• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > Palermo, il ritorno di Sannino: "Salvezza? Porto tanto entusiasmo"

Palermo, il ritorno di Sannino: "Salvezza? Porto tanto entusiasmo"

Il tecnico rosanero, fresco di ritorno in Sicilia, ha parlato degli obiettivi della squadra



13/03/2013 13:46

PALERMO SANNINO SALVEZZA / PALERMO - Intervistato dai principali quotidiani nazionali, come 'La Gazzetta dello Sport' e 'La Repubblica', il tecnico del Palermo Giuseppe Sannino (leggi l'intervista a calciomercato.it) ha parlato del suo ritorno sulla panchina rosanero, in vista delle ultime giornate di campionato, per provare a conquistare una salvezza insperata, ma non per lui. "Se credo alla salvezza? Quando ho detto di essere un dipendente l’ho fatto proprio perché volevo sottolineare il fatto che tornavo a Palermo con grande spirito perché mi sento coinvolto. Arrivo con tanta voglia, ma questo mi sembra che non sia il momento nel quale aggiungere altro sarebbe superfluo. Io credo nell’allenamento e nella prossima partita. La situazione è critica e non è più il momento di illudere la gente. A me verrebbe facile dichiarare subito che credo nella salvezza e che ce la faremo, ma questo non è più il momento delle chiacchiere. Ormai tutti abbiamo preso coscienza della situazione e dalle parole dobbiamo passare ai fatti. Le cose prima si fanno e poi si dicono. Ho già detto che io non guardo oltre l’allenamento e la partita di domenica. Poi guarderò alla prossima gara e alla prossima ancora. Alla fine tireremo le somme. Io sono stato chiamato per la situazione che si è venuta a creare e per valutare quelli che sono gli elementi della rosa del Palermo anche nell’eventualità peggiore della quale non voglio nemmeno parlare. Dobbiamo pensare al Palermo del presente, ma anche al Palermo del futuro. Tutti sono in discussione. Nessuno escluso".

M.Z.




Commenta con Facebook