• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-CHIEVO

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-CHIEVO

Poli-Eder: la Samp stende il Chievo e compie un passo in avanti importante verso la salvezza


Sampdoria (Getty Images)
Valerio Pantone

24/02/2013 15:52

PAGELLE E TABELLINO SAMPDORIA-CHIEVO/ GENOVA – Prosegue la striscia positiva della Sampdoria di Delio Rossi che a Marassi sbriga con un gol per tempo la pratica Chievo. Apre le marcature nel primo tempo Poli; il raddoppio arriva a sette minuti dal termine ad opera del neo entrato Eder. I blucerchiati ottengono tre punti fondamentali in chiave salvezza grazie anche ad una difesa super: su tutti da segnalare Costa. Delude soltanto Estigarribia. Tra i clivensi spiccano invece le prestazioni di Acerbi e Jokic, mentre da rivedere il giovane Samassa, preferito a Paloschi dal tecnico Corini.

SAMPDORIA

Romero 7 – Compie un’autentica prodezza sul tiro di Guana con il risultato di 1-0. Una parata che alla fine si rivelerà decisiva.

Rossini 6,5 – Concentrato e puntuale nelle chiusure. Il rientro di capitan Palombo può ancora aspettare viste le sue convincenti prestazioni.

Gastaldello 7 – Partita autoritaria quella del capitano blucerchiato che riesce sempre a fare la cosa giusta al momento giusto.

Costa 7 – E’ diventato ormai una garanzia per Delio Rossi e lo conferma anche oggi. Se la Samp è la migliore difesa del campionato nel 2013 è anche per il suo contributo provvidenziale rispetto ad inizio stagione.

De Silvestri 6 – Nel primo tempo si propone spesso in zona attacco ed anche in maniera pericolosa; cala visibilmente nella ripresa come il resto della squadra. Nel 77’ Mustafi s.v. 

Poli 6,5 – Spezza l’equilibrio della partita con un destro chirurgico di rara precisione. Soffre molto nel secondo tempo il ritorno del Chievo, ma alla fine la sua prodezza risulta determinante nell’economia finale della partita.

Krsticic 5,5 – Fatica a velocizzare la manovra del gioco: geometrie a tratti troppo prevedibili.

Obiang 6 – Meno intraprendente del solito negli inserimenti da dietro, si rende sempre molto utile alla causa con la sua abilità di palleggio.

Estigarribia 5 – Troppo timido in fase di spinta, non riesce quasi mai a sfondare sulla sua fascia di competenza.

Sansone 6 – Parte subito con il piglio giusto, dimostrando di essere una pedina imprescindibile in questo momento per lo scacchiere tattico di Rossi. Cerca spesso l’assist decisivo, ma il fortino del Chievo raramente si lascia sorprendere.

Icardi 6 – Marcato a uomo da Andreolli o all’occorrenza da Dainelli, prova a comunque a creare spazi interessanti per i centrocampisti. E’ costretto ad uscire per infortunio dopo l’uscita sciagurata di Puggioni che sicuramente avrebbe meritato l’espulsione. Dal 61’ Eder 7 – Entra nel momento più delicato della partita: servito pochissimo dai centrocampisti, sfrutta a pieno l’unica chance che gli si presenta, mettendo in cassaforte tre punti fondamentali per la classifica della Sampdoria.

All. Limone 7 – Voto ovviamente da attribuire a Delio Rossi, la chiave della rinascita della Sampdoria. Il successo con il Chievo conferma l’ottimo stato di forma di una squadra sempre più vicina all’obiettivo salvezza. Una squadra che è la migliore difesa del torneo nel nuovo anno e che dimostra di sapere soffrire anche nelle situazioni più complicate.

CHIEVO

Puggioni 5 – Incolpevole sul gol di Poli, viene graziato dall’arbitro quando ad inizio ripresa commette a tre quarti di campo un’uscita da kamikaze su Icardi lanciato a rete. Fortunato.

Frey 6,5 – Vince alla grande il duello ravvicinato con Estigarribia, annullando in pratica le sortite del paraguaiano.

