• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-GENOA

PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-GENOA

Pavarini salva il Parma. Bertolacci: quanta sfortuna. Leggermente sottotono gli attaccanti gialloblu


L'MVP Bertolacci contrastato da Coda (Getty Images)
Elmar Bergonzini

10/02/2013 15:56

 

PAGELLE E TABELLINO PARMA-GENOA / PARMA – Allo Stadio Tardini di Parma il Genoa di Ballardini ottiene un punto preziosissimo in ottica salvezza. Bertolacci colpisce due pali, Borriello gioca troppo spalle alla porta. Nel Parma bene Gobbi e Lucarelli, Benalouane non riesce a contenere Bertolacci.

 

PARMA

Pavarini 6,5 – Al 12’ respinge in angolo un pericoloso colpo di testa di Bertolacci. Al 57’ compie una parata strepitosa su Rigoni che però era in fuorigioco.

Paletta 6 – Al 58’ chiude su Rigoni impedendo al Genoa di rendersi pericoloso in contropiede. Ferma Immobile al 94’, non concedendo ai rossoblu l’ultima palla gol della partita.

Lucarelli 6,5 – Argina Borriello senza troppi problemi.

Benalouane 5 – Soffre l’imprevedibilità di Bertolacci. Ammonito, salterà la sfida con il Milan di settimana prossima. Dal 62’ Coda 6 – Da quando entra lui Bertolacci fa poco. Cerca perfino il gol con un tiro dai 30 metri a pochi minuti dalla fine, ma Frey è attento.

Gobbi 6,5 – Corre, crossa, copre. Non sarà un fenomeno, ma è affidabile e sbaglia poco. Dal 78’ Mesbah S.v.

Parolo 6,5 – Aiuta moltissimo la squadra in fase di copertura, ogni tanto si affaccia con un po’ di timidezza nella metà campo avversaria, ma non si rende mai veramente pericoloso.

Valdes 6 – Come al solito si rivela utile sia in fase difensiva sia in fase offensiva. La scarsa vivacità dei compagni ne sminuisce però il lavoro.

Mariga S.v. – Dopo soli tre minuti si fa male. Prova a rientrare in campo ma il dolore lo costringe ad uscire. Dal 7’ Ninis 5 – E’ spento, svogliato, non ha nemmeno quell’energia e quella freschezza fisica di cui un atleta di 22 anni dovrebbe valersi per mettere in difficoltà gli avversari.

Biabiany 5,5 – Al 37’ serve un cross perfetto per Belfodil che sfiora la rete di testa. Dovrebbe mettere in difficoltà la difesa avversaria con la sua velocità, ma non punta praticamente mai i giocatori rossoblu. Si rende pericoloso solo all’82 con un tiro dal limite che, deviato, finisce in angolo.

Amauri 5,5 – Si vede solo al 65’ quando cerca di sorprendere Frey con una girata da distanza ravvicinata. Rispetto a Belfodil sembra avere più voglia di mettersi in mostra, ma è lento e macchinoso.

Belfodil 5 – Splendido il colpo di testa con il quale al 37’ sfiora il gol del vantaggio. E’ vero che si gioca all’ora di pranzo, ma l’occasione che si divora al 67’ è una macchia evidente sulla sua prestazione. Viene servito troppo poco dai compagni di squadra per rendersi pericoloso in altre occasioni.

All. Donadoni 6 – Un punto utile a muovere la classifica dopo due sconfitte di fila.

 

 

GENOA

Frey 6 – Devia in angolo una girata di Amauri al 65’. Per il resto il Parma non tira mai in porta.

Granqvist 6 – Gli attaccanti del Parma non sono in grande forma, lui però li controlla e concede loro pochissime occasioni.

Portanova 6,5 – Vince il duello tutto fisico con Belfodil che non riesce praticamente mai a rendersi pericoloso.

Manfredini 6,5 – Aiuta Portanova a controllare Belfodil. Ha un buon senso della posizione, la sua esperienza può essere utilissima per ottenere punti preziosi per la salvezza.

Antonelli 6 – Fiacco. Spinge meno rispetto al solito. In fase difensiva è però attento a non concedere nulla.

Matuzalem 6,5 – Dirige bene l’orchestra rossoblu facendo girare la palla da una parte all’altra del campo. Oggi è anche abbastanza calmo e commette pochi falli.

Kucka 6 – Pensa più a contenere che non ad attaccare.

Pisano 5,5 – L’unico giocatore rossoblu ad andare in difficoltà. Concede troppi cross a Gobbi che Belfodil e Amauri avrebbero potuto sfruttare meglio.

Rigoni 6 – Contro la Lazio era sembrato molto più vivace: sarà stato l’esordio, sarà stata la voglia di farsi notare, ma oggi era leggermente sottotono. Il lungo periodo di inattività a Verona lo giustifica. Dal 67’ Vargas 5,5 – Non ha più lo spunto di una volta.

Bertolacci 7,5 – La prima palla gol della partita la crea lui con un bel colpo di testa che Pavarini respinge però in angolo. Al 47’ colpisce in pieno l’incrocio dei pali con un meraviglioso mancino scagliato da oltre 20 metri. Dieci minuti dopo, in mischia, calcia verso la porta avversaria centrando in pieno in palo. Incontenebile. Dall’88’ Olivera S.v.

Borriello 6 – All’ultimo secondo del primo tempo sfiora il gol del vantaggio con una bella girata con la quale non inquadra però la porta avversaria. Gioca sempre spalle alla porta guadagnando molte punizioni e aiutando i compagni a salire. Così facendo però entra poco nell’area di rigore avversaria. Dall’85’ Immobile S.v.

All. Ballardini 6,5 – Il suo Genoa continua a fare punti, in casa come in trasferta. È arrivato in una situazione drammatica, ma riesce a far giocare la squadra con calma e senza isterismi.

Arbitro: Peruzzo 6 – Partita facile e priva di episodi dubbi.

 

PARMA-GENOA 0-0

Parma (3-5-2): Pavarini; Benalouane (dal 62’ Coda), Paletta, Lucarelli; Gobbi (dal 78’ Mesbah), Parolo, Mariga (dal 7’ Ninis), Valdes, Biabiany; Amauri, Belfodil. All.: Donadoni

Genoa (3-5-2): Frey; Manfredini, Portanova, Granqvist; Antonelli, Rigoni (dal 67’ Vargas), Matuzalem , Kucka, Pisano; Bertolacci (dall’80’Olivera), Borriello (dall’85’ Immobile). All.: Ballardini

 

Arbitro: Peruzzo

Ammoniti: Benalouane (P), Antonelli (G), Valdes (P).

 

 




Commenta con Facebook