• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > SPECIALE CM.IT - Mercato, da Kaka' a Paulinho: ecco le trattative sfumate in questa sessione

SPECIALE CM.IT - Mercato, da Kaka' a Paulinho: ecco le trattative sfumate in questa sessione

I top club del nostro campionato hanno inutilmente cercato di portare nuovi e vecchi campioni in Italia


Paulinho (Getty Images)
Maurizio Fedeli (twitter@maurilio85)

31/01/2013 22:04

SPECIALE CM.IT SERIE A TRATTATIVE FALLITE / ROMA – E’ il mercato di Balotelli. Il ritorno di 'Super Mario' in Italia ha scatenato l’entusiasmo di tifosi e addetti ai lavori, ma nonostante il suo arrivo in rossonero, sono numerose le trattative di mercato sfumate da parte delle società di Serie A. Ecco quali sono:

MILAN – Il mercato dei rossoneri si è aperto con la cessione di Pato: il ritorno del 'Papero' in Brasile ha aperto ad un possibile ritorno di Kakà al Milan. Galliani ci aveva già provato la scorsa estate, ma stavolta le condizioni sembravano essere più favorevoli: c’era la volontà del Real Madrid di disfarsi del pesante ingaggio del giocatore; il brasiliano voleva tornare a vestire il rossonero e la società di Via Turati (con il tesoretto derivante dall’operazione Pato) era ingolosita dalla possibilità di riportare a costo zero il giocatore a Milano. La trattativa è saltata a causa dell’elevato stipendio del giocatore (disposto solo ad una parziale riduzione dell’ingaggio) e per il 'no' del Real Madrid al prestito gratuito di 30 mesi.

INTER – La partenza di Sneijder ha chiamato i nerazzuri ad inserirsi per una trattativa riguardante un giocatore già affermato e di prospettiva: Paulinho. L’Inter ha proposto un’offerta economica allettante al giocatore (che ha rifiutato) mentre il Corinthians ha negato di aver intavolato una trattativa ufficiale con il club meneghino. Se ne riparlerà a giugno, nel frattempo sono arrivati i vari Rocchi, Kuzmanovic, Kovacic, Carrizo e Schelotto.

JUVENTUS – Top player o no? Marotta e Paratici hanno vissuto il classico mercato alla caccia del bomber di razza. Il sogno è stato Drogba, ma viste l’esose pretese economiche dell’ivoriano (poi approdato al Galatasaray), il club ha virato su Anelka. Più concreta la pista che portava a Lisandro Lopez ma i bianconeri non hanno trovato l’accordo con il Lione: prestito gratuito con diritto di riscatto fissato a 8 milioni la richiesta dei francesi, la Juve non era disposta ad offrirne più di 4,5. Nelle ultime ore Marotta ci ha provato con il Parma per Belfodil ma il club emiliano ha sparato alto( 13 milioni di euro più Quagliarella).

NAPOLI – I partenopei, in vista delle squalifiche di Cannavaro e Grava erano alla ricerca di un difensore affidabile, individuato in Andreolli. Il giocatore è in scadenza di contratto con il Chievo e la società veneta chiedeva 2 milioni per lasciar partire subito il suo centrale. L’annullamento delle squalifiche di Cannavaro e Grava hanno fatto tornare il Napoli sui suoi passi. Intanto è arrivato Rolando. De Laurentiis ha cercato il colpaccio negli ultimi minuti di mercato: offerti 13 milioni alla Sampdoria per Icardi, ma il club blucerchiato ha declinato l’offerta.

FIORENTINA – Il mercato dei viola è stato legato indirettamente a quello della Juventus. L’arrivo, oltre ad Anelka, di un'altra punta in bianconero avrebbe fatto si che uno tra Matri e Quagliarella approdasse nel capoluogo toscano. Alla fine il tutto si è concluso con un nulla di fatto.

LAZIO – Lotito ha cercato fino all’ultimo di far approdare nella capitale Felipe Anderson, centrocampista classe 93’ in forza al Santos. La Lazio ha trascorso l’ultimo giorno di mercato a cercare l’accordo economico con la società d’investimento proprietaria del 50% del cartellino del giocatore (l’accordo con il club brasiliano era stato trovato in precedenza sulla base di 7 milioni di euro): il segretario generale biancoceleste, Calveri, ha varcato la porta a pochi secondi dal termine del mercato ma causa problemi con il transfer la trattativa si è risolta in una bolla di sapone.

 




Commenta con Facebook