Breaking News
© Getty Images

Italia, Eder a Dunga: "Mi seguiva, ma io avevo fretta"

L'attaccante della Sampdoria, convocato in Nazionale, è stato intervistato da 'Globoesporte'

NAZIONALE ITALIA EDER DUNGA ORIUNDI / GENOVA - Uno dei più chiacchierati della settimana è stato senza dubbio Eder, attaccante della Sampdoria che è stato convocato per la prima volta dalla Nazionale italiana. La chiamata da parte di Conte è stata molto discussa ed ha riacceso il dibattito sugli oriundi: "La questione non si risolverà mai. Io sono in Italia da 10 anni e darò sempre il massimo per questi colori. Imparerò anche l'inno", ha affermato il 28enne a 'Globoesporte'.

Nell'intervista concessa al media brasiliano ha poi risposto a Dunga, commissario tecnico del Brasile, che aveva confessato di seguire le sue prestazioni: "Qualcuno lo aveva già anticipato ai miei agenti, ma non so se mi avrebbe mai chiamato ed io non avevo voglia di attendere. La mia scelta è l'Italia". 

O.P.