• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Fiorentina, Aquilani: "A Catania protagonismo dell'arbitro". E sul rigore Totti-Osvald

Fiorentina, Aquilani: "A Catania protagonismo dell'arbitro". E sul rigore Totti-Osvaldo...

Il centrocampista viola ha parlato a 360 gradi in un'intervista


Alberto Aquilani (Getty Images)
Andrea Corti (Twitter: @cortionline)

15/02/2013 22:24

FIORENTINA AQUILANI TOTTI SISSOKO / ROMA - Nel corso di un'intervista a 'Radio Blu', il centrocampista della Fiorentina Alberto Aquilani ha parlato del momento suo e della squadra, a partire dalla squalifica subita ultimamente: "In occasione dell´espulsione di Catania, secondo me, non era successo niente di grave. Ho avuto una reazione istintiva e che si è vista e rivista su tutti i campi di calcio. L´arbitro se l´è presa e mi ha cacciato. E´ vero che il regolamento dice questo, ma secondo me è stato un po´ eccessivo il provvedimento. Alla fine ho fatto un gesto ed ho proferito una parolaccia, purtroppo è andata così. L´arbitro ha voluto essere un po´ protagonista, la mia era la parolaccia più comune che ci sia. Questo è stato il rosso è il primo della mia carriera e mi è dispiaciuto soprattutto perché ho lasciato la squadra in dieci in un momento a noi favorevole. Avremmo anche potuto vincere quella gara. L´occasione nel finale contro il Napoli? Questa è stata una delusione diversa rispetto a quella di Catania. Arrivai stanco sul pallone e non riuscii a trovare la porta".

JUVENTUS - "E´ un campo complicato, dobbiamo cercare di reagire e voltare pagine il prima possibile visto che abbiamo partite importanti. Noi giocatori cerchiamo di seguire sempre i dettami di Montella".

PIZARRO - "E´ un giocatore importante con delle caratteristiche uniche al mondo. Nelle partite in cui è mancato abbiamo perso ma senza demeritare, sono stati gli episodi a condannarci. Non abbiamo giocato come nel girone d´andata, ma neanche malissimo".

ULTIMI ARRIVATI - "Compper mi ha colpito moltissimo, ci potrà dare una mano. Sissoko è un giocatore importante, quando ci fu quello screzio con Felipe Melo ci vollero 7-8 giocatori per dividerli".

CRITICHE - "E´ ovvio che quando si va bene c´è entusiasmo e quando si va male cala tutto. Noi dobbiamo fungere da spugna ed assorbire le cose positive".

RIGORE TOTTI-OSVALDO - "Io non mi ci avvicinavo neanche al dischetto quando c´era lui, ma questo non vuol dire che Osvaldo non sappia tirare ai rigori".

OBIETTIVI - "Non dobbiamo pensare troppo, quando arriveremo a 3-4 partite dalla fine vedremo dove siamo e ci porremo obiettivi. Noi siamo venuti per far tornare entusiasmo ed adesso ci ritroviamo a parlare di Champions League".

VIVIANO - "Lo vedo bene, non abbiamo parlato della vicenda della maglia a Torino".

STRAMACCIONI - "A Roma non l´ho mai incrociato, l´Inter è una squadra importante da non sottovalutare. La Fiorentina però deve giocare come sa".

GOL - "Mi auguro di segnare qualche gol in questo finale di stagione. Le concorrenti sono quelle che ci stanno vicino in classifica, la Roma risalirà".

VISITE - "Ho fatto un controllo di routine che faccio ogni tre mesi, tutto a posto".

 




Commenta con Facebook