• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Stadi, tra topi e prostitute: viaggio negli impianti italiani

Stadi, tra topi e prostitute: viaggio negli impianti italiani

La situazione in Italia e' gravemente arretrata rispetto ad altri campionati di prima fascia


Lo stadio Is Arenas (Getty Images)

07/02/2013 17:58

STADI ITALIANI TOPI PROSTITUTE / ROMA - Gli stadi italiani non sono solo fatiscenti, ma anche le realtà attorno ad essi destano preoccupazione: è quanto risulta da un'indagine de 'Il Fatto Quotidiano', che ha disegnato una panoramica degli impianti del nostro Paese. Solo la Juventus vanta uno stadio di prim'ordine: al 'San Paolo' di Napoli si vedono spesso gatti in tribuna, perché nell'anello a livello del campo, dove c'è la casa del custode - indagato tempo fa perché nascondeva un arsenale di petardi e affini - c'erano i topi. Al 'Barbera' di Palermo il bar della tribuna centrale è chiuso da tempo perché il proprietario è stato incriminato per reati gravi, e la toilette della tribuna a fine partita è impraticabile.

LISTA IMBARAZZANTE - All''Olimpico' di Roma si parla da anni di siringhe nei bagni e prostitute nei pressi dell'impianto durante le partite; al 'Ferraris' di Genova, nuovamente, sono stati avvisati dei topi; al 'Meazza' di Milano l'acqua piovana raggiunge la tribuna stampa; al 'Dall'Ara' di Bologna è recentemente crollato un cornicione di un ingresso. E i problemi dell'Is Arenas'? Mancherebbero due cancelli che il Cagliari monterebbe a proprie spese, ma il Comune non dà l'autorizzazione per via di un'inchiesta che ha coinvolto alcuni funzionari pubblici.

CAGLIARI-JUVENTUS - Il retroscena sulla gara giocata a Parma ha del grottesco: i permessi per giocare all''Is Arenas' arrivarono tardi, e la decisione di giocare a Parma fu di Marco Bogarelli, presidente di Infront, la società che si occupa (anche) della produzione televisiva delle partite di Serie A. Poiché alle ore 13 di mercoledì 19 dicembre non ci sarebbe stato più tempo per spedire le "truppe" in Sardegna, Bogarelli decise: si gioca a Parma. E così fu.




Commenta con Facebook