• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan-Palermo, Allegri: "Serve una reazione. Barcellona? Un peccato..."

Milan-Palermo, Allegri: "Serve una reazione. Barcellona? Un peccato..."

L'allenatore rossonero ha parlato anche dell'errore di Niang contro i catalani


Massimiliano Allegri (Getty Images)

16/03/2013 16:19

 

MILAN PALERMO ALLEGRI CONFERENZA STAMPA / MILANO - E' un Massimiliano Allegri pronto a dare la carica, quello intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida casalinga contro il Palermo, dopo la bruciante eliminazione subita in Champions League contro il Barcellona. Ecco le sue dichiarazioni.

BARCELLONA - "Non so come la squadra ha reagito. Lo vedremo domani, siamo sereni, abbiamo fatto un buon allenamento sia giovedì che ieri. Dovremo essere pronti per affrontare il Palermo. E’ una squadra che ha cambiato allenatore e ha bisogno di punti. Il risultato di martedì va accettato, c’erano delle aspettative, vista la gara di andata, che non si sono concretizzate. Ma c’è comunque il merito di essersela giocata coi migliori al mondo".

CHAMPIONS LEAGUE -
 "Il primo gol di Messi è una cosa che si vede poco in giro. Credo sempre in quello che faccio, se la corsa di Niang fosse finita in modo diverso probabilmente parleremo in maniera diversa. A 3 minuti dalla fine eravamo ancora lì a giocarci il passaggio. Molti non avevano mai giocato al Camp Nou e credo che queste partite siano utili per il prossimo anno, recuperando la Champions attraverso il campionato".

NIANG - "Poteva essere una palla importante ai fini della qualificazione. Non è stato così ma sono contento di quello che hanno fatto i ragazzi. Hanno creato delle aspettative che nessuno immaginava poco dopo il sorteggio. La squadra adesso è serena, nonostante l’uscita dalla Champions League. Per lo scudetto credo che il discorso sia chiuso, non me ne voglia Conte, anzi gli faccio e faccio gli auguri alla Juve per l'Europa, visto che è l’ultima italiana rimasta".

FUTURO - 
"Probabilmente saranno due mesi difficili, ma lo saranno meno dei primi tre di questa stagione. Sono convinto che la squadra regalerà soddisfazioni alla proprietà e ai tifosi".

M.Z.

 




Commenta con Facebook