• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Catania > Sergio Gasparin su Catania-Inter

Sergio Gasparin su Catania-Inter

L'amministratore delegato del club siciliano intervistato, in esclusiva, da Calciomercato.it


Rolando Maran con Gomez (Getty Images)
Alessio Lento (Twitter: @lentuzzo)

01/03/2013 14:02

CATANIA-INTER ESCLUSIVO GASPARIN EUROPA LEAGUE MARAN / CATANIA - Domenica allo stadio 'Massimino' andrà in scena un vero e proprio spareggio per l'Europa League: il Catania di Maran ospita l'Inter di Stramaccioni con la squadra nerazzurra che occupa attualmente l'ultimo posto utile per l'Europa League con due punti di vantaggio sugli etnei. Un momento davvero straordinario per la squadra rossazzurra: "Credo che nessuno si sarebbe aspettato questo risultato a tre mesi dalla fine del campionato - le parole di Sergio Gasparin, amministratore delegato dei siciliani, in esclusiva a Calciomercato.it -. Salvezza anticipata e a soli due punti dall'Inter che in questo momento occupa l'ultimo posto valido per l'Europa League. E' per noi una grande soddisfazione, in città c'è uno straordinario entusiasmo, e domenica è giusto e doveroso provare a fare risultato contro una squadra prestigiosa come l'Inter che ha fatto, e continua a fare, la storia del calcio".

MARAN - Gran parte del merito di questo splendido campionato è da attribuire al lavoro dell'allenatore Rolando Maran: "Quando lo abbiamo ingaggiato c'era molto scetticismo, mai noi eravamo convinti della scelta tanto che abbiamo dato un segnale importante facendo un contratto biennale al tecnico - spiega Gasparin a Calciomercato.it -. E' stata una scelta non casuale, abbiamo valutato il tutto e ci sembrava la persona giusta per sostituire e proseguire il lavoro portato avanti da Vincenzo Montella. Il campo, giudice unico e insindacabile, ci ha detto che la nostra scelta è stata opportuna. Mi fa molto piacere vedere che adesso Rolando è un allenatore considerato e apprezzato da tutti".




Commenta con Facebook