• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Panchina d'Oro, Capello: "Non ci sono dubbi su Conte". E su scudetto, Totti e Balotell

Panchina d'Oro, Capello: "Non ci sono dubbi su Conte". E su scudetto, Totti e Balotelli...

Il commissario tecnico della Russia elogia il capitano della Roma: "E' un calciatore unico, di classe superiore"


Fabio Capello (Getty Images)
dall'inviato Nicola Ghignoli / Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

18/02/2013 14:30

PANCHINA D'ORO CAPELLO / FIRENZE - Conte fa sua la Panchina d'Oro. Anche Fabio Capello si complimenta con il tecnico della Juventus campione d'Italia: "Su Conte non si sono dubbi, ha meritato questo premio. Mi associo al giudizio dei miei colleghi che lo hanno votato - ha dichiarato il CT della Russia a 'Sky Sport' -. Conte ha la sua esperienza, si presenta con un curriculum che lo ha visto allenare Arezzo, Bari, Atalanta e Siena prima di fare il grande salto nella Juventus. E poi ha anche una carriera importante alle spalle da calciatore". Ecco inoltre quanto raccolto dai nostri inviati a Coverciano: "Andrea Agnelli ha fatto un grande lavoro, prendendo la squadra dalla Serie B e portando mentalità, mettendosi in discussione lui stesso".

CORSA SCUDETTO - "Il Napoli è pronto per vincere lo scudetto, però paga due cose importanti: il campo, pessimo, del 'San Paolo', e il doppio impegno coppa-campionato a cui forse non non è ancora abituato". Come raccolto dai nostri inviati a Coverciano, Capello ha inoltre dichiarato: "Il campionato italiano poteva diventare interessante, ma non lo diventa più perché le inseguitrici fanno sempre qualche regalo a chi sta davanti, non mettendo la pressione sufficiente. La Juve è nettamente la più forte: si fermano tutti".

SUPER TOTTI - "Francesco è un calciatore unico, di classe superiore. Il suo gol alla Juventus è straordinario. Nessuno, dopo così tanti infortuni, si sarebbe aspettato un rendimento simile a 37 anni. Ha capito che deve curarsi e allenarsi al meglio in questo momento della sua carriera".

MILAN-BARCELLONA - "Bisogna avere fortuna, c'è troppa differenza al momento col Milan e le altre squadre. Balotelli? E' una sorpresa per me, aveva bisogno di trovare un ambiente e tornare in Italia per essere un giocatore così importante. Mi meraviglia l'attenzione, l'impegno, la collaborazione con i compagni che mette, prima non l'avevo mai visto così: nè al City nè all'Inter''.




Commenta con Facebook