• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Un week end di ordinaria follia

Un week end di ordinaria follia

Tanti gli episodi 'assurdi' vissuti in questo week end di campionato


Mario Balotelli (Getty Images)
Eleonora Trotta Twitter: @eleonora_trotta

11/02/2013 19:36

EDITORIALE CAMPIONATO / ROMA - Un week end ricco di ordinarie (?) follie. La ventiquattresima giornata di campionato verrà infatti ricordata - soprattutto - per le assurdità ascoltate e viste fuori-dentro il campo da Cagliari a Genova passando per Torino. 
La prima cartolina è di Juventus-Fiorentina: Viviano calpesta la maglia di un suo compagno di Nazionale come Andrea Pirlo, la seconda, dell'album degli eccessi, è Mario Balotelli che zittisce rabbioso dopo il calcio di rigore i tifosi del Cagliari, la terza, ancora più grave per il ruolo ricoperto, il dito medio di Delio Rossi indirizzato ai giocatori della Roma. Nel mezzo le nuove offese in veneto di Berlusconi al suo tecnico Massimiliano Allegri ('El no capisse un c…' ) parzialmente smentite dallo stesso Presidente con una battuta, forse solo di facciata.

Incomprensibile anche il gesto di Pablo Daniele Osvaldo: a Marassi la punta giallorossa ha 'soffiato' al suo capitano Francesco Totti la punizione dagli undici metri per - come qualcuno ha scritto - dedicare la maglia alla sua nuova fidanzata. Un gesto che però stona con un altro elemento: diffidato, l'italo-argentino sarebbe stato out per l'attesa sfida di sabato contro la Juventus di Conte. Una doppia assurdità che a Trigoria, dove il Carnevale è festeggiato da tempo, trova forse una sua logica.




Commenta con Facebook