• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO VERONA-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO VERONA-NAPOLI

Azzurri disastrosi, Cavani irritante; ma il Chievo gioca una gran partita, sorretto anche da un sorprendente Puggioni


Uno straordinario Puggioni (Getty Images)
AntonioPapa (Twitter: @antoniopapapapa)

10/03/2013 17:52

PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO-NAPOLI / VERONA - La resa del Napoli arriva nel peggiore dei modi: con la partita di oggi non si consegnano alla Juventus soltanto le armi, ma anche armatura, vestiti e biancheria intima. Squadra inguardabile, che trova di fronte una delle avversarie più arcigne del campionato: il Chievo gioca una partita ottima ma non eccellente, che però basta a portare a casa i tre punti. Straordinario Puggioni.


CHIEVO 

Puggioni 8 - Nel primo tempo un paio di interventi da campione, nella ripresa respinge quel rigore che invece avrebbe potuto cambiare del tutto la partita. I tifosi del Chievo avevano un gran bisogno di sostituire il 'traditore' Sorrentino nel loro cuore: le ovazioni riservategli oggi lasciano intendere che ha già guadagnato quel posto speciale. Inoltre entra di diritto nell'ormai celeberrima galleria dei calciatori che "cacciano la scienza" contro il Napoli, che ha ispirato anche diverse pagine Facebook. 

Frey 7 - Il bello degli esterni del Chievo è che partono bassi ma poi riescono ad affondare anche più dei dirimpettai. Per lui un assist perfetto a Thereau, ma non solo.

Andreolli 6,5 - Con il fallo o senza fallo, francobolla gli attaccanti avversari e raramente gli fa toccare palla. 

Dainelli 5,5 - Quell'abbraccio troppo affettuoso su Cavani regala il rigore ad un Napoli che francamente non avrebbe mai potuto scalfire il muro clivense. Per fortuna il suo portiere gli salva la giornata. 

Cesar 6 - Il più ruvido della difesa gialloblu, ma è esattamente ciò che ci vuole per tenere a bada il Matador. Mezzo voto in meno per quella sceneggiata a chiedere il rosso dell'uruguagio. Forse però avrebbe fatto un favore al Napoli.

Dramè 7 - Spinta costante sulla sinistra, contro un Maggio inchiodato sui tacchetti. Poi quel bolide che sblocca il risultato, per il quale probabilmente dovrà mandare un cesto di frutta a De Sanctis. (Dal 27' st Jokic sv)

Cofie 6,5 - Il pressing asfissiante costringe Inler a perdere una quantità industriale di palloni. Partita dopo partita raccoglie sempre di più la stima di Corini.

Rigoni 6 - Essenziale e mai fuori posto, oggi sbaglia stranamente qualche pallone importante, e non è da lui. Ma il suo filtro davanti alla difesa è preziosissimo, da sesto difensore praticamente.

Hetemaj 6,5 - Nel secondo tempo l'asse di centro-sinistra del Chievo è il più efficace e pericoloso. Il merito è anche suo e di quella corsa instancabile, unita a qualche intervento borderline che incattivisce la partita, ma serve come il pane.

Paloschi 6,5 - Non segna ma effettua un pressing incredibile su chiunque abbia il pallone dal centrocampo in giù. A destra, a sinistra, in mezzo: dovunque ci sia un'azione da impostare c'è lui a romperla. Esce stremato, ma fra gli applausi. Meritatissimi. (Dal 42' st Pellissier sv)

Thereau 7 - Tecnicamente sopraffino, fa tantissimo movimento e mette in seria difficoltà la difesa azzurra. Splendido l'aggancio per il gol del 2-0. (Dall'11' st Luciano 6 - Con lui il Chievo si trasforma in un 5-4-1 di contenimento, per proteggere il 2-0 acquisito. Fa ciò che deve fare).

All. Corini 6,5 - Probabilmente alcuni suoi atteggiamenti tattici un po' anacronistici, per così dire, fanno storcere il naso ai puristi. Ma oggi imposta la partita così come doveva essere, di lotta di governo e di grande furbizia. Premiato da un paio di episodi, ma il resto del match non vede il Napoli prevalere quasi mai. Tre punti meritati.



NAPOLI

De Sanctis 4 - Battezza malissimo il missile di Dramè, si fa addirittura passare il pallone sotto al braccio sul tiro non irresistibile di Thereau. Disastroso, in questo finale di campionato il suo rendimento è crollato rovinosamente, dando ragione a chi lo dà per bollito. Si riscatta parzialmente nella ripresa con una paratissima su Paloschi, ma di certo non basta.

Campagnaro 5 - In preda alla disperazione si sostituisce anche a Maggio, giocando praticamente a centrocampo. I risultati si vedono e sono disastrosi, ma non è certo il suo mestiere.

