Breaking News
© Getty Images

Benessere, più multitasking e meno concentrati: tutti i rischi delle abitudini digitali

Ansia, nervosismo, depressione, stanchezza sono i più diffusi sintomi del tecnostress

TECNOLOGIA RISCHI CONNESSI ALL’USO DEI DISPOSITIVI DIGITALI / ROMA - Ansia, nervosismo, depressione, stanchezza? Potrebbe essere stress, anzi tecnostress. Sono questi alcuni dei sintomi della patologia, considerata dal 2007 come “malattia professionale” che colpisce gran parte dei lavoratori digitali italiani.

Lo rivelano i dati di una nuova ricerca di Netdipendenza Onlus realizzata in collaborazione con l’Associazione italiana formatori salute e sicurezza sul lavoro (Aifos).

Secondo lo studio circa il 45% dei lavoratori digitali accusano i sintomi causati da un uso intenso di pc, tablet e smartphone. L’indagine è stata condotta su un campione di poco più di 1000 lavoratori digitali: l’85% di questi ha dichiarato di usare in maniera frequente, per motivi di lavoro, i dispositivi mobili connessi a internet, mentre il 59,5% ha dichiarato come, nell’era degli smartphone, la quantità di informazioni da gestire sia nettamente aumentata. Per quanto riguarda il tempo trascorso al computer, tra gli intervistati circa il 18,4% rimarre connesso per 8 ore al giorno, il 9,8% raggiunge le 10 ore giornaliere mentre circa il 6% arriva a 12-16 ore. Lo smartphone, invece, viene utilizzato nel 64,1% dei casi per un’ora al giorno (anche nel weekend) per le conversazioni di lavoro, mentre altri lo utilizzano addirittura fino a sei ore al giorno, spezzate da pause di trenta minuti. I dispositivi connessi ad internet vengono utilizzati anche a letto: il 66,5%, infatti, ha dichiarato che, per motivi professionali, usano smartphone, computer e tablet, rimanendo connessi anche il fine settimana (90%). Il 36,9%, invece, avrebbe ammesso di utilizzare il tablet per motivi di lavoro per almeno un’ora al giorno.

Si può fare a meno della tecnologia? A questa domanda il 26% ha risposto di non considerare affatto l’ipotesi mentre il 17,5% risponde “mai”. Tuttavia un timido 3,5% riuscirebbe a farne a meno per qualche minuto, seguito dal 16,8% che riesce ad allontanarsi per mezza giornata, l’11,3% per un giorno intero e il 12,7% per una settimana. Il 65,5% degli intervistati è consapevole dei rischi causati dai campi elettromagnetici dei dispositivi mobili ma tuttavia non può farne a meno. Questo anche se si accusa un affaticamento mentale (87%) e tra di questi il 45% deve fare i conti con gli acciacchi e disturbi causati da tecnostress, con seri o occasionali problemi di salute.

Questi i sintomi più comuni: al primo posto si posiziona il mal di testa per il 44,5%, seguito dal calo di concentrazione (35,4%), nervosismo e alterazione dell’umore (33,8%), tensioni neuromuscolari (28,5%), stanchezza cronica (23,3%), insonnia (22,9%), ansia (20,4%), disturbi gastro-intestinali (15,8%). Al di sotto del 10% dei casi dermatite da stress (6,9%) e, i più gravi, alterazioni comportamentali (7,1%), attacchi di panico (2,6%) e depressione (2,1%).

“Molti sintomi dell’elettrosmog sono simili a quelli del tecnostress, come ad esempio il mal di testa, il calo della concentrazione, l’insonnia. Bisogna approfondire l’impatto di questi due rischi e valutare correttamente il sovraccarico informativo cognitivo e i livelli di emissioni di campi elettromagnetici. È questa la nuova sfida da affrontare per difendere la salute dei lavoratori digitali” ha affermato Enzo Di Frenna, presidente di Netdipendenza Onlus.

CAPACITA’ DI ATTENZIONE - Il crescente utilizzo di tablet e smartphone riduce la capacità di attenzione dell’uomo. Secondo uno studio condotto in Canada da Microsoft sulle abitudini digitali di 2 mila individui ha stabilito come la durata media della concentrazione umana sia scesa a 8 secondi, uno in meno di quanto possono invece "vantare" i pesci rossi.

Smartphone e tablet favorirebbero al contrario il processo noto come “multitasking” cioè la capacità di concentrarsi su più attività nello stesso momento. Questo però a discapito della durata della concentrazione sulla singola azione, scesa dai 12 secondi dell’anno 2000 agli attuali 8.

S.C.

Mercato   Inter  
Calciomercato Inter, spunta anche Digne per Spalletti
Sondaggio per il terzino del Barcellona. Nel mirino anche Masuaku e Wendell
Mercato   Roma  
Calciomercato Roma, da Rodrigo Caio a Lindelöf: ecco il nuovo centrale
Il difensore del San Paolo è stato offerto anche a Inter e Juventus. Sondaggio per lo svedese
Mercato   Juventus  
Calciomercato Juventus, contatto Mbappé: cinque obiettivi nel Monaco
Alla società bianconera piacciono anche Bakayoko, Fabinho, Lemar e Mendy