• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, portavoce al Qaddumi: "Zeman aveva ragione, in che mani e' la societa'?"

Roma, portavoce al Qaddumi: "Zeman aveva ragione, in che mani e' la societa'?"

Il portavoce dell'imprenditore arabo ha parlato della situazione con la societa' capitolina


Roma (Getty Images)

26/02/2013 15:40

ROMA PORTAVOCE AL QADDUMI ACQUISTARE SOCIETA / ROMA - Sono giorni frenetici in casa Roma per via delle voci sull'ingresso in società dello sceicco al Qaddumi. Il suo portavoce, il giornalista Luigi Moncalvo, intervenuto ai microfoni di 'Radio Manà Manà Sport', ha dichiarato: "Voglio fare il sunto della situazione. Il signor Adnan non ha mai diffuso la notizia di voler acquistare la Roma. E' stata la società giallorossa ad aver diramato un comunicato, spinta dalla Consob. Ci sono delle date da rispettare. Chi ha diffuso le notizie è stato un comunicato della Roma S.p.A., e dobbiamo chiederci: se gli americani si siedono a un tavolo e firmano un contratto preliminare, hanno assunto le assicurazioni su questa persona oppure no?"

AL QADDUMI E PALLOTTA - "Il signor Adnan ha incontrato più volte Pallotta, e confermo che ieri è andato alla Deloitte&Touche. Le domande sono due: è una bufala o no? al Qaddumi ha i soldi oppure no? E' normale che i giornalisti vogliano scoprire informazioni in merito, e se escono interviste in cui afferma di essere un barista è normale che accrescano i dubbi. Ma vi domando: se al Qaddumi è una bufala e Pallotta lo incontra, in che mani è la Roma?"

ATTIVITA' - "Ha attività di basso rilievo in Italia, ma di più alto profilo all'estero. Mi aspettavo il solito arabo anch'io, ma non bisogna badare alle apparenze. Gli ho chiesto se volesse lasciar perdere dopo questa baraonda, e mi ha risposto di voler andare avanti, altrimenti sembrerebbe non avere i soldi. Da questa situazione emerge che i due principali azionisti della Roma non comunicano come dovrebbero".

TRATTATIVA - "La trattativa dello sceicco riguarda solo le quote di Pallotta. Gli interessa una cospicua parte di quel pacchetto, forse Unicredit non è stata informata. L'intervista di Fiorentino dimostra che i due azionisti non si parlano. Forse la notizia dell'arrivo del signor Adnan dà fastidio ad altre trattative per il famoso 15% (Parnasi, ndr)".

"AVEVA RAGIONE ZEMAN" - "I due principali azionisti vogliono dismettere parte del loro patrimonio. Chi pensa al bene della Roma in tutto ciò? Quando Zeman parlava di mancanza di società forse non sbagliava".

"NIENTE INVESTITORI" - "La Roma rischia di non trovare investitori per dieci anni. I tifosi sono eccezionali, ma io se fossi ricco non investirei mai in una società che si presenta così. Se al Qaddumi entrerà in società e firmerà, entreranno tre nuovi componenti nel CdA al posto dei presenti, e uno diventerà vicepresidente. Come fa Pallotta a dire che resterà al comando? Adnan vuole capire bene con chi avrà a che fare".

I SOLDI DELLO SCEICCO - "Non so se li abbia o meno. Questo signore mi ha contattato, e in quel momento ho chiesto di essere chiari: non abbiamo accordi, sono solo un collaboratore. L'ufficio stampa giallorosso non mi interessa, è già ben rappresentato. Sceicco non è un titolo nobiliare".




Commenta con Facebook