• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI TOTTENHAM-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI TOTTENHAM-INTER

Il Tottenham di Bale annienta un'Inter inesistente. Firmano il 3-0 il gallese, Sigurdsson e Vertonghen


Samir Handanovic (Getty Images)
Marco Macca

08/03/2013 00:11

PAGELLE E TABELLINO DI TOTTENHAM-INTER / LONDRA - Nella straordinaria cornice di White Hart Lane un Tottenhamperfetto disintegra un'Inter mai scesa in campo e praticamente e meritatamente fuori dall'Europa. Figuraccia per i nerazzurri, conStramaccioni che inspiegabilmente manda ancora una volta Palacio in panchina. Dopo nemmeno venti minuti siamo già 2-0: al 6'Bale con un colpo di testa poderoso e al 18' Sigurdsson lasciato solo in area mandano in visibilio i supporters degli Spurs. Nella ripresa Vertonghen arrotonda, e solo Handanovic limita il passivo.

TOTTENHAM

Friedel 6,5 - Solo un brivido sul tiro di Alvarez. Ma praticamente non tocca mai palla. Stasera l'attacco dell'Inter è evanescente e, pertanto, non deve destreggiarsi in interventi difficili, se non per l'ottima parata di piede sul destro di Palacio.

Walker 6,5  Poche volte Alvaro Pereira riesce a bucare da quella parte e in avanti duetta alla perfezione con Lennon, risultando spesso l'uomo in più nella fase offensiva del Tottenham.

Gallas 6 - Partita senza particolari patemi d'animo e, per un signore che di anni sulla carta d'identità ne ha abbastanza, non è notizia da poco.

Vertonghen 7 - Segna un gol e ne sfiora almeno due. Un difensore di classe sopraffina che sui calci piazzati si trasforma in un attaccante vero. Padrone delle due aree.

Assou-Ekotto 6,5 - Non corre rischi dietro e ne approfitta per lanciarsi all'attacco della fascia, dalla quale, grazie a un suo cross pennellato, arriva il pallone per la testa di Bale che apre le danze.

Parker 6,5 - Dirige le operazioni con certosina perizia, non sbagliando praticamente nulla e infondendo tranquillità a tutti i compagni.

Dembelé 7 - Una diga. Di lì non si passa, mai e poi mai. Una gara mostruosa in fase di interdizione. Re del cerchio di centrocampo, copre le spalle come meglio non si potrebbe ai fantasisti che, intanto, illuminano a loro piacimento. Dal 64' Livermore 6 - Mezz'ora per onor di firma e per concedere la standing ovation a Dembelé.

Lennon 7 - La sue sono quasi sempre azioni in fotocopia: si guadagna il fondo e crossa arretrato per l'arrivo a rimorchio delle mezze punte. Solo che, data la velocità supersonica con cui riesce a fare tutto ciò, è imprendibile per i distratti laterali nerazzurri, che non riescono una volta ad avere la meglio. Dal 82' Naughton s.v

Bale 7 - Se inizia anche a segnare da autentico centravanti, beh, allora siamo di fronte a un marziano vero. In questo momento, forse, alle spalle solo della coppia dei sogni Messi-Ronaldo. Sa fare tutto, e basta che tocchi palla per provocare la tremarella ai difensori avversari. Fin troppo ingenuo quando prova a simulare, beccandosi invece un giallo che gli costerà vedere il ritorno sul divano.

Sigurdsson 6,5 - La fascia sinistra non è il suo terreno di caccia prediletto, ma sa mettere comunque  in mostra le sue doti con ottime tempistiche d'inserimento e sopraffine giocate nello stretto. Dal 71' Holtby 6 - Prova un paio di conclusioni senza successo, ma in compenso partecipa alla festa.

Defoe 6,5 - Ottima prestazione fatta di scambi nello stretto e sponde veloci per gli inserimenti dei tre a supporto. Manca solo il gol.

All. Villas Boas 7 - Il periodo fortunato in Premier stasera si è concretizzato in una gara perfetta, in cui gli Spurs hanno schiacciato l'Inter in tutto e per tutto, dominano dall'inizio alla fine con ferocia agonistica e qualità degne di una vera grande squadra. Con un Bale così è tutto più semplice, ma il concetto di squadra impresso dal portoghese è ammirevole e veder giocare la compagine londinese è francamente un piacere.

