• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > 'ITALIANS' - Le pagelle degli 'Italiani' all'estero: Ibra rilancia il Psg. Longo

'ITALIANS' - Le pagelle degli 'Italiani' all'estero: Ibra rilancia il Psg. Longo stecca

Tutti i voti degli ex giocatori del nostro campionato che hanno salutato l'Italia nelle ultime sessioni di mercato


Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)
Hervé Sacchi

04/02/2013 14:07

ITALIANS VOTI PAGELLE ITALIANI ESTERO EX GIOCATORI SERIE A / ROMA - L'apertura è, quasi sempre, dedicata a lui. Zlatan Ibrahimovic torna ad essere il migliore della settimana grazie a una prestazione di grande sostanza. Gol e assist per lo svedese che, grazie anche ad un Lucas in condizione invidiabile, liquida la pratica Tolosa. Ritrova una buona prestazione anche Marco Verratti, da tempo lontano da un'ampia sufficienza. Chi, invece, da tempo mantiene alta l'asticella è Ezequiel Lavezzi, sempre costante in termini di qualità. Tra le eccellenze del weekend spicca nuovamente Julio Cesar, capace di chiudere la 'serranda' anche questa settimana. In Olanda, Pellé ha segnato il primo gol del 2013, timbrando il suo quindicesimo centro (in 17 gare) di Eredivisie.
Chi, invece, non sembra essere al top della forma è Samuele Longo. L'attaccante, di proprietà dell'Inter, vive un momento non facile all'Espanyol. Dopo un buon inizio di stagione, Longo ha iniziato una lenta parabola discendente che non ha ancora variato direzione.
Questa settimana figurano diverse voci nuove nella nostra rubrica: Coutinho, Emanuelson, Ziegler, Pabon, Acquafresca e Tissone hanno lasciato il campionato italiano per altri lidi. Anche loro verranno seguiti costantemente durante il prosieguo di stagione. 


Zlatan Ibrahimovic (Paris Saint-Germain): 7,5 - Con un gol e un assist ritrova la giusta serenità che nelle ultime uscite era mancata. Centrale nel gioco del Psg, Ibra viene aiutato da uno straordinario Lucas con il quale sembra già trovarsi a meraviglia. GOOD FEELING. 

Thiago Silva (Paris Saint-Germain): S.V. - Infortunato.

Marco Verratti (Paris Saint-Germain): 6,5 - Ritrova finalmente il genere di prestazione che ci si aspetterebbe da lui. Contro il Tolosa, propone gioco in maniera impeccabile, sbagliando veramente poco. Per lui può essere finalmente un punto di svolta. SBOCCIATO.

Ezequiel Lavezzi (Paris Saint Germain): 7 - Non segna ma ciò non toglie che l'ex Napoli abbia proposto l'ennesima ottima gara della sua annata. Suo l'assist a Pastore che permette di sbloccare la gara. Nel pacchetto offensivo, è certamente il più costante a livello di rendimento. DISCIPLINATO.

Gaston Ramirez (Southampton): 6,5 - Offre tanta qualità in mezzo al campo, presentandosi più volte come spina nel fianco della difesa del Wigan. DINAMICO.
 
Matija Nastasic (Man. City): 5,5 - Ha sofferto troppo il passo e le qualità di Sturridge (Liverpool). Complessivamente composto, paga l'incisività del diretto avversario. Mancini lo toglie nel secondo tempo per provare a dare maggiore spinta sulle fasce con Kolarov. MINACCIATO. 

Maicon (Man. City): 6 - Ritrova finalmente il campo dopo due mesi di assenza. Gettato nella mischia nel secondo tempo, l'ex Inter manca l'appuntamento con il gol che avrebbe potuto regalare i tre punti al suo City. SFORTUNATO.

Julio Cesar (Qpr): 7 - Conferma il suo ottimo periodo di forma, salvando a più riprese il risultato. Poco impegnato nel primo tempo, è decisivo su Hoolahan e Howson. Se il Qpr avesse un po' più di concretezza in avanti, la classifica sarebbe certamente migliore. CARDINE.

Fabio Borini (Liverpool): S.V. - In panchina.

Philippe Coutinho (Liverpool) - Non convocato.

Urby Emanuelson
(Fulham): 5,5 - Esordio non semplice contro il Manchester United. L'esterno olandese entra a 25' dalla fine, tentando qualche sortita nel suo settore di competenza. Dai suoi piedi parte un buon cross che Evans non riesce a tramutare in rete. Deve ancora trovare il ritmo partita e ambientarsi nel nuovo scacchiere. TIMIDO.

