• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > LA TATTICA DEL MERCATO: Inter, obiettivo Icardi

LA TATTICA DEL MERCATO: Inter, obiettivo Icardi

Analisi dei protagonisti del calciomercato


Mauro Icardi (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

13/02/2013 16:24

 

CALCIO TATTICA CALCIOMERCATO INTER SAMPDORIA ICARDI MORATTI STRAMACCIONI / ROMA- Il calciomercato invernale è oramai chiuso da quasi due settimane ma le società del nostro campionato stanno già lavorando alacremente per la prossima stagione sportiva. L'obiettivo numero uno dell'Inter di Massimo Moratti si chiama Mauro Icardi, attaccante classe 1993 della Sampdoria. Ieri si era sparsa la voce di un accordo già raggiunto con la società blucerchiata, ma in esclusiva a Calciomercato.it l'amministratore delegato della compagine genovese Rinaldo Sagramola ha smentito, confermando però il grande interesse dei nerazzurri.

BIOGRAFIA - Mauro Emanuel Icardi Rivero nasce a Rosario, in Argentina, il 19 febbraio 1993. Avendo la sua famiglia origini piemontesi è in possesso del doppio passaporto. Sin da molto piccolo è costretto emigrare dalla sua terra natìa per via della crisi economica che colpisce il paese sudamericano. Icardi si trasferisce con la famiglia in Spagna dove comincia a muovere i primi passi calcistici nelle giovanili del Vecindario, piccolo club dell'isola di Las Palmas. A 15 anni, nel 2008, entra nella cantera del Barcellona dove rimane fino al gennaio 2011, senza mai esordire in prima squadra. Viene dunque ceduto alla Sampdoria, in prestito con diritto di riscatto. Si aggrega alla formazione 'senior' dalla stagione 2011/2012, quando esordisce a fine campionato segnando una rete fondamentale per la qualificazione ai play-off per giocarsi la Serie A. Nel 2012/2013 Ciro Ferrara lo inserisce stabilmente in prima squadra e lui esordisce in serie A nel settembre 2012. Il suo primo gol nella massima divisione arriva in occasione del derby con il Genoa, che viene deciso dalle sue giocate. Icardi si scatena nel 2013 segnando 7 reti (di cui 2 alla Juventus) in 6 gare. Il ragazzo di Rosario può contare 5 presenze con la nazionale argentina under-20. Per quanto riguarda la selezione maggiore è' al centro di una sorta di disputa tra l'Argentina e l'Italia (Prandelli lo stima molto), ma il giocatore sembra voler giocare per la sua nazione d'origine.

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE - Mauro Icardi è il perfetto prototipo dell'attaccante moderno. Alto 1,81 per 75 kg, fisico asciutto ma atletico. Destro naturale. 'O Canito'(uno dei suoi soprannomi) è un centravanti puro. Ama infatti giocare come terminale offensivo, ma è in grado di interpretare il ruolo in chiave moderna. Dotato di mezzi tecnici ed atletici non comuni, Icardi è un attaccante che svaria per tutto il fronte offensivo, abile nel fraseggiare con i compagni di reparto e che non da punti di riferimento all'avversario. Come detto, ha mezzi fisici importanti che gli consentono di reggere bene l'uno contro uno e di essere pericoloso con lo stacco di testa ed in fase di contropiede. E' anche molto dotato dal punto di vista tecnico e questo lo rende abile nel dribbling e capace di segnare in qualsiasi maniera: d'astuzia, di destro, di sinistro ma anche con giocate di grande spessore. Essendo un classe 1993 ha ancora ampi margini di miglioramento e può senza dubbio implementare le sue capacità ed il suo senso tattico. 

E' UN AFFARE PER L'INTER? - Sicuramente si tratterebbe di un ottimo acquisto da parte dell'Inter. Attualmente infatti i centravanti nerazzurri sono tutti over 30 e l'arrivo di Icardi, oltre a svecchiare il reparto, aggiungerebbe una freccia in più nella faretra di Andrea Stramaccioni. Il giovane di Rosario potrebbe crescere molto imparando da un giocatore esperto come Diego Milito (a cui viene spesso paragonato) ed inoltre sarebbe perfetto per qualsiasi sistema di gioco: 3-5-2, 3-4-1-2 e 4-3-1-2. Infine, e non è un dato da sottovalutare, l'impatto dalla realtà 'ovattata' della Sampdoria a quello della grande squadra potrebbe essere limitato dalla presenza di tanti giocatori argentini nello spogliatoio nerazzurro. 

 




Commenta con Facebook