INTER

Handanovic 6,5 - Ancora una volta l'Inter deve ringraziare il suo portiere se il risultato non assume proporzioni catastrofiche. Almeno 2-3 interventi assolutamente decisivi che evitano ai nerazzurri un'imbarcata senza precedenti.

Zanetti 5,5 - Qualche sgroppata ma nulla più. Gli avanti del Tottenham sono troppo in forma questa sera e il capitano nerazzurro viene risucchiato nella negatività generale.

Ranocchia 4,5 - Incredibile a questi livelli come un ragazzone della sua taglia non riesca una volta a prevalere nel gioco aereo e a lasciare spazi immensi nella propria area  di rigore a ogni calcio piazzato.

Chivu 4,5 - Troppi errori di piazzamento, troppi passaggi sbagliati, troppa disattenzione. Insomma, partita troppo brutta per essere vera.

Juan Jesus 5 - Costretto a uscire a metà partita con il mal di testa. Walker e Lennon sono due saette e viene abbandonato dai compagni a lottare con vane speranze. Dal 45' Palacio 5 - Non può essere sempre il salvatore della patria, anche se l'errore a tu per tu con Friedel è clamoroso e quel gol poteva riaprire almeno parzialmente il discorso.

Cambiasso 5 - Poco concentrato in interdizione e pasticcione quando cerca vanamente di impostare. Lontanissimo dall'uomo che suonò la carica in quel di Catania.

Gargano 5 - Il motorino inesauribile stasera è rimasto a corto di benzina. Non si vede mai, se non in occasione di qualche passaggio sbagliato o qualche spazio lasciato alla mercé degli avversari.

Alvarez 5,5 - L'errore del primo tempo sul 3-0 è clamoroso, poiché ha tutto il tempo di ragionare e prendere la mira solo davanti a Friedel. Per il resto, gioca anche meglio dei suoi compagni di reparto, ma come gli altri è inconcludente. Dal 67' Jonhatan 5 - Si fa vedere una sola volta in quasi mezz'ora, quando si fa trovare in fuorigioco a difesa schierata, vanificando una buona azione di Zanetti.

Kovacic 5 - Non trova la posizione in campo e sembra quasi impaurito dalla forza delle bianche casacche inglesi. Si rischia di bruciarlo. Dal 55' Guarin - 5,5 - Prova a far qualcosa, come sempre in maniera egoista, ma senza alcun successo.

Alvaro Pereira 5,5 - Qualche buona azione, ma manca di supporto a Juan Jesus, lasciato allo sbando contro le furie di Lennon e Walker. Sembra quasi svogliato.

Cassano 5,5 - Un paio di passaggi illuminanti mal sfruttati dai compagni e poi il nulla assoluto.

All. Stramaccioni 4 - Che senso aveva lasciare in panchina Palacio a Catania in vista di questo incontro decisivo per poi spedirlo fuori anche stasera? Che senso ha schierare Cassano prima punta se poi manca un punto di riferimento in grado di far respirare la squadra? Che senso ha il cambio Alvarez-Jonhatan sotto di 3 gol? Troppi i dubbi, troppi gli errori che praticamente mandano fuori l'Inter dall'Europa e che dimostrano quanto questo giovane allenatore sia ancora lontano dalla lucidità dei grandi.

Arbitro Lahoz (ESP) 6,5 - Fischia poco e questo favorisce lo spettacolo. Estrae due gialli per simulazione che sono due finezze. Una di queste costa a Bale la partita di ritorno, anche se quasi inutile. 

TABELLINO

TOTTENHAM-INTER 3-0

Tottenham (4-2-3-1): Friedel; Walker, Gallas, Vertonghen, Assou-Ekotto; Parker, Dembelé (Dal 64' Livermore); Lennon (Dal 82' Naughton), Bale, Sigurdsson (Dal 71' Holtby); Defoe. All. Villas Boas

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Zanetti, Ranocchia, Chivu, Juan Jesus (Dal 45' Palacio); Cambiasso, Gargano; Alvarez (Dal 67' Jonhatan), Kovacic (Dal 55' Guarin), Alvaro Pereira; Cassano. All. Stramaccioni

Marcatori: 6' Bale (TOT), 18' Sigurdsson (TOT), 53' Vertonghen (TOT)

Ammoniti: 15' Bale (TOT), 72' Guarin (INT), 77' Alvaro Pereira (INT)

Espulsi: - 




Commenta con Facebook