• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI CAGLIARI-SAMPDORIA

PAGELLE E TABELLINO DI CAGLIARI-SAMPDORIA

Samp mai in partita, il man of the match Ibarbo la punisce tre volte. Male Palombo e Icardi


Ibarbo (Getty Images)
Stefano Silvestri

10/03/2013 18:06

 

PAGELLE E TABELLINO DI CAGLIARI-SAMPDORIA / CAGLIARI – Un pomeriggio da sogno per il Cagliari, una giornataccia per la Sampdoria. Victor Ibarbo fa il fenomeno, si sposta da una parte all’altra del campo e segna le tre reti che condannano i blucerchiati. Nella squadra di Pulga, nessuna insufficienza; in quella di Delio Rossi, in cui centrocampo e difesa vanno in apnea totale, si salvano in pochi, tra cui Eder, l’ultimo a mollare.

 

CAGLIARI

Agazzi 6,5 – Decisivo nel togliere dalla porta un corner “olimpico” di Eder. Uno scontro con Astori lo mette ko, dentro Avramov nell’intervallo. Dal 46’ Avramov 6 – Non corre pericoli, poi nel finale deve piegarsi al rigore di Maxi Lopez.

Perico 6 – Sulla destra è sempre attento. Quando si spinge in avanti pecca in precisione, ma è pur sempre un difensore.

Rossettini 6,5 – Toglie l’aria al pericolo numero uno Icardi, non permettendogli nemmeno di girarsi, figuriamoci di battere a rete. Nel finale, però, macchia con un rosso la sua prestazione.

Astori 7 – Forma una coppia ben assortita con Rossettini. I pericoli dalle sue parti sono pochi anche grazie alla sua attenzione.

Murru 7 – 19 anni, alla quinta presenza in A, è la bella sorpresa della giornata: Pulga lo preferisce a Avelar, lui lo ripaga con personalità e ottime giocate.

Dessena 6,5 – Giornata di ordinaria amministrazione. Quando l’azione della Samp si sposta nella sua zona, dà una mano in fase di copertura.

Nainggolan 6 – Male a Bologna nella posizione di trequartista, prende il posto di Conti davanti alla difesa: non fa rimpiangere il capitano, ma perde la palla che costa la cacciata di Rossettini e il rigore dell’1-3. 

Ekdal 7 – Inserimenti puntuali e precisi, come spesso gli capita. Entra nell’azione del vantaggio sfruttando il fattore sorpresa.

Cossu 6,5 – I due attaccanti giocano larghi e ne favoriscono gli inserimenti. Corre molto e serve su un piatto d’argento a Ibarbo la rete della tripletta. Dal 73’ Cabrera s.v. 

Thiago Ribeiro 6 – Gioca larghissimo, e soprattutto nel primo tempo crea giocate insidiose. Cala nella ripresa.

Ibarbo 8 – Il man of the match. Fa venire i giramenti di testa ai difensori della Samp, segna tre gol sfiorandone altrettanti. Peccato che gli applausi, in un Is Arenas vuoto, gli arrivino da pochi intimi. Dal 75’ Pinilla s.v.

All. Pulga 7 – La salvezza è in cassaforte anche grazie a lui, che ha messo ordine dopo la sfortunata gestione di Ficcadenti. Oggi ringrazia Ibarbo, ma tutto nasce da una disposione perfetta della squadra in campo. 

 

SAMPDORIA

Romero 6,5 – Fa tutto quel che può per mettere una pezza alle disattenzioni difensive blucerchiate: salva due volte su Ekdal, ma non basta.

Rossini 5 – Quando si sposta dalla sua parte, Ibarbo gli fa venire il mal di testa. Soffre tremendamente le finte e controfinte del colombiano.

Palombo 5 – Molto male. Si perde Ekdal nel primo gol e Ibarbo nel secondo. Per l’ex interista è una giornataccia.

Costa 5,5 – Il meno peggio dei tre difensori, peraltro penalizzati anche da un centrocampo che non fa filtro. Perlomeno l’ex reggino non fa figuracce.

De Silvestri 6 – Sulla destra si propone continuamente per sfornare cross che sarebbero anche pericolosi, ma che i compagni d’attacco non raccolgono. 

Poli 5 – Appena prova qualcosa di più rispetto a passaggi laterali scontati, i risultati sono disastrosi.

Maresca 5 – Come molti compagni, pure lui ne azzecca poche. Se uno coi suoi piedi sbaglia così tanti lanci, vuol dire che c’è poco da fare. Dal 55’ Munari 5 – Male pure lui. Lento e impreciso, anche se entra in un momento per nulla facile.

Obiang 5 – Anonimo in fase d’appoggio, in quella difensiva viene inghiottito dalla giornata di grazia del centrocampo rossoblù.  

Estigarribia 5,5 – Spara qualche cross, ma sempre dalla trequarti. Nel finale di tempo ha una buona occasione, ma in area controlla male. Dal 55’ Soriano 5,5 – Va a posizionarsi nel ruolo di trequartista, senza andare al di là di qualche tocco raffinato.

Eder 6,5 – L’unico del reparto offensivo blucerchiato a combinare qualcosa. Sfiora il gol da calcio d’angolo e si muove molto, ma pure lui può far poco.

Icardi 4,5 – La vera delusione della partita. Non gli arrivano molti palloni, ma quei pochi lui non se li gioca mai al meglio. Esce zoppicante dopo uno scontro con Rossettini. Dal 64’ Maxi Lopez 6 – Torna al gol (su rigore) dopo sei mesi. Importante che inizi a giocare con continuità. 

All. Rossi 5 – Una giornata storta può capitare. Perdere senza giocare, però, è meno accettabile. La sua Samp non entra mai in partita, e il risultato finale è addirittura generoso.

 

Arbitro Massa 6,5 – Tiene in pugno una partita in fin dei conti corretta. A termini di regolamento l’espulsione di Rossettini è corretta.

 

TABELLINO

CAGLIARI-SAMPDORIA 3-1

Cagliari (4-3-1-2): Agazzi (dal 46’ Avramov), Perico, Rossettini, Astori, Murru, Dessena, Nainggolan, Ekdal, Cossu (dal 73’ Cabrera), Thiago Ribeiro, Ibarbo (dal 75’ Pinilla). All. Pulga

Sampdoria (3-5-2): Romero, Rossini, Palombo, Costa, De Silvestri, Poli, Maresca (dal 55’ Munari), Obiang, Estigarribia (dal 55’ Soriano), Eder, Icardi (dal 64’ Maxi Lopez). All. Rossi

Arbitro: Massa

Marcatori: 18’, 53’ e 72’ Ibarbo (C), 91’ rig. Maxi Lopez (S)

Ammoniti: 12’ Nainggolan (C), 13’ Obiang (S)

Espulso: 90’ Rossettini (C) 

 




Commenta con Facebook