Andreolli 5 – Contrasta bene Icardi lasciandogli pochissimo spazio di movimento. Alla prima disattenzione, però, si lascia sfuggire Eder che realizza il definitivo 2-0. Un errore determinante.

Dainelli 5,5 – Tarda la chiusura in occasione del gol di Poli. Resta negli spogliatoi durante l’intervallo causa infortunio. Dal 45’ Hetemaj 6 – Dopo appena due minuti rimedia subito un’ammonizione. Pian piano entra in partita anche se gli manca un po’ di incisività in più negli ultimi venti metri.

Acerbi 6,5 – Attentissimo in copertura su Sansone, non un cliente facile da contenere, si sgancia spesso anche nella metà campo avversaria con alcune iniziative personali palla al piede.

Jokic 6,5 – Dopo aver preso le misure a De Silvestri, sale in cattedra con il passare dei minuti offrendo un contributo importante sulla corsia di sinistra.

Cofie 5,5 - Tanta corsa e sostanza a servizio della squadra. Da rivedere dal punto di vista tecnico. – Dal 77’ Pellissier s.v.

Rigoni 6 – Ricopre bene il ruolo di regista davanti alla difesa sia in fase di contenimento come nel primo tempo, sia in fase di costruzione come nella ripresa.

Guana 6 – Un po’ troppo nervoso dopo il vantaggio dei padroni di casa, confeziona nel primo tempo la chance più nitida dei clivensi: solo uno splendido intervento di Romero gli nega la gioia del gol. Dal 67’ Luciano 5,5 – Non riesce a dare il cambio di passo che Corini pretendeva da lui.

Samassa 5 – Gran fisico, discreta mobilità su tutto il fronte d’attacco, ma non trova quasi mai un guizzo interessante per mettere in difficoltà i difensori avversari.

Thereau 6 – Senza dubbio il pericolo numero uno della difesa blucerchiata: da punto di riferimento avanzato, veste spesso i panni del trequartista in grado di ispirare l’ultimo passaggio. Non sempre però i suoi compagni capiscono le sue intuizioni.

All. Corini 5,5 – Mette in campo la squadra in maniera impeccabile neutralizzando quasi tutte le fonti di gioco della Samp. Il gol di Poli lo costringe a modificare l’assetto tattico, passando ad una difesa a quattro: il Chievo attacca e chiude all’angolo gli avversari, ma alla fine si fa sorprendere da un contropiede evitabilissimo. Discutibile la scelta di preferire Samassa a Paloschi, rimasto in panchina.

Arbitro Abbattista 5 – Benissimo nel primo tempo, nonostante l’emozione per la sua prima direzione in Serie A, macchia la sua prestazione graziando Puggioni al nono della ripresa per il brutto fallo in uscita su Icardi: evidente l’espulsione ai danni del portiere giallo-blu che invece rimedia soltanto l’ammonizione. Al 72esimo poi lascia correre su un presunto fallo di mano in area di De Silvestri: ci poteva stare il rigore a favore del Chievo.

TABELLINO

SAMPDORIA-CHIEVO 2-0

SAMPDORIA (3-5-2):
Romero; Rossini, Gastaldello, Costa; De Silvestri (dal 77’ Mustafi), Poli, Kristicic, Obiang, Estigarribia; Sansone; Icardi (dal 61’ Eder). A disposizione: Da Costa, Berni, Rodríguez, Renan, Castellini, Maxi López, Munari, Poulsen, Palombo, Soriano. All. Fedele Limone.

CHIEVO (5-3-2): Puggioni; Frey, Andreolli, Dainelli (dal 45’ Hetemaj), Acerbi, Jokic; Cofie (dal 77’ Pellissier), Rigoni, Guana (dal 67’ Luciano); Samassa, Thereau. A disposizione: Ujkani, Seymour, Cesar, Sampirisi, Vacek, Hauche, Papp, Paloschi, Dramé. All. Eugenio Corini.

Arbitro: Eugenio Abbattista di Molfetta
Marcatori: 33’ Poli (S), 83’ Eder (S)
Ammoniti: 13’ Gastaldello (S), 13’ Acerbi (C), 22’ Krsticic (S), 47’ Hetemaj (C), 9’ Puggioni (C)




Commenta con Facebook