• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Roma-Juventus, Conte: "Mazzarri non dica fesserie. Abbiamo perso perche'..."

Roma-Juventus, Conte: "Mazzarri non dica fesserie. Abbiamo perso perche'..."

Il tecnico bianconero giustifica i suoi per i troppi impegni in pochi giorni


Conte (Getty Images)
Bruno De Santis (twitter: @Bruno_De_Santis)

17/02/2013 00:01

ROMA JUVENTUS CONTE COLPA DEL CALENDARIO / ROMA - Se la prende con il calendario Antonio Conte dopo la sconfitta della Juventus in casa della Roma. Il tecnico dei bianconeri ai microfoni di 'Sky' afferma: "L'ho detto che non mi avrebbe fatto piacere giocare tre partite in sette giorni: potevamo pagare la stanchezza della terza partita con squadre importanti. Un giorno in più ci avrebbe consentito di riposare e raggruppare le idee e questa l'unica scusante per il gruppo: oggi non abbiamo giocato di squadra e quando non lo facciamo ci può battere chiunque. Un giorno in più ci avrebbe permesso di preparare meglio la partita e riposarci un po': mi auguro che le prossime volte si tenga un po' di rispetto in più per una squadra che sta portando in alto il nome dell'Italia in Europa".

TURNOVER - "Oggi ho parlato chiaramente alla squadra chiedendo se avevano la forza per giocare: nessuno si è tirato indietro e quindi ho fatto le mie scelte. Fare più cambi? Come fai, sbagli: se cambiavo oggi mi criticavate lo stesso. La stanchezza ci può stare, ma dobbiamo giocare sempre da squadra, non a braccio. Quando chiedi ai giocatori e i calciatori ti danno la massima disponibilità...Asamoah oggi l'ho fatto giocare dopo un mese e mezzo che è stato lontano e sembrava un pesce fuor d'acqua".

MAZZARRI - "Ma non diciamo fesserie! Andiamo a vedere le altre partite: noi abbiamo fatto tre partite in sette giorni, il Napoli quante ne ha fatte. Ma ripeto, dobbiamo essere privelegiati sia noi che loro. Questa è l'unica scusante che posso dare ai miei calciatori".

 




Commenta con Facebook