• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inghilterra > Swindon Town, l'affondo di Di Canio: "Troppi colpi bassi"

Swindon Town, l'affondo di Di Canio: "Troppi colpi bassi"

L'ex attaccante della Lazio accusa il club da cui si e' appena dimesso



23/02/2013 12:51

SWINDON TOWN DI CANIO DIMISSIONI / LONDRA (Inghilterra) - Divorzio al veleno tra Paolo Di Canio e lo Swindon Town. L'ex attaccante della Lazio si è dimesso dal suo incarico il 18 febbraio e da quel momento è stato un continuo botta e risposta con il club, con tanto di foto pubblicate sui tabloid che ritraggono Di Canio entrare di notte nella sede del club. "Ma secondo voi sono un ladro? Sono andato nel mio ufficio a prendere oggetti personali ai quali sono affezionato. Ho preso le foto della mia storia allo Swindon, il cronometro, le scarpe da ginnastica. Ho provveduto poi a firmare alcuni oggetti recapitati nella sede dello Swindon nei giorni scorsi e ho ordinato a uno dei miei collaboratori di riconsegnare la busta con tutti questi oggetti da inviare ai miei fan. Ho lasciato anche il computer che mi era stato regalato dal club. - ha detto l'ex laziale alla 'Gazzetta dello Sport' -  Troppe promesse non mantenute e troppi colpi bassi. Il mio contratto parlava chiaro: acquisti e cessioni dovevano essere concordati con il sottoscritto, invece hanno venduto Ritchie senza dirmi nulla. Questa storia non finisce qui: con i dirigenti dello Swindon ci rivedremo in tribunale. Lascio lo Swindon al primo posto. La scorsa stagione lo avevo portato in League One e stavo facendo il bis. Ho vinto 45 gare su 78. Ho la miglior media in Inghilterra dopo Ferguson".

M.D.F.




Commenta con Facebook