Rolando 4,5 - Intesa praticamente nulla con i compagni, sembra sia arrivato ieri a Napoli quando in realtà sono passati ormai due mesi. E lui, che ha vinto l'Europa League col Porto, fa la panchina in azzurro. Se non gioca mai un motivo c'è e lo dimostra oggi, il perché giochi così resta un mistero. O forse no?

Gamberini 4,5 - Statico e per nulla coordinato con i compagni, il gol del raddoppio clivense nasce da una sua dormita su Thereau, che si allarga e indisturbato va a battere a rete. E dire che ad inizio anno aveva risolto diversi problemi difensivi a Mazzarri. (Dal 1' st Dzemaili 5,5 - Un paio di sortite offensive che potevano chiudersi meglio, ma nel complesso è poca roba).

Maggio 4 - Sono mesi che è soltanto l'ombra del fantasma del calciatore che ha portato in alto il Napoli. Sono mesi che vive di rendita sulla gloria passata. Sono mesi che il suo allenatore (e solo lui) non lo capisce. Poltronissimo.

Behrami 5 - Capisci che non è giornata quando perfino il valoroso Valon affonda come una barchetta di carta. Imbarca acqua da tutte le parti, fa quasi tenerezza quando cerca di contrastare Paloschi, che poi spara su De Sanctis.

Inler 4 - Sbaglia anche i passaggi più elementari. sembra un improvvisato del ruolo quando poi dovrebbe essere lui a guidare la mediana. Imbarazzante nella ripresa quando regala un pallone agli avversari e poi si siede goffamente a terra. (11' st Armero 5 - Pochi palloni da giocare, tutti sbagliati. Magari se giocasse dal 1' nel suo ruolo e in una squadra che non deve cercare l'assalto all'arma bianca non farebbe di queste figuracce. Chissà).

Zuniga 5 - Si ritrova di fronte un Frey che sulla carta dovrebbe restare schiacciato in difesa e invece lo asfalta, propiziando anche il gol di Thereau. (Dal 17' st Pandev 5,5 - Ci prova con molta più convinzione dei compagni, ma senza dare neppure la parvenza di poter cambiare le cose).

Hamsik 4,5 - Involuto, coinvolto nel naufragio della squadra, lui che i compagni dovrebbe trascinarli. Un paio di misunderstanding imbarazzanti con Rolando prima e con Cavani poi. Chi l'ha visto?

Insigne 4,5 - In ritardissimo la chiusura su Dramè in occasione del gol, ma toppa soprattutto in quello che è il suo mestiere. Mai un'occasione pericolosa, eccetto un tiro che termina però di poco a lato. Per la serie: gli assenti hanno sempre ragione, finché non giocano dal primo minuto.

Cavani 4 - Non gli era mai successo di essere addirittura un peso per la squadra, oggi invece oltre a non beccarla mai è un palo della luce lì davanti, che non la metterebbe dentro neanche a porta vuota. Come dimostra anche il rigore, calciato non malissimo ma sicuramente non a modo suo.

All. Mazzarri 3 - Ossessiva, quasi da ricovero l'insistenza su alcuni senatori che sono ormai inguardabili. Nella partita della disfatta, che apre ufficialmente la crisi del Napoli, cerca di raddrizzare la baracca inserendo tutti gli attaccanti, come un bambino che gioca alla Playstation. Ma la cosa peggiore è che sarebbe capace di mettere in campo il magazziniere pur di non snaturare l'ormai ritrito schema di gioco. E' ingeneroso chi gli dà dell'asino, ma di certo lui è testardo come un mulo. 

Arbitro Rocchi 6 - Giusto il rigore su Cavani, giusto non espellere il Matador in occasione della gomitata (inesistente) a Cesar. L'unica pecca forse un fallo di mani non sanzionato al difensore del Chievo, che era la fotocopia di un fallo che era costato il cartellino a Dzemaili. Non è comunque un errore da matita blu.

 

CHIEVO-NAPOLI 2-0

Chievo (5-3-2): Puggioni; Frey, Dainelli, Andreolli, Cesar, Dramè (73' Jokic); Cofie, Rigoni, Hetemaj; Thereau (57' Luciano), Paloschi (81' Pellissier). A disposizione: Ujkani, Sampirisi, Seymour, Papp, Hauche, Stoian, Samassa. All. Corini

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis: Campagnaro, Rolando, Gamberini (47' Dzemaili) ; Maggio, Behrami, Inler (57' Armero), Zuniga (63' Pandev); Hamsik, Insigne; Cavani. A disposizione: Rosati, Colombo, Grava, Mesto, Donadel, El Kaddouri, Calaiò. All. Mazzarri

Arbitro: Rocchi

Marcatori: 12' Dramè (C), 44' Thereau (C)

Ammoniti: Andreolli (C), Dzemaili (N), Dainelli (C)

 




Commenta con Facebook