Breaking News
© Getty Images

Serie A, Lazio-Inter 1-2: Hernanes stende i biancocelesti tra le polemiche

Una doppietta del grande ex decide la contesa. Faranno discutere le decisioni dell'arbitro Massa

LAZIO INTER / ROMA - Decide Hernanes, l'uomo più atteso. Tra le polemiche. Non sono mancate le emozioni all''Olimpico' per Lazio-Inter, con i nerazzurri vittoriosi grazie ad una doppietta del grande ex e con la squadra di Pioli che ha concluso la gara in nove uomini per le espulsioni di Mauricio (fallo da ultimo uomo nel primo tempo su Palacio) e Marchetti (doppio giallo nella ripresa e rigore per gli ospiti, poi fallito da Icardi ipnotizzato dal neo-entrato Berisha). I biancocelesti, dopo l'illusione del momentaneo vantaggio firmato da Candreva, recriminano per le decisioni dell'arbitro Massa (sospetta la posizione di Medel sulla punizione di Hernanes) e per i due cartellini rossi, fallendo così il controsorpasso al secondo posto sulla Roma. Tre punti vitali per la corsa all'Europa League invece per la formazione di Mancini, che rimane a -2 in classifica dalla Sampdoria.

 

Inter-Lazio 1-2
8' Candreva; 26' e 84' Hernanes

CLASSIFICA: Juventus 80 punti, Roma 64, Lazio 63, Napoli 60, Fiorentina 55, Sampdoria 54, Inter 52, Genoa 50*, Torino 48*, Milan 46, Palermo 43, Chievo 42, Empoli 41, Udinese 41, Verona 41, Sassuolo 40, Atalanta 36, Cagliari 28, Cesena 24, Parma 17. *Una gara in meno

Serie A   Inter  
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
Il tecnico sul brasiliano: "Si confronterà anche con la società"
Serie A   Inter   Lazio
Lazio-Inter, Vecchi: "Non si può finire così! Il nuovo allenatore..."
Lazio-Inter, Vecchi: "Non si può finire così! Il nuovo allenatore..."
Il tecnico nerazzurro ha incontrato i giornalisti in sala stampa
Serie A   Inter  
Inter, è caos: record negativo, tifosi furiosi e il mercato alle porte
Inter, è caos: record negativo, tifosi furiosi e il mercato alle porte
Solo due punti in otto partite. La curva contesta, Handanovic e Eder alzano i toni in tv