• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-VIKTORIA PLZEN

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-VIKTORIA PLZEN

Secondo tempo generoso ma figuraccia inevitabile per gli azzurri, traditi ancora una volta da rincalzi inadeguati


Marek Hamsik non basta (Getty Images)
AntonioPapa (Twitter: @antoniopapapapa)

14/02/2013 21:59

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-VIKTORIA PLZEN / NAPOLI - Forse Walter Mazzarri si sarà finalmente reso conto che la fase ad eliminazione non è come la fase a gironi, e una sconfitta così umiliante vuol dire eliminazione diretta dall'Europa. Ancora una volta a tradire sono i rincalzi che anche nei mesi scorsi avevano messo in mostra tutta la loro inadeguatezza, ma il resto della squadra non è da meno. Nonostante un secondo tempo orgoglioso il Napoli esce dal San Paolo con una figuraccia, merito anche di un Viktoria strepitoso, che fa sembrare ridicola l'inattività di due mesi. 

NAPOLI 

De Sanctis 5 - Colpevole sul secondo gol, dove non copre benissimo il palo e si ritrova infilato con un pallonetto docile da Rajtoral.

Gamberini 5 - Non doveva prendere lui Darida, ma il fatto che il gol del Viktoria arrivi proprio nell'unica occasione capitata sul suo out di competenza è abbastanza emblematico. Esce nella ripresa, probabilmente non tanto per demeriti tecnici ma più per esigenze tattiche. (Dal 1' st Hamsik 6,5 - Quando l'ingresso di un calciatore in campo può cambiare totalmente il volto al match: venti minuti di altissimo livello che però non trovano alcuno sbocco concreto).

Rolando 5 - Sfiora il gol un paio di volte ad inizio partita sugli sviluppi dei calci piazzati, in seguito lascia intravedere ottime doti soprattutto sul piano della personalità. Trova spesso gli applausi dei tifosi, che lo incoraggiano appena ne hanno occasione. Poi però dimostra quanto ancora non abbia assimilato i movimenti della squadra: non si intende con Britos sul secondo gol, lasciando Tecl liberissimo di insaccare.

Britos 5 - Nel primo tempo è il migliore del terzetto difensivo, si trova di fronte quello che forse è il cliente più ostico e lo fronteggia sempre senza grosse difficoltà. Nella ripresa si passa a quattro ed è un disastro, complici anche i movimenti sbagliati dei compagni. Ma non è certo esente da colpe.

Maggio 5 - Dimostra di aver smaltito l'infortunio alla mano con un discreto apporto in termini di corsa, sebbene non si distingua per incisività. Poi arretra a fare il terzino, e subisce l'affondo che porta al secondo gol.

Dzemaili 5 - Lui e Donadel sembrano la banda del buco, l'appesantito Horvath e Darida ne fanno polpette. Più propositivo nella ripresa, ma solo perché gli avversari calano vistosamente.

Donadel 4 - Proprio quando il nuovo che avanza Radosevic fa sfracelli al 'Viareggio', il (neanche tanto) vecchio che arretra Donadel dimostra ancora una volta di essere in pesantissimo ritardo di condizione. Passaggi sballati, filtro inesistente e un confronto impietoso contro i tonici mediani cechi. Ancora una bocciatura, stavolta si spera senza appello. (Dal 26' st Inler sv)

El Kaddouri 4,5 - Inizia bene inserendosi sulle percussioni di Pandev e Cavani, poi si perde in alcuni passaggi fuori misura e movimenti sbagliati. Deve ancora trovare la personalità giusta per affrontare l'esigente pubblico del San Paolo. (Dal 13' st Calaiò 5 - Doveva cambiare volto alla partita, spara invece addosso al portiere l'unico pallone buono. Ed era anche in fuorigioco)

Zuniga 4,5 - Nel primo tempo si ritrova schiacciato fra Reznik e Rajtoral, poi nel secondo tempo sembra tirare un po' il fiato finché non regala il secondo gol ai cechi, con un disimpegno sciagurato.

Pandev 4,5 - Come in altre occasioni, il suo gap fisico e di condizione si vede tutto in un'azione a fine secondo tempo, quando cincischia finché ormai era inutile passare il pallone. Come ormai gli accade sempre più spesso, imbarazzante.

Cavani 6 - Lui il sostegno del pubblico ce l'ha sempre, e non solo perché è un idolo. Chiusure difensive encomiabili anche a fine partita. Si chiama portare la pagnotta a casa.

