'avversario di giornata è superiore, specie in termini di copertura. Dalle sue parti, passano veramente pochi palloni. Sarà per la prossima volta. BOCCA ASCIUTTA

Robert Acquafresca (Levante) 6,5 - Se il Levante esce da Granada con un buon pari deve ringraziare in gran parte l'ex Bologna, autore della rete dell'1-1. Il suo compito è quello di far dimenticare Obafemi Martins. La strada intrapresa, seppur tortuosa, è quella giusta. POSITIVO

Fernando Tissone (Maiorca) 5,5 - Attivo nella prima parte di gara, si spegne nella ripresa. Lui come i suoi compagni, subisce il ritorno veemente del Real Madrid. SPROFONDATO

Alessandro Del Piero (Fc Sydney) 5,5 - Grande impegno ma non basta alla sua squadra che esce con un penalizzante 1-1 dalla gara disputata contro il Melbourne. Il numero 10 degli "Sky Blues" si fa parare un rigore, il tutto prima che Yairo Yau - a 5' dalla fine - riesca a certificare il pari. STREGATO 

Alexandre Pato (Corinthians) 6,5 - In Copa Libertadores, dà il largo alla vittoria contro il Tijuana. Un gol importante, il cui relativo entusiasmo viene mitigato dall'ennesimo infortunio occorso al brasiliano. L'ex Milanè dovuto uscire dopo mezz'ora di gioco. Non si teme nulla di grave, ma anche in Brasile la sfortuna non sembra proprio averlo abbandonato. 

Lucio (San Paolo): - Squalificato.

Clarence Seedorf (Botafogo) 5 - Imbarazzante a dir poco l'errore in cui è incappato l'ex rossonero. Nel primo tempo della gara contro il QuissamaSeedorf ha mancato il più facile dei gol, sparando alto quando la porta era praticamente spalancata. Fortunatamente per lui, il Botafogo ha chiuso la pratica abilmente (4-0). SCIAGURATO

Alessandro Nesta (Montreal Impact) S.V. - Costretto ad uscire dopo un quarto d'ora, per uno scontro di gioco. Dovrebbe tornare a disposizione nella prossima gara contro i New York Red Bulls.  

Matteo Ferrari (Montreal Impact) 5,5 - Non perfetto in alcuni piazzamenti, corre solo un rischio nelle fasi iniziali di gara. SUPERFICIALE

Marco Di Vaio (Montreal Impact) 7,5 - Sfida il portiere avversario in due occasioni prima di centrare, nel recupero del primo tempo, la rete del vantaggio: raccolto l'assist filtrante di Bernier, l'ex Bologna ha dribblato il portiere in uscita e insaccato il pallone. Squadra nuova, vecchio stile. DECISIVO

Andrea Pisanu (Montreal Impact) 6 - Prova sufficiente per l'esterno italiano, capace di offrire sempre buone prestazioni. PROMOSSO

 




Commenta con Facebook