• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Celtic-Juventus, Kerr (Simple Minds): "Bianconeri favoriti, ma il nostro stadio..."

Celtic-Juventus, Kerr (Simple Minds): "Bianconeri favoriti, ma il nostro stadio..."

Il leader del gruppo rock presenta la sfida di Champions League



11/02/2013 10:21

CELTIC JUVENTUS KERR SIMPLE MINDS / ROMA - John Kerr, leader dei Simple Minds, è un grande tifoso del Celtic. Attraverso le colonne della 'Gazzetta dello Sport', anticipa la sfida di Champions League contro la Juventus:

CELTIC PARK - "I bianconeri sono favoriti e li accoglieremo con onore e rispetto. Sarò allo stadio con mio padre e mio figlio: tre generazioni in sciarpa biancoverde a cantare 'You'll never walk alone'. Il Celtic Park è magia, lì può succedere di tutto perché nessun nostro giocatore può avere paura".

BARCELLONA - "Contro i blaugrana è stato epico. Allo stadio eravamo tutti commossi. Loro fecero entrare Fabregas e Villa, noi Tony Watt, 18 anni e costo 25mila sterline. Ed è stato proprio il nostro ragazzo a segnare il 2-1".

LA SQUADRA - "Siamo schizzofrenici. Giochiamo bene in Champions League e peggio in campionato. Attenti a Wanyama: ha un potenziale enorme. Apprezzo il capitano Commons e il portiere Forster, che davanti a Messi sembrava superman. E c'è Neil Lennon, tecnico giovane, onesto e combattente. Tra i "nostri" giocatori italiani, invece, non dimenticherò mai Di Canio: era 'punk rock' come me da giovane".

JUVENTUS - "Quando penso ai bianconeri penso a Bettega, Tardelli, Causio, Gentile, Platini, Conte, Baggio, Del Piero, Vialli, Nedved, anche se forse nessuno è grande come Zidane. Ero in tour, così ho visto poco la nuova Juve. Ha campioni e uno stadio che vorrei vivere una notte. E mi piace Conte: lo stimavo come giocatore e sono orgoglioso di avere una sua maglia. Confesso, però, che il mio tesoro è la maglia di Armando Picchi. La indossava quando il Celtic vinse la Coppa Campioni '67 contro l'Inter: resta il giorno più bello della mia vita".

S.D.




Commenta con Facebook