Milos Krasic (Fenerbahce): S.V. - Non convocato. 

Reto Ziegler (Fenerbahce): 6 - Non si fida del suo fisico, lontano dalla condizione migliore. Tuttavia, riesce a trovare chi ha fiducia in lui, tanto da garantirgli una maglia da titolare alla prima occasione. Lui ricambia fornendo l'assist vincente a Webo. Peccato solo che ai fini del risultato (Fenerbahce sconfitto 1-2 dal Sivasspor) serva a ben poco. RILANCIATO.

Wesley Sneijder (Galatasaray): 6 - Qualche piccolo passo in avanti per l'olandese che, inserito nel secondo tempo della gara contro il Bursaspor, riesce a garantire un minimo di gioco in più a un Galatasaray senza idee. INNOVATIVO.

Felipe Melo (Galatasaray) S.V. - Squalificato.
 
Graziano Pellé (Feyenoord) 7 - Primo gol del 2013 per l'attaccante italiano che apre le marcature contro il Willem II. Si dimostra determinante servendo il gol del momentaneo 2-1 (la partita si concluderà 3-1 a favore del Feyenoord) al compagno di reparto Trinidade de Vilhena. SBLOCCATO.

Luc Castaignos
(Twente): 5,5 - Ancora all'asciutto l'ex Inter, così come la sua squadra in termini di vittorie nel 2013. Nella gara contro l'Utrecht (persa 4-2) viene spostato sul lato sinistro, lasciando il posto al centro al compagno Bulykin. Sebbene nella prima parte di stagione abbia dimostrato buona incisività, resta forte la sensazione che Castaignos non abbia ancora un ruolo fatto su misura per le sue qualità. INCOGNITA.

Mark Van Bommel (PSV Eindhoven): 6,5 - In una partita senza storia (7-0 contro il Den Haag), il buon capitano amministra con dovere il centrocampo. Recupera diversi palloni, innescando le terribili ripartenze degli uomini offensivi. CINTURA.

Gennaro Gattuso (Sion) - Il campionato svizzero riprenderà il 9 febbraio.

Jose Angel (Real Sociedad): 6,5 - Ritrova una maglia da titolare, giocandosi bene la sua chance. La sua squadra vince, lui convince. Regala buone garanzie a Montanier, il quale si ritrova in casa un'alternativa in più nella difficile caccia ad un posto-Europa. PRESENTE.

Samuele Longo (Espanyol): 5 - La tremenda voglia di fare bene gli gioca un brutto scherzo. Il gol gli manca e si vede ma c'è bisogno di serenità per interpretare la gara nella maniera migliore. Aguirre lo capisce e lo toglie nell'intervallo. APPANNATO

Dorlan Pabon (Real Betis) 6,5 - E' certamente positivo il suo esordio con la nuova maglia. Dimostra di aver voglia di far bene, lottando su ogni pallone e mettendo in seria apprensione la difesa dell'Atletico Madrid (comunque vincitore per 1-0). Se continua così, il Parma potrà tranquillamente puntare su di lui nella prossima stagione. RIGENERATO.

Robert Acquafresca (Levante) - Non convocato.

Fernando Tissone (Maiorca) 5,5 - Prova a tamponare l'avanzata della Real Sociedad ma fatica nel suo ruolo di incontrista. IMPACCIATO.

Alessandro Del Piero (Fc Sydney) 6,5 - Segna il suo decimo gol con la maglia del Sydney. La sua festa è però rovinata dal pareggio in extremis dei Newcastle Jets, capaci di firmare il 2-2 finale ad un paio di minuti dalla fine. Resta, tuttavia, positiva la prova personale dell'ex juventino, sempre più valore aggiunto di una formazione comunque modesta. STELLA.

Lucio (San Paolo): 6 - Forte del 5-0 dell'andata, e in vantaggio 3-0 al 35' del primo tempo nella gara di ritorno di Libertadores contro il Bolivar, la formazione verdeoro si rilassa completamente permettendo agli avversari di avere il loro momento di gloria. La compagine boliviana, infatti, riesce nell'incredibile rimonta, chiudendo il match sul 4-3. La brutta figura dell'intera squadra tange solo parzialmente l'ex juventino, uno dei pochi a cercare fino all'ultimo di tenere quadrata la sua squadra. ULTIMO BALUARDO.




Commenta con Facebook