• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Prandelli: "Che coppia Balotelli-El Shaarawy!". E sulla Nazionale...

Serie A, Prandelli: "Che coppia Balotelli-El Shaarawy!". E sulla Nazionale...

Il commissario tecnico 'azzurro' ha parlato anche della possibile convocazione di Mauro Icardi


Prandelli e Balotelli (Getty Images)
Stefano D'Alessio (@SDAlessio)

02/02/2013 10:26

SERIE A DICHIARAZIONI PRANDELLI NAZIONALE / ROMA - Cesare Prandelli, commissario tecnico della Nazionale, ha parlato durante un incontro con i giovani a Rivolta d'Adda. Queste le sue dichiarazioni, riportate dalla 'Gazzetta dello Sport':

BALOTELLI - "Mancini non ha ostacolato la trattativa con il Milan. Questo dimostra che Roberto ha a cuore il bene di questo ragazzo. Da noi in Nazionale, Mario ha sempre avuto un comportamento esemplare. Non ha mai avuto tempo per fare qualcosa di particolare vista la brevità dei raduni. Siamo obbligati ad aiutarlo, ha 22 anni e grandi potenzialità. Il tandem con El Shaarawy? E' una coppia che ha grande potenzialità e prospettiva vista l'età. Per l'Italia è sicuramente un vantaggio che possano lavorare insieme».


DE ROSSI - "Se recupera dai problemi non avrò dubbi a convocarlo".

ICARDI - "La maglia azzurra non è solo un'opportunità. Deve anche essere il risultato di una scelta convinta. Per ora non lo chiamo, in futuro vedremo".

RAZZISMO e CASO BOATENG - "Arriva un momento in cui si deve dire basta. Il Milan ha fatto bene ed è una scelta che potrebbe ripetersi. Bastano 20-30 secondi per isolare, far capire, provocare, far parlare. Poi si può ricominciare a giocare. Mi sembra che anche la Uefa abbia dato direttive in questo senso".

VIOLENZA NEGLI STADI - "È un problema che va risolto. Ma tutti insieme, non solo la polizia schedando i tifosi. Nei miei cinque anni a Firenze siamo riusciti ad avere un rapporto bello e sincero con la tifoseria. Anche il terzo tempo è stato subito accettato bene".




Commenta con Facebook