All. Mazzarri 4,5 - Qualsiasi giustificazione non basterebbe stasera, anche perché il Napoli è recidivo e se ha passato il turno di Europa League è stato soltanto per un girone di bassissimo livello. Lui e la squadra hanno sempre preso sottogamba quest'impegno, e la partita di stasera è la punizione più giusta. 

 


VIKTORIA PLZEN 


Kozacik 6,5 - Poche occasioni di mettersi in mostra, ma la parata del primo tempo su Pandev è di quelle che cambiano il corso di una partita. Applausi meritatissimi.

Reznik 6,5 - Nel primo tempo è una spina nel fianco di Zuniga, poi si fa un po' prendere di infilata ma per sua fortuna trova le puntuali chiusure dei compagni.

Cisovsky 7 - Lui e Prochazka formano una barriera insormontabile, anche quando il Napoli attacca con cinque-sei uomini.

Prochazka 6,5 - Rispetto al compagno merita mezzo voto in meno per un disimpegno impreciso che nel primo tempo stava costando caro. Ma è un episodio che non può scalfire una prestazione di altissimo livello.

Limbersky 6,5 - L'asse di sinistra con Kovarik funziona, anche perché non ci sono mai grossi pericoli ad insidiarlo. E quando ci sono li fronteggia bene. 

Darida 7,5 - Il ritardo di condizione si vede soprattutto nei centrocampisti centrali, che nella ripresa crollano letteralmente di fronte alla superiorità del Napoli. Ma lui combatte come un leone e contribuisce a tenere altissima la concentrazione del Viktoria, ripartendo di gran carriera quando ce n'è bisogno. Il gran gol è solo un diamante incastonato in una prestazione maiuscola.

Horvath 7 - Impossibile non vedere l'incipiente pancetta da dopolavorista, e dire che il nero sfina anche. Ma in campo detta legge, gestendo al meglio ogni pallone che capita sui suoi piedi e correndo ben più dei blasonati colleghi d'azzurro vestiti. Uno come Donadel ha parecchio da imparare da gente come Horvath. 

Rajtoral 7,5 - Schiaccia Zuniga mettendolo costantemente in difficoltà, umiliandolo poi quando lo salta secco e deposita poi in rete. Stupisce per una costanza di rendimento invidiabile premiata poi dal gol del raddoppio. Sicuramente fra i migliori.  (Dal 41' st Fillo sv)

Kolar 6,5 - Da elastico fra la prima linea e la trequarti manda in crisi gli statici difensori azzurri. Fra Britos e Rolando non si sa mai chi lo debba prendere.  (Dal 46' st Hejda sv)

Kovarik 6,5 - L'asse di sinistra non è come quello di destra, ma lui mette il sigillo sulla sua prestazione con l'ottima azione che porta al secondo gol.

Bakos 6,5 - Prezioso soprattutto per fare peso offensivo e dare spazi ai compagni, dai suoi piedi transitano diversi palloni, sempre ben smistati. (Dal 13' st Tecl 7 - Riesce anche dove non era arrivato il compagno, infilando De Sanctis e mettendo la pietra tombale sul discorso qualificazione. Niente male per una mezz'oretta di sgambata).

All. Vrba 7,5 - Riesce a mascherare il fatto che il Viktoria Plzen non giochi una partita ufficiale da inizio dicembre impostando una partita di grande sacrificio e una squadra brava a colpire di rimessa. Vistosissimo il calo nella ripresa, ma a quel punto lo aiuta anche la fortuna. Che si sa, aiuta i bravi e gli audaci. 

Arbitro Van Boekel 6,5 - Vede bene un paio di fuorigioco molto difficili, dirige una partita sostanzialmente corretta senza grosse difficoltà.

 

NAPOLI-VIKTORIA PLZEN 0-3

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis; Gamberini (1' st Hamsik), Rolando, Britos; Maggio, Dzemaili, Donadel (27' st Inler), Zuniga; El Kaddouri (14' st Calaiò), Pandev, Cavani. A disp.: Rosati, Cannavaro, Campagnaro, Mesto. All.: Mazzarri

Viktoria Plzen (4-2-3-1): Kozacik; Reznik, Cisovsky, Prochazka, Limbersky; Darida, Horvath; Rajtoral (41' st Fillo), Kolar (46' st Hejda), Kovarik; Bakos (15' st Tecl). A disp.: Pavlik, Zeman, Stipek, Adamov. All.:Vrba

Arbitro: Van Boekel

Marcatori: 28' Darida, 34' st Rajtoral, 45' st Tecl

Ammoniti: Rolando, Inler (N), Hejda (V)

 




Commenta con Facebook