• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Lo riconoscete?

Lo riconoscete?

Nuovo viaggio alla scoperta di calciatori dimenticati dal grande pubblico


Lo riconoscete?

13/03/2013 15:09

LO RICONOSCETE CALCIATORI DIMENTICATI / ROMA - La rubrica di Calciomercato.it vi racconta le storie di calciatori che, pur avendo lasciato un segno più o meno profondo nella storia di questo sport, per un motivo o per l'altro sono finiti nel dimenticatoio, lontani dai riflettori degli stadi e dalle luci della ribalta.

Oggi abbiamo scelto un calciatore che si è dovuto ritirare addirittura a 25 anni per via degli infortuni alle ginocchia, ma che ha fatto in tempo a vincere un Europeo under-21 e uno Scudetto con il Milan, club in cui è cresciuto prima di cercare di ritrovarsi tra Lazio, Fiorentina, Venezia e Lecce: è Rufo Emiliano Verga.

Nato nel 1969, Verga matura come difensore o centrocampista nella Primavera rossonera: è considerato tra i migliori prospetti della sua generazione, come testimonia l'oro in Spagna 1992. A lanciarlo è Arrigo Sacchi, nel fantastico Milan di fine anni '80-primi anni '90: nel 1988 passa in prestito al Parma per maturare, quindi la stagione successiva non vede mai il campo, cominciando ad accusare i problemi che lo costringeranno al ritiro. Tra il 1990 e il 1993 veste le maglie di Bologna, Lazio, Fiorentina e Venezia: al di là dei problemi fisici sembra in grado di dire la sua, ma il Milan lo cede al Lecce nel 1993-94. La stagione in giallorosso è già l'ultima: dopo 14 presenze capisce di non avere le ginocchia forti a sufficienza per giocare a livello professionistico. Finisce già qua la sua carriera, ad appena 25 anni. Avrebbe potuto crescere al fianco di Maldini, diventare un grande della storia rossonera, invece il fisico non gliel'ha permesso. Oltre ai rimpianti, però, resteranno sempre un Tricolore e un Europeo.




Commenta